martedì 19 gennaio 2016

Emma Sulkowicz: se usiamo le prove nei casi di stupro cadiamo negli schemi dei negazionisti

Il nazifemminismo si sta rivelando una fogna peggiore di quanto pensassi e dagli states se ne sentono di tutti i colori. Purtroppo il nostro paese è molto ricettivo per quanto riguarda le cagate e la merda d'oltre oceano, mai che vengano importate cose positive eh, incompatibili con la mentalità italiota disonesta, ignorante e piagnona. Con la conseguenza che si iniziano a vedere anche da noi diverse misantrope che propagandano cazzate senza logica e senso rifacendosi alle sclerate delle loro ispiratrici ameregane. Ogni riferimento a "il maschilista di merda" e simili è puramente voluto.
Stavolta a sclerare, nuovamente bisogna precisare, è Emma Sulkowicz (maiuscolo la prima volta giusto per distinguerla da un cestino dell'umido dedicato al cane con un virus intestinale molto molto brutto) che ha fatto un'affermazione scoppiettante, nel senso che ti fa esplodere le palle. Ma prima andiamo per gradi e vediamo chi è questa rincoglionita farneticante:

La ragazza del materasso


Ricorderete sicuramente gli articoli precedenti in cui facevo notare come i ragazzi fossero vessati e condannati ingiustamente di stupro, con l'unica conseguenza di avere la vita rovinata (1 e 2), e tutti ci siamo domandati come cazzo fosse possibile che dei ragazzi venissero condannati senza prove, senza processo, senza che nemmeno potessero difendersi (e addirittura chi ha testimoniato a sfavore dell'accusa venisse punito e vessato a sua volta) e soprattutto senza lubrificante.

Ebbene tutto nasce da una legge che questa emma sulkowicz ha ottenuto con la sua cagnara.
Questa ragazza ha raccontato di essere stata stuprata da Paul Nungesser, un femminista proveniente dalla Germania (mi sa che adesso non è più tanto femminista... chissà quando impareranno che parteggiare per quella gente non ti rende immune dalla loro misantropia) ma la sua denuncia è stata archiviata per mancanza di prove, come ci si augura che un processo avvenga. Altrimenti apriamo i tribunali complottardi/omeopatici/vegardi/antivaccinisti/negazionisti dove le prove non servono e chi urla "COMPLOTTO" più forte ha ragione e fa condannare chi cazzo gli aggrada.
Il problema è nato quando i media si sono interessati della faccenda e hanno decretato, in pieno stile tribunale complottardo, che il ragazzo era colpevole. Perché si, ci si fanno ascolti e si fanno soldi a sacchi mentre non si sa nemmeno se si sta dicendo la verità o meno.

Così la ragazza è andata dalla polizia a fare denuncia, forte del supporto dei media ritardati del cazzo, ma non la completò perché la polizia ha fatto qualcosa di incredibile e assurdo: ha fatto domande per verificare la veridicità delle sue dichiarazioni. Sacrilegio! Ma come si permettono!?
Poi la ragazza, la demente, inizia un corso di arte e inizia a portare il suo materasso, quello dove afferma di essere stata stuprata, su e giù in una pagliacciata del cazzo che è stata addirittura definita "arte". C'è chi si porta dietro una borsetta e chi si tira dietro un cazzo di materasso in stile stercorario sanremensis (cit), e sono scelte...

In ogni caso, grazie anche agli "artisti" del suo corso, portando avanti e indietro quel fottuto materasso ottiene il linciaggio, l'oppressione e la discriminazione di Nungesser, che immagino non sia più tanto femminista oggigiorno.
Ma lui è veramente colpevole? L'accusa di emma è questa: hanno iniziato che era consensuale ma ad un certo punto lui l'ha brutalmente inculata senza permesso. Questo dichiara lei.
In realtà i messaggi fra lei e lui dicono qualcosa di molto diverso...
Infatti lei afferma di essere stata stuprata il primo Agosto 2012, mentre dalle conversazioni su facebook, che il ragazzo ha mandato ad un giornale nel tentativo di difendersi, si vede chiaramente che lei si comportava come se nulla fosse e che addirittura ha risposto ad un messaggio di buon compleanno nell'Ottobre 2012 con un "Ti amo/ti voglio bene, dove sei?".

Le conseguenze dell'accusa le abbiamo viste: il ragazzo è stato allontanato con la forza dal college dopo un vero e proprio linciaggio mediatico e "scolaresco" messo su da emma e compagnia bella, tutti muniti di materasso, e probabilmente la legge antistupro vergognosa di cui parlavamo all'inizio è stata approvata proprio dando retta a tutta questa cagnara. Il potere dei media e della gggente indignada...

Poco importa se Nungesser non avesse fatto un benemerito cazzo, e che anche dopo il supposto stupro (più supposta che supposto) lei continuava a frequentarlo e parlarci amichevolmente.
E' più probabile che una volta che la loro relazione è finita lei si sia voluta vendicare del ragazzo accuasandolo ingiustamente dandolo in pasto ai Piranha...

Le prove sono il demonio!

Questa cogliona non solo ha rovinato la vita al suo ex, non solo ha sbraitato per vantaggio personale e per tirare fuori un porno squallido spacciandolo per "denuncia sociale" (si, lo ha fatto e si trova pure nei siti noti se avete la curiosità), non solo ha fatto tanta caciara da ottenere una legge che sta rovinando la vita ad altri innocenti, ora si permette pure di fare questa affermazione:

"Se usiamo le prove nei casi di stupro, cadiamo negli schemi dei negazionisti"

Oh ma che sorpresa, una cogliona che ha accusato falsamente il suo ex che non è stata creduta da nessuno perché non aveva le prove di quanto ammetteva dice questo! Ma quanta cazzo di sorpresa sta pervadendo il mio deretano!
Questa cagna (si, se lo merita e si, non lo uso mai) ha ottenuto vendetta solo facendo cagnara nazifemminista del cazzo, spalleggiata dai buonisti e dalle nazifemministe stesse, e adesso pretende di continuare a rovinare la vita agli innocenti, sia mai che lei o qualche altra pazza isterica del cazzo vogliano rovinare la vita dei loro ex, o ricattarli tenendoli letteralmente per le palle. Ma perché non la prendono a sberle fino a farle dimenticare che è una testa di cazzo? Magari dopo si comporta come una persona normale e con una fottutissima dignità!


Perché dare il messaggio che le zoccolacce come lei (ripeto, se lo merita) debbano avere il diritto di mandare in galera qualcuno a comando solo perché quel qualcuno ha il pene è una coglionata megagalattica che nemmeno so descrivere a parole quanto coglionata e quanto grossa sia.

Inutile dire che questo è un pericolo pubblico. Gente come questa povera mentecatta ma soprattutto chi le da credito per fare ascolti o propaganda nazifemminista, non fa che alimentare l'odio, la misantropia e la misoginia. Perché se le donne si vendicano rovinandoti la vita (peggio di quanto già facciano alcune eh) è ovvio che rimarrà solo diffidenza e misoginia, così come queste cazzate del "sono tutti stupratori" non crea che diffidenza e misantropia.

Questo è nazismo bello e buono: condannare gente innocente sulla base dell'odio.
Datemi un'altra definizione che calzi più di questa, penso sia impossibile...


24 commenti:

  1. Ciao PalleQuadre, questa é la prima volta che ti lascio un commento. Cosa ti posso dire? Che ti do ragione. E te lo dico dopo anni che seguo pagine come il maschilista di merda e simili.
    Non fatico ad ammetterlo, sono entrata senza accorgermene nella retorica allucinante di certe admin e di chi le sostiene. Cose da fuori di testa, all'inizio non ci badavo, negli ultimi mesi però é diventato impossibile chiudere gli occhi su certa roba: l'ultima che ho sentito riguardava il caso di una ragazza che si é fatta un selfie su instagram dopo uno stupro. La ragazza in questione, da quel che ho capito, aveva rifiutato di fare sesso con un suo amico ubriaco, poi però ha accettato di farci una doccia assieme. Di lì lo stupro.
    Tutte femminazi che urlano allo stupro e al fatto che lei "non l'ha chiesto" e nessuna che riflettesse sulla deficienza della ragazza in questione: non l'avrai chiesto, ok, ma tu vai a fare una doccia con un ubriaco che peraltro vuol fare sesso con te, se sei un briciolo intelligente?
    Dopo questo fatto ho chiuso, tanto più che la loro retorica mi sembra sempre più indirizzata alla filosofia che sei donna sei sempre vittima, sei sei uomo sei un porco schifoso a prescindere... questi non sono pari diritti, ma proprio no.
    Parlando del caso in questione, quella dell'accusa di stupro senza prove non mi era mai capitato di sentirla. E' assurdo che le abbiano pure dato ragione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hanno ascoltata e hanno passato una legge vergognosa a riguardo...
      Ho visto il caso di quella tizia: prima va dal tizio che è ubriaco perso, lo bacia e poi lo respinge.
      Scende di sotto a salutare altra gente, scende pure l'ubriaco e le chiede di fare una doccia insieme e lei accetta. Ok, c'è un ubriaco perso che vuole trombare, lo hai baciato attizzandolo più di prima e ti stai ficcando nella doccia con lui, nuda.
      Colpo di genio! Di chi è la colpa se metto la mano nel recinto del leone e quello me la stacca? Mia o del leone?

      E come se non bastasse non c'è nemmeno da credere allo stupro, visto e considerato che appunto lo ha baciato e ci si è ficcata in doccia con lui ben sapendo che era attizzato e ubriaco, e poi ha pure affermato che non poteva andare dalla polizia per mancanza di prove. Ma le prove le trovano eccome se c'è stato stupro, e fanno pure perizie psicologiche.

      Ecco, faccenda torbida, e se qualcuno ascolta questa demente di emma tanto sarebbe bastato per arrestare l'accusato

      Elimina
    2. Non avrei saputo spiegarlo meglio: logico che ti cadono le braccia, vedendo persone che addirittura scusano casi umani del genere, giustificandole con "lei non ha chiesto lo stupro". Non credono ci arrivino, al concetto che non é una questione di maschilismo, ma di buonsenso.
      Io, che sono maligna e malpensante, penso che alla fine si tratti di ricerca di notorietà. Il selfie dopo lo stupro? Il materasso? Robe da pazzi.

      Elimina
    3. Pure Sarkeesan si fa soldi a pacchi ed è diventata famosa, solo perché racconta cazzate.
      Come il sessismo nei videogiochi, quando c'è una tradizione di donne forti e capaci nei giochi che risale agli albori, da Miss Pacman a Seamus per passare da Lara Croft e altre.

      Elimina
    4. Ma per la stessa logica femminista, se LUI era ubriaco non vuol dire che lo stuprato è lui? Paradossale.

      Elimina
    5. Successo altre volte: se lui è ubriaco lui è lo stupratore. Se lei è ubriaca lui è lo stupratore. Se lei è consenziente però dopo qualche mese ci ripensa lui è lo stupratore.
      Se lui non la tocca nemmeno lui è lo stupratore.

      Elimina
    6. Per le femministe, il solo fatto di avere il pene ti classifica come stupratore materiale.
      Viene quasi da chiedersi per quale motivo non hanno ancora creato carceri-lager per soli uomini, strappandoli letteralmente alla loro vita per rinchiuderli in quanto 'Inevitabili Stupratori'. Oh, anche i bambini maschi sono inclusi.
      Più seriamente, una legge così unidirezionale su una faccenda tanto delicata come lo stupro ha e può soltanto causare danni a tutti, soprattutto a dei poveri cristi la cui unica colpa è quella di esistere in quest'epoca.

      P.S. : Vi lascio questo link come contorno - http://it.avoiceformen.com/classici/5-uomini-carcerati-su-6-sarebbero-liberi-se-fossero-donne/

      Elimina
    7. Per ora in amerega hanno ottenuto le multe (e l'arresto se non paghi) se allarghi le gambe sulla metro o sul bus, ma solo se sei uomo. Le donne possono allargarsi quanto vogliono, ovviamente.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Che tristezza vedere una persona che ha fatto della lotta alle bufale la sua bandiera cadere vittima proprio di un fenomeno cospirazionista. Eh sì, perchè l'antifemminismo è fatto della stessa pasta del complottismo...

    http://pvnmtt.it/pages/complottisti.html

    per citare un film...o muori da eroe, o vivi abbastanza a lungo da diventare il cattivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOL ma quante cazzate racconti?
      Non so se lo hai visto ma ho solo citato fonti certe e fatti realmente avvenuti.
      Ma tu guarda le minchiate che mi tocca leggere...

      Elimina
    2. sicuro di aver interpretato bene queste fonti e questi fatti? sicuro che il non poter provare di aver subito uno stupro sia equivalente a essersi inventata tutto?
      Se vuoi avere un'idea di che genere di soggetti si aggirano tra gli antifemministi ti consiglio un giro qui:
      http://www.wehuntedthemammoth.com/

      Elimina
    3. Quindi è normale dire "ti amo" al tuo presunto stupratore dopo mesi dal "fattaccio".
      E' normale denunciare dopo mesi o anni guardacaso quando la relazione è finita.
      E' normale rifiutare di collaborare con le autorità riguardo le immagini

      Elimina
    4. In realtà molte vittime di stupro tendono ad autocolpevolizzarsi e a minimizzare quanto è accaduto, comportandosi come se nulla fosse. Per esempio ascolta questa testimonianza:
      http://www.internazionale.it/video/2016/01/20/stupro-vittime
      Può volerci del tempo a realizzare quanto è successo, a quel punto i segni delle violenze sono scomparsi.
      Forse la Sulkowicz è una bugiarda, forse è stata stuprata e il suo aguzzino è in libertà. io nel dubbio ci andrei cauto con i giudizi.

      Elimina
    5. Nè la polizia né il suo campus inizialmente ha trovato alcuna prova, lei non ha collaborato con la polizia ma ha continuato a berciare in pubblico e con i media che facevano molte meno domande e verifiche.
      Poi spiegami cosa c'è di condivisibile nell'affermazione che cercare le prove nei casi di stupro equivale ad aiutare i negazionisti

      Elimina
    6. Non sono l'avvocato della Sulkowicz, perciò non ho idea del perchè abbia scelto di agire in un modo piuttosto che in un altro. La frase in questione è un "live-Tweet" di una persona che era ad una conferenza tenuta dalla Sulkowicz. è una frase decontestualizzata e non siamo nemmeno sicuri che abbia usato quelle esatte parole. Chi è che prendeva frasi decontestualizzate e le usava per dimostrare le peggio cose? Ah giusto: i complottisti.
      https://www.youtube.com/watch?v=_0eC3uns3pA

      Elimina
    7. Io le fonti te le ho date, se vuoi continuare a urlare al gombloddo fai pure, ma lontano dalle mie palle

      Elimina
    8. "Quindi è normale dire "ti amo" al tuo presunto stupratore dopo mesi dal "fattaccio".
      E' normale denunciare dopo mesi o anni guardacaso quando la relazione è finita.
      E' normale rifiutare di collaborare con le autorità riguardo le immagini"

      Per quel poco che ne so in tribunale la colpevolezza dell' imputato va provata aldilà di ogni ragionevole dubbio...queste incongruenze valgono come "ragionevole dubbio" ? Secondo me sì.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Continua ad essere merda per americani e radical chic. Gli europei non sono scemi, e i radical chic da noi non sono i radical chic USA, come si è visto nella famigerata vicenda del capodanno di Colonia e Amburgo in cui gli stessi propugnatori delle scemenze stile Jessica Valenti, Ti-salto-sul-materasso-wicz, (passami l'espressione razzista) messi alle strette fra la figa e il negro, hanno scelto di difendere il negro.

    Per quelli che la pensano come Martin: l'innocenza va data per certa fino a prova contraria, non siamo americani. Infine, se lo sbroccato dei gombloddi va a copincollare i post dei fan di Trump o dei neofascisti americani, non significa automaticamente che
    1) abbiamoleprove, vice e prismo non abbiano la marginalità che effettivamente si meritano
    2) labboldrini non sia una sparacazzate
    3) David Futrelle sia Socrate e HuffPo USA sia il portatore del Sacro Verbo
    4) RationalWiki non vada presa cum grano salis come qualsiasi wiki (e questa più di altre, come conservapedia, visto che il loro punto di vista propugna un'idea politica specifica)
    5) le femministe non siano delle sparacazzate
    6) il politically correct non sia tanto fascista quanto i fascisti stessi, oltreché il formalismo peggiore partorito da mente umana subito dopo il trial by ordeal

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunatamente non siamo ridotti come gli ameregani, ma ci sono gruppetti di feminazi pure da noi, che non fanno altro che terrorismo mediatico con il classico "tutti gli uomini sono stupratori e nessuno fa nulla".
      E la cosa fa girare le palle

      Elimina
    2. Sono quarant'anni che attraverso varie generazioni sanno creare quindici minuti di dibbattito solo tramite la provocazione. Il giorno dopo, escludendo le stesse accolite, a nessuno frega niente. E dove effettivamente c'è discriminazione e non solo un'oca che spapera i diritti sono elargiti, sempre troppo tardi, da uomini o potenti, qualsivoglia genere sia.
      Il punto è che davvero, basta non guardare facebook e non esistono più. Trovi solo dei post su huffpo vice e prismo ogni tanto che dicono cazzate o che chiedono "perché non ci si incula nessuno? Porci maskilisti! Stupro!", ad esempio questo: http://www.prismomag.com/mansplaining-femminismo-giornalismo/

      Elimina
  6. Fonte: iomaschiovirile.it

    RispondiElimina