mercoledì 10 febbraio 2016

Figli di coppie gay, il dibattito sporcato dal tifo da stadio

Si sta facendo tanto ciarlare dei figli delle coppie gay, step child adoption e adozioni vere e proprie, e per quanto io sia inequivocamente a favore dei diritti civili e sia della step child adoption sia delle adozioni vere e proprie (scrissi anni e anni fa a proposito dei bimbi adottate dai gay, perché non sono infelici) posso forse fregiarmi del vantaggio di guardare il dibattito dall'esterno...
Non sto né da una parte né dall'altra della barricata, ma vedo entrambi i fronti sparare le peggiori minchiate atomiche e commettere errori che non porteranno mai da nessuna parte...

Un dibattito sporcato dal tifo da stadio


Abbiamo da un lato gente non troppo acculturata, con mentalità vecchia, con la paura del nuovo e dell'ignoto. Si tratta di quelli che difendono la "famiglia tradizionale" contro quello che loro vedono come schifo, sporco, malsano modello "gender" proposto dalla "lobby gay".

Dall'altro lato abbiamo quelli che difendono i diritti dei gay contro la mentalità vecchia di chi ritengono omofobo, bigotto, idiota, ritardato e che magari va a mignottoni trans con nerchie da 30 cm.

Riassuntino veloce veloce del peggio di quello che ho visto insomma.
Perché i primi sono in errore? Perché si fanno soggiogare dalla paura dell'ignoto, del nuovo, del cambiamento e ascoltano una propaganda pressante e pregiudizi assurdi riguardanti gli omosessuali, ritenuti tutti fenomeni da baraccone che vestono tutti i giorni come al gay pride (una grandissima martellata sui coglioni autoinflitta se chiedete un mio parere, una pagliacciata che rafforza pregiudizi e un'immagine distorta).
Ed essendo ignoranti non è difficile usare il gay pride e qualche slogan per convincerli che sono il demonio incarnato e che distruggeranno la società come la conosciamo. Cosa che è stata fatta appunto per pascolarli come si deve.

So' tutti omofobi
Perché i secondi sono in errore? Perché si fanno accecare come fossero jihadisti e iniziano a vedere o tutto bianco o nero, vanno contro qualsiasi obiezione non rispondendo in modo sensato ma spesso e volentieri con l'accusa di essere omofobo e chiusa lì, per loro tu sei un demente bigotto omofobo e pure un po' ricchione (al primo che rompe il cazzo per le battute lo faccio nero).
Ed essendo convinti della bontà del loro operato non c'è verso di fargli capire che magari qualcuno ha dei dubbi sinceri e non dettati da odio viscerale, e non si può rispondere con "sei un coglione" oppure "è TUTTO FALSOH!!!1111".

Perché se a qualcuno viene il dubbio che un bambino crescendo con due uomini o due donne possa avere dei problemi non sta dicendo vaccate, ma sta ponendo dubbi validi, e se rispondi con "è tutte cazzate" stai commettendo un errore madornale, ti stai asserragliando nelle tue convinzioni e neghi la realtà, e negando la realtà agli occhi dell'interlocutore risulti un bugiardo non affidabile.

Un po' come i veg(ardi) che insistono a dire che non mangiano animali perché sono maltrattati abbestia negli allevamenti, mentre noi gli allevamenti li vediamo tutti i giorni e sappiamo benissimo che quello che raccontano sono vaccate. Mi fido di quello che dicono? No, perché sono ovviamente alienati dalla realtà. Quindi perché negare la realtà perdendo credibilità? Perché lo fanno persone che solitamente sono razionali?

Perché sono nati tutti psicologi porcaccia la puttana misera, adesso anche quelli che si lamentano del popolino che ogni giorno si scopre professionista in qualcosa?

Punto primo: lo sanno pure cani e porci che chi cresce senza un padre ha grosse ripercussioni nella vita, ne vogliamo vedere alcune?
Negli States (non so se ci sono statistiche italiane, ma non credo cambi molto) il 63% dei giovani suicidi era senza un padre (5 volte più alto della media)
L'85% dei bambini che dimostrano disturbi comportamentali è senza padre (20 volte più della media)
L'80% degli stupratori con problemi di rabbia è senza padre (14 volte la media, feminazi leggete e iniziate a correre che vorrei prendervi a bastonate in faccia)
L'85% di tutti i giovani in carcere è senza padre (20 volte la media)

Insomma, la lista e lunga e lascio un link per seguirla tutta, ma il quadro è chiaro, tondo, cristallino e innegabile: crescere senza il padre ha delle ripercussioni.

Vogliamo vedere le statistiche dei bambini cresciuti senza madre? Eccole:
I bambini senza una madre hanno difficoltà a creare legami con le persone che non siano il loro padre.
I bambini senza la madre hanno maggiori problemi di paura e ansia, perché temono un altro abbandono.
I bambini senza la madre tendono ad isolarsi perché si sentono a disagio in mezzo ai bambini che parlano delle loro madri.

La lista completa, idem come sopra.

Negare che queste situazioni possono portare problemi, dare del coglione a chi solleva questi dubbi e urlare "elle koppieh normali nn lo fanneh? Eh? Eh? Eh!?" equivale al grillino che gli fai notare che i pentastellati non sono i santi scesi dal paradiso che raccontano e rispondono con "EILPIDDI!?!!?!?".

Se capita una digrazia o un divorzio è un incidente, se dai un bambino a due donne o due uomini lo stai facendo di tua spontanea volontà. Non è la stessa cosa, per cui urlare in faccia che già succede è una fallacia logica grossa come una cagata di Platinette dopo il cenone di capodanno.
E' come buttare un tizio dal burrone e difendersi dall'accusa di omicidio urlando "e quelli che scivolano allora? Eh? Eh? EH!?", il che non è esattamente dimostrazione di grande ingegno e strategia comunicativa.

Il dubbio è lecito, e a rispondere a questo dubbio ci ha pensato uno psichiatra, anzi il presidente della società psicoanalitica italiana, a spiegare per bene come evitare problemi:

"Che i genitori siano omo o etero non rileva: il loro sesso biologico è un elemento assolutamente inessenziale, per la buona crescita di un bambino" spiegando anche il perché: "Più che l’essere uomo o donna, quello che conta in una coppia genitoriale è l’attitudine mentale, la capacità di svolgere le funzioni paterne (la legge, l’ordine) e materne (l’accoglienza, l’affettuosità). Se una coppia funziona in una maniera mentalmente eterosessuale, se al suo interno c’è chi svolge la funzione materna e chi quella paterna, non vedo alcuna differenza che riguardi il sesso biologico dei suoi componenti. Perché non è da quello che dipende l’equilibrio complessivo della coppia, e dunque la crescita del bambino".
Quasi lacrimo sangue nel leggere una risposta sensata... e anche un consiglio implicito su come dovranno educare il bimbo le coppie omosessuali.

Facciamo un paragone?
"Si ma, i bambini come cresceranno?"
"Cresceranno benissimo omofobo di merda, cattobigotto del cazzo vatti a suicidare"

"Si ma, i bambini come cresceranno?"
"Se i genitori si impegneranno ad educare il bimbo così così e cosà (rifacendosi alle dichiarazioni soprariportare dello psichiatra) non ci sarà alcuna differenza di sorta"

Secondo voi, a mente lucida, quale delle due risposte può ottenere il risultato mediatico migliore?
Si lo so, non sono l'esempio migliore del "mantenere la calma", ma io qui argomento, e dopo perculo, però intanto argomento e quegli argomenti non si possono discutere (c'è chi ci prova facendo la figura del povero mentecatto rincoglionito, ma sono cazzi loro), e questo è innegabile.

Insomma, molti personaggi che difendono i diritti degli omosessuali non stanno facendo un grosso lavoro sul modo in cui l'opinione pubblica vede la cosa, se ad ogni obiezione risponde con insulti e pregiudizi, perché presupporre che ogni dubbio palesato nasconda omofobia e odio è una cazzata, non sono tutti omofobi là fuori.


Capisco che fa comodo etichettare e categorizzare un nemico, come hanno fatto dall'altra parte inventandosi "la teoria gender", ma non è esattamente razionale.
E' stata una coglionata intervistare una decina di mentecatti al family day e far passare il messaggio che tutti quelli che hanno dubbi sulle adozioni fossero convinti che i gay siano ogm creati da pig farmer, tutti quelli che difendono la "famiglia tradizionale" fossero dei bigotti dementi ecc ecc.
Magari non lo sono, magari sono solo ignoranti e temono l'ignoto, e continueranno a temerlo se quell'ignoto risponde con insulti e sfottò.

I più grossi problemi con l'opinione pubblica è la parola "famiglia", secondo me rinunciabile in tutto e per tutto per delle unioni civili tutelate (che minchia te ne frega di come si chiama?) e la step child adoption, che si potrebbe spiegare in modo molto più efficace del dare dell'omofobo a tutti e rispondere "uno a ammazate i fighli bella famiglia tradizionale eh?" (sul serio, risparmiarsi queste minchiate no? Torniamo al discorso del burrone, solo che stavolta rispondi "lo fa lui e non posso farlo io?"). Tutto il resto è politica, e la politica italiana seguirà il potere e i voti. Se iniziano a cambiare i voti cambieranno le cose, se ci si ostina a creare la guerra non si va da nessuna parte.

Insomma, calma e sangue freddo (un cazzo, so già che verrò inondato di merda come al solito), che con certe sparate si ottiene l'effetto contrario. Ho un amico che sono sicuro commenterebbe in modo molto interessato tutto questo, essendo lui dubbioso sulle adozioni gay ed essendo vittima in prima persona di insulti e accuse di omofobia, nonostante abbia sollevato dubbi leciti.


22 commenti:

  1. Sono molto d'accordo con il tuo articolo, anche se credo che occorra considerare il contesto storico: decenni fa si facevano gli stessi discorsi sui matrimoni misti tra neri e bianchi, e i toni erano gli stessi. Anzi, più accesi! Sparatorie, pedinamenti, eccetera... I fatti di Los Angeles degli anni 60 dimostrano quanto oggi ci limitiamo a scaramucce. Allora si diceva che un figlio bianco in mano ad un nero sarebbe diventato un criminale, che un figlio mezzo sangue avrebbe avuto malattie genetiche, e così via. Oggi rivediamo la storia davanti ai nostri occhi, incapaci di non commettere gli stessi errori. D'altra parte, il political correct ci costringe ad eliminare dal nostro vocabolario molte parole. Io voglio avere il diritto di usare parole come "finocchio" o "frocio" non perché omofobo, ma perché fanno parte del folclore, perché so che chi riceve questo epiteto si sentirà offeso, perché occorre depotenziare il tono dell'offesa. Dobbiamo ripeterla quella parola, frocio, finché non avrà più senso. Toglierla dal dizionario delle parole pulite serve solo a dargli più forza.
    Dunque, ripetete con me:

    Frocio.
    Frocio.
    Frocio.
    Frocio.
    Frocio.

    Finché non sarà una parola come un'altra, come "roscio", come "biondo", come "magro", come "grasso"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il giorno che capiranno che un'offesa lanciata a qualcuno è mirata a offendere lui e non il resto del mondo allora la società migliorerà. Fino ad allora ci terremo multe ipocrite per scaramucce fra due persone.

      Elimina
    2. Frocio non è comunque sinonimo di omosessuale. Sarebbe bene impararlo.

      Elimina
  2. mi permetto di suggerire uno spunto:

    la tua frase "una grandissima martellata sui coglioni autoinflitta" riferita a come viene festeggiato il gay pride...imho è intrinsecamente discriminatoria perchè se devi decidere se agevolare il lavoro minorile allora devi prendere in considerazione i livelli di depravazione a cui possono arrivare i giovani in determinati contesti.
    Perchè per i giovani etero le situazioni border line non vengono prese in considerazione mentre i gay devono stare attenti a come si comportano o rischiano di avvallare le accuse che gli omofobi sollevano?
    Mi sono espresso come un cane ma spero di essermi fatto capire un minimo...mi incuriosisce molto il tuo punto di vista in questione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Perchè per i giovani etero le situazioni border line non vengono prese in considerazione mentre i gay devono stare attenti a come si comportano o rischiano di avvallare le accuse che gli omofobi sollevano?"

      Perché quasi nessuno nota che tante obiezioni vengono sollevate anche per gli etero. Se i gay pride fossero manifestazioni non provocatorie gli omofobi (quelli veri) sarebbero messi all'angolo più facilmente.

      Elimina
    2. In realtà vengono prese in considerazione eccome... i giovani sono tutti drogati sfaticati perché molti rifiutano lavori pesanti o notturni e passano il fine settimana in discoteca, dove gira più droga che a scampia.
      Mai sentito quel pregiudizio?

      Elimina
    3. davvero vengono presi in considerazione? hai visto movimenti "spontanei" di cittadini che andavano a protestare contro l'ultima legge per agevolare il lavoro giovanile? o qualche vescovo o cardinale che in tali occasioni consigliava i nostri parlamentari su come votare? io no...
      tu giustamente parli di pregiudizi, rimanessero tali sarei d'accordo con te ma con gli omosessuali non si sa perchè i pregiudizi possono trasformarsi in azioni sul campo senza che per questo prendano connotazioni negative (misteri della fede....cattolica)

      Elimina
  3. ah...non so come è stato strutturato lo studio che linki però non avere un padre non credo sia sinonimo di avere due madri (e viceversa ovviamente).
    Ergo bisognerebbe chiedersi: effettivamente quei dati sono correlabili perchè manca una figura paterna o perchè manca un genitore?
    e bisogna stare sempre attenti alle statistiche, così al volo ti posso dire che tutti quelli oggetto dello studio bevono abitualmente acqua e la maggior parte sicuramente mangia carne...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "effettivamente quei dati sono correlabili perchè manca una figura paterna o perchè manca un genitore?"

      Appena dopo aver parlato della mancanza della figura paterna ha citato anche i problemi che ha chi è senza madre. Letteralmente "appena dopo".

      Elimina
    2. e infatti ho messo "viceversa" appena prima :)

      riformulo: la mancanza del padre è equiparabile ad una famiglia con due madri? o la mancanza di una madre con una famiglia con due padri?

      Elimina
    3. Cazzo c'entra? Ma l'hai capito il senso del testo?

      Elimina
    4. "Ergo bisognerebbe chiedersi: effettivamente quei dati sono correlabili perchè manca una figura paterna o perchè manca un genitore?"

      Credo che sia la mancanza di entrambi i modelli che possa creare squilibrio, così come dove i modelli ci sono ms allo stesso tempo sono assenti.
      Come dice PalleQuadre, però, una cosa è un fatto che accade per un incidente di vita e un altro se sei tu a decidere in primis.
      Chi oppone che nelle coppie omo i figli crescono bene anche confronto a quelli della media delle coppie etero non si accorge che da una parte analizza una minuscola porzione di famiglie che, per vari motivi, è sotto osservazione, e lo sa, ed è quindi più attenta a tutto, mentre dall'altra si mette in pentola tutto quello che capita, incluso il degrado.
      Nelle stesse condizioni si vedrebbero magari dei risultati diversi.

      Elimina
    5. Ecco questo è il punto. Due genitori sono meglio di uno, perchè giocano un po' il ruolo del "poliziotto buono e il poliziotto cattivo". Uno educa, l'altro gioca. Uno rimprovera, l'altro coccola. Non necessariamente devono ricoprire sempre lo stesso ruolo. Ci si alterna. Ci sono momenti in cui i figli si confidano con la mamma e altri col papà. Tra l'altro l'alternanza e la presenza di entrambi i genitori permette di dividere il peso della stessa educazione, crescita e cura dei figli.
      Un solo genitore, su cui grava tutta la responsabilità, alla fin sbroccherà e il risultato è che non sarà presente oppure sacrificherà completamente il suo essere per dedicarsi completamente al figlio.
      Di sesso, ovviamente non ho parlato

      Elimina
    6. Leò se non capisci non necessariamente è off topic :P
      bella Eliana, la penso come te

      Elimina
    7. Che è esattamente quello che ha detto lo psicologo che ho citato nel testo...

      Elimina
    8. yep, mi riferivo allo studio
      lo so che sono uno sfrangia maroni ma migliora la mia situazione se dico pubblicamente che adoro il tuo blog e ti stimo per come scrivi? :P

      Elimina
  4. gay pride (una grandissima martellata sui coglioni autoinflitta se chiedete un mio parere, una pagliacciata che rafforza pregiudizi e un'immagine distorta),d'accordissimo
    per quanto riguarda il resto penso che in tutto questo parlare e in tutte queste statistiche e studi rimanga escluso il fattore reddito...credo che abbia un suo peso (e non indifferente)due genitori gay,due genitori lesbo,due genitori etero benestanti avranno le stesse possibilità di loro pari poveri?nn ti sembra che si discuta solo di gay lesbo e etero ricchi?...io ho avuto 2 mogli 2 divorzi e tre figli,credevo di poter gestire la situazione e cosi' è stato fino a quando ho avuto il denaro a sostenere il tutto poi.....bhè un bordello
    la famiglia del mulino bianco è in tivi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I divorzi sono gestiti con il deretano in questo paese

      Elimina
  5. Io penso che vada bene così invece, per una volta la strategia emarginativa e individualofila propugnata dai giornalisti è di mio gradimento perché servirà a far passare le unioni civili.
    Se entrambi i gruppi sono bollati come deficienti, il telespettatore volgerà lo sguardo al capo, e attualmente Renzie nonostante il suo essere superdemocristiano sostiene il ddl per unioni civili e stepchild adoption.
    Finché dura sto carnevale facciamo una smorfia che passi da sorriso, poi forse scopriremo da dove piglia i soldi per comprarsi i parlamentari.

    RispondiElimina
  6. Su Gay Pride e CSD ne scrissi anch'io quasi cinque anni fa: http://pensieri-eretici.blogspot.de/2011/07/christopher-street-delirium-o.html ;)

    RispondiElimina
  7. Complimenti! Primo discorso nn partigiano letto in assoluto. :-)

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina