lunedì 15 febbraio 2016

Quanto e come si guadagna con Youtube

Se seguite la pagina facebook già sapevate che avrei scritto su questo argomento, in quanto annunciato e anticipato. Avevo ricondiviso un video cercando nuove interazioni per raccogliere qualche altro dato, visto che quelli che ho in mano sono limitati (uso youtube a tempo perso, quando ho l'impressione che un video sia meglio di un articolo), ma dicono comunque tanto, veramente tanto.

I guadagni su youtube

Da quando è nato socialblade tutti si sono fiondati lì sopra per avere una stima di quanto guadagna uno youtuber o di quanto guadagnerebbe il proprio canale, e subito è stato il putiferio più totale.
Perché ora da cifre quasi vere (che sono più vicine al minimo e ci si discostano di poco) ma prima stimava numeri assolutamente ridicoli per quanto erano alti.

In ogni caso il danno è fatto: tutti i bimbimerda hanno iniziato la loro campagna contro i moneygrabber, invidiando e cercando di imitare i "big youtuber" per fare anche loro soldi a pacchi.

La realtà è ben diversa però...
Avendo io un buon account ho attivato da poco la monetizzazione del mio canale youtube, dove carico video a tempo perso. Ero curioso di vedere come funzionavano le cose (non so se si è notato ma io sono curioso di provare molti servizi, anche se la curiosità di provare patreon ha mandato in tilt un coglionazzo rampante).
Al momento ho circa 2300 views da quando ho monetizzato l'account (circa 20 giorni fa), molto poche. però mi permette di dare un occhio ad alcuni dati.

Non so se ridere o compatire il demente che ha fatto
questa finta meme...
Si diventa ricchi con youtube? Ma nemmeno con il cazzo spellato!
Le pubblicità si dividono principalmente in preroll, cioè quelle che vengono visualizzate prima del contenuto, skippabili e non, e i banner.
I banner sono quelli più visualizzati, e credetemi pagano una miseria infame: 22 centesimi ogni mille visualizzazioni. Centesimi di dollaro.
I preroll invece hanno un CPM (cost per mille, le mille view citate prima) molto interessante: dai 14 ai 24 dollari, in base al paese.
Indovinate quale è il paese fogna che paga meno? No, non è l'Italia per una volta, anche se siamo fra i più bassi (quei 24 dollari CPM li fa la Svezia, l'italia fa 1,5 dollari)

Adesso gli hater staranno già incazzandosi urlando "a caricate due catzate su youtubbe e ha Quadagnato sessanta dollareh!111!", ma devo scontentarli, purtroppo.
Perché prima di tutto bisogna tenere a mente che google si tiene il 45% delle entrate, e a te rimane il 55%. E' pure più basso rispetto alla percentuale che prendi da Adsense che è il 68%, ma si può capire visto che una piattaforma come youtube necessita di investimenti consistenti.

Inoltre visto che il grosso del guadagno lo fanno gli annunci preroll ma che se vengono skippati non ti fanno guadagnare una ceppa di nulla, ecco che delle 2300 views fatte in queste settimane solo 41 hanno generato guadagni dalle video inserzioni, per la bellezza di 61 centesimi di dollaro lordi (a me poco più della metà, 34).
I banner, pagando una miseria, mi hanno fatto guadagnare ben 4 centesimi di dollaro.

Perché numeri così miseri? Immagino sia colpa di adblock... su 2300 views infatti solamente 294 sono state monetizzate. Quasi il 90% di chi guarda youtube è un parassita che sta uccidendo il suo ospite (se non guadagnano soldi il servizio chiude, pensano di essere furbi ma sono solo dementi rincoglioniti dalla megalomania).

Quindi per farsi un'idea di quanto si guadagna con youtube prendiamo la cifra media dei preroll e dividiamola a metà, perché tu prendi il 55%, poi questa metà riducila al 10-15% delle views monetizzate che registri, poi prendi e cambialo in euro perdendoci un ulteriore percentuale, e voilà: i guadagni stratosferici dei moneygrabber youtubiani!

Da 15 dollari CPM si scende a 20 centesimi.
Roba che un barbone ti sputa in faccia.

Ora le cose per chi ha canali grossi potrebbero essere diverse, visto che loro possono visualizzare video non skippabili di 15 secondi circa, e immagino paghino molto meglio rispetto questi altri, ma fanno scappare l'utente che di fronte ad uno spot della infinita durata di 15 fottuti secondi va via a farsi una gran sega, tanto quel tempo gli basta e avanza...
In ogni caso dubito che anche i grossi superino di molto i 50 centesimi ogni mille views...
Quindi quello youtuber che fa 100 mila visualizzazioni su un video ci ha guadagnato 50 dollari, o perfino meno.

Per farvi un'idea di quanto miserabili sono le cifre, basti pensare a quanto vende uno spot di 30 secondi Mediaset dopo striscia la notizia: 80 mila euro. 
Tenendo conto che di media hanno 5 milioni di telespettatori a serata mettiamoli in confronto ai guadagni di uno youtuber che fa 5 milioni di view? 2500 euro.
Andiamoci pure allegrissimi e raddoppiamo a 1 euro CPM: 5000 euro.
Vogliamo passare per ubriachi? Facciamo pure 10 mila euro!

80 mila contro 10 mila, per lo stesso pubblico.
Anzi, a dire il vero si parla di TV generalista contro un pubblico molto ben targhetizzato, e il pubblico targhetizzato costa 3 o 4 volte di più (dinamiche pubblicitarie, siccome è gente interessata è più probabile che comprino, mentre nella generalista "spari nel mucchio".

Quindi, si guadagna con youtube?
Qualche briciola, niente di più. Chi fa grandi numeri meriterebbe di guadagnare come minimo il doppio. Perfino un blog rende meglio.

Insomma, dati limitati che aggiornerò sicuramente una volta che avrò raccolto più numeri, ma che palesano una situazione merdosa. Ricordatevi che spesso per fare video servono molto più soldi e tempo rispetto a quello che serve per fare un articolo su un blog.


A parte le divagazioni la situazione è questa punto e basta.
Non per nulla gli youtuber il grosso del guadagno ce l'hanno dalle donazioni su Patreon...



9 commenti:

  1. Non ho mai visto nessuno youtuber arricchirsi; però ho visto una marea di fuffari vendere questo e altri sistemi per "diventare ricchi che più ricchi non si può" sul web a una fottonnellata (traduzione del merrrrrrregano "fuckton"...) di bimbiminkia che ci cascano con tutte le scarpe. Mai visto quella menata dei sondaggi "a pagamento"? Dopo averne compilati diecimila forse riesci a raggiungere la soglia per avere quei quindici centesimi di guadagno. Ne vale la pena? Mah, fate vobis. Quando poi i bimbiminkia si rendono conto di essersi fatti coglionare ben bene da un venditore di fuffa, partono le critiche a stecca e gli attacchi a chi, magari, il guadagno l'ha ottenuto da altre fonti, tipo Patreon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda TSU: promette quattro spicci e lo eleggono a santo salvatore della patria. Se lavori (perché su youtube c'è lavoro dietro) sei una merda. Io li manderei a lavorare gratuitamente, perché devono farlo "perlappassioneh"

      Elimina
  2. Faccio una precisazione: "Moneygrabber" è anche un termine di sfottò che si usa nei confronti di quei soggetti che pur di guadagnare si mettono in ridicolo, non si tratta per forza di uno che guadagna molto (che può anche essere bravo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendi quelli come rosario muniz?

      Elimina
    2. Si, anche come Luke4316. XD

      Elimina
  3. Si potrebbe parlare anche dei ricavi pubblicitari nelle app, perché da quando Flappy Bird ha guadagnato un fottiliardo di euri al giorno ci sono molte persone che si son convinte che si fanno i soldi così.

    Ho sviluppato un gioco per Android con pubblicità, non certo per guadagnarci ma per passione, le pubblicità le ho messe perché comunque volevo rifarmi un minimo del tempo speso. Ok, è un gioco corto e che non ha "replay value", ossia una volta finito non lo riprendi in mano, non ha neanche bisogno di internet per funzionare, per cui è naturale che io faccia poche views. Però ne faccio tra le 1000 e le 1500 al giorno.

    In nove mesi ho guadagnato 200 euro. Che non mi fanno schifo, eh, però non sono certo i 50.000 al giorno che faceva Flappy Bird. E il mio gioco sta anche andando abbastanza bene a livello di download, non è certo "virale" ma non mi lamento. Ma per un Flappy Bird che viene giocato milioni di volte al giorno o anche per un gioco come il mio che fa mille views ce ne sono tantissimi altri che finiscono nell'oblio dello store, insieme al tempo speso per farli.

    Come OGNI cosa, per fare VERAMENTE i soldi devi essere il migliore o quasi. È come dire che si guadagna facendo il calciatore in Italia... beh, sì, si guadagna. Se sei uno dei 1000 giocatori di A o B. A fronte di QUANTI aspiranti calciatori, però?

    Se vuoi fare i soldi coi videogames o hai una botta di culo enorme o devi trovarti una casa coi controcazzi dove lavorare. Altrimenti è meglio che uno lo faccia solo per passione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io con i libri ci ho fatto pure di meno...
      Comunque si, il talento e le idee brillanti sono quelle che pagano sempre, la mediocrità e l'essere uguali a tutti gli altri non attira nessuno. E vallo a spiegare a quelli che mi martellano i coglioni per il mio modo di scrivere...

      Elimina
    2. Come si chiama l'app?

      Elimina
  4. Quello che hai scritto è vero ma incompleto dato che riguarda solo i guadagni ottenuti direttamente da YouTube ma trascura completamente l'aspetto sponsor da cui escono i veri soldi. Per accedere a questi sponsor le possibilità sono due: o ti fai da solo, raggiungendo con gran fatica un numero estremamente importante di iscritti o producendo contenuti che possono interessare a dei partner pubblicitari e gestisci in autonomia i rapporti con le aziende che vogliono pubblicizzare i loro prodotti (vedi Yotobi o Dario Moccia) oppure ti metti al servizio di un agenzia di talenti che se ti giudicherà adeguato ti aiuterà a farti un nome sul Tubo (ad esempio pagando Google per migliorare il piazzamento dei tuoi video nel portale) ma ti controllerà imponendoti i formati da realizzare (esperimenti sociali, challenge, gameplay... in base alla moda del momento), gli eventi live a cui dovrai partecipare e i prodotti da pubblicizzare, lo YouTuber reclutato in tal modo avrà poi parte dei guadagni, derivati in genere da product placement, serate ed eventi. Potrebbe sembrare della fuffa complottarda ma ti garantisco che non è così, questa pagina (tratta da archive.org visto che il sito da cui proveniva è stato rifatto): https://web.archive.org/web/20150224082146/http://2much.tv/b2b/ l'agenzia in questione è quella con cui lavorano ad esempio Matt & Bise e iPantellas ed è una delle più grandi in Italia.

    RispondiElimina