giovedì 7 gennaio 2016

Deliri Gentisti contro Starbucks in Italia

Il problema dell'Italia sono gli italiani, quegli italiani pecoroni, stupidi, ignoranti, buchi neri di buonsenso che dal basso della loro idiozia continuano a berciare minchiate abominevoli pensando pure di essere fighi. E lo pensano perché sono accompagnati da grandi numeri di loro simili (la stima è circa il 50%) che gli danno ragione e rafforzano la gentata (al secolo coglionata) che hanno professato. Stavolta il nemico pubblico numero uno è Starbucks!

Noi abbiamo l'originale!!!

Ho trovato per caso questo delirio nell'evento "Inaugurazione Starbuks in Italia" dove un certo Jacopo ha vomitato il suo nazionalismo gentista 101% ignoranza come le palle di una scimmia, che vedremo proprio adesso:

"Startbucks e' stata inventata da uno stronzo che si stava bevendo un espresso in un bar di Milano, e ha avuto la grande idea di prendere del caffe' scadente col bicchiere di carta invece che in tazza e venderlo in America."
Starbucks è nata per portare in America qualcosa come la caffetteria italiana, dopo che il CEO aveva visitato i locali di Milano. Tutto questo non è che un omaggio alla caffetteria italiana, con l'unica differenza che in America LE ABITUDINI SONO DIVERSE. Il bicchiere di carta e il caffè lunghissimo infatti sono prerogative degli americani, ed era impossibile pensare di vendere qualcosa che loro non aprezzano... ma che cazzo lo spiego a fare, questa gente aprirebbe delle startup per vendere freezer agli esquimesi e pretenderebbe pure soldi dallo stato per farlo. L'idiozia.

"Noi abbiamo l'originale, non ce ne frega molto del fottuto caffe' con la cannella, venduto da persone tristi (perché lavorano in una catena) col cappellino verde."
"Noi" abbiamo l'originale, anche se lo importiamo da Brasile e altri paesi è nostro, anche se il caffè non lo hanno inventato gli italiani ma probabilmente gli arabi (embolia cerebrale a tutti i salviniani in corso) e "noi" lo abbiamo rivisitato secondo i nostri gusti. Esattamente come hanno fatto quelli di Starbucks, ma noi siamo meglio sempre e comunque perché si. Fra l'altro punta il dito ai loro dipendenti (di cui so un cazzo) quando qua fra lavoro nero, contratti da 400 euro mensili per 12 ore di lavoro al giorno pure la Domenica, contratti da 120 euro al mese e trick e track stiamo messi peggio del cazzo di un bassotto che corre in un campo concimato a sterco di maiale fumante.



"Queste catene della minchia arrivano, ci danno roba più scadente e più cara, si prendono i soldi e tolgono mercato alle attività locali."
Se vendono merda come fanno a togliere mercato alle attività locali, fulgidi esempi di perfezione e altissima qualità secondo questo genio? Sarà che se chiudi forse non garantivi standard di qualità elevati? Mi domando che cazzo di problemi hanno gli italioti con l'economia e il commercio, sul serio. Sono regole talmente semplici che le capirebbe un bambino distratto... Se chiudi una attività è ANCHE COLPA TUA. La crisi economica aiuta a far chiudere attività che normalmente sarebbero rimaste in piedi, ma si tratta comunque di attività che non erano abbastanza "forti".
C'è il libero mercato, se non sei abbastanza forte soccombi. Punto. Senza sbraitare, senza accusare il governo, senza accusare le altre attività e senza accusare le multinazionali.
Fra l'altro "noi" abbiamo Nespresso, che vende le capsule di caffè un po' in tutto il mondo. Perché non si lamentano di questa iniziativa? Noi si loro no? Ma vaffanculo va'.

"Poi ci si lamenta che c'e' crisi. W i caffe' e i bar italiani. "
Eh, poi ci si lamenta che c'è crisi. Tutti i problemi del paese sono causa di Starbucks, e pensa che ancora non ha aperto! Chissà dopo! Viva i bar italiani, tutti belli e buoni senza sé e senza ma, perché un italiano non farà mai le cose a cazzo di cane (hahahaahahahahahahaha).



"Support the people not the corporations."
Supporta supporta. Come se il singolo cittadino, in questo caso italiano, fosse il santo mentre la "corporation" sia il diavolo. Sempre e comunque e senza l'ombra di dubbio.

Ti racconto una storia: c'era una volta un manovale edile che non aveva lavoro, piangeva miseria su miseria la crisi, l'economia ferma, implorava per fargli fare qualche lavoretto a tutti ma nessuno gli faceva fare nulla. Trova poi uno che aveva bisogno di un forno a legna in giardino, per fare pizze arrosti e quel cazzo che voleva. Quest'uomo non conosceva il manovale disperato, e gli ha affidato il compito di costruirgli il forno in giardino.
A lavoro finito sembrava quasi tutto a posto, paga il lavoro e inizia a usare il forno...
Aveva fatto montare uno sportello in metallo così da poterlo chiudere e aumentare la temperatura, ma lo sportello era montato a cazzo di cane e non si chiudeva nemmeno, potevi spingere quanto volevi che non andava, era storto. La base del forno mostrava delle crepe già dopo pochi giorni, ma crepe belle spesse, tanto che allarmato quel uomo ha chiamato il manovale, che arrivato lì gli ha detto "no è normale che succeda così, ah lo sportello è per colpa del calore...".
Insomma, a lavoro finito si era trovato con un forno a legna monco e mezzo pericolante.
Ecco perché il manovale non lavorava: era un incapace, pigro e bugiardo. Allora ha chiamato una ditta edile per buttare giù la merda fatta dal singolo e ha fatto costruire un nuovo forno a legna, e tutto è filato liscio.

E' inutile menarsi le palle per strada con 'sta storia dei piccoli, della gente, delle multinazionali, della crisi e di 'stocazzo. E' da coglioni pensare che "i soldi che vanno all'estero non fanno girare l'economia" se dall'estero sono grandissimi estimatori di prodotti made in Italy.
Ma cristo santo, ma li leggono i giornali? Uno dei paesi che sta tenendo a galla le esportazioni del made in Italy è la Cina, la tanto odiata Cina, quelli del "stanne portande via i solde dall'etaliah!!11".

E' così difficile capire che i soldi GIRANO e a creare ricchezza è il fatto che quei soldi girano, piuttosto del dove girano? Porca puttana, e questi hanno diritto di voto, e i politici che pensano solo a farsi votare danno il contentino a loro... poi ci stupiamo che stiamo sprofondando nella merda, altro che Starbucks...


10 commenti:

  1. D'accordo su tutto, ma Nespresso è un marchio Nestlé, che è una società Svizzera..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orcaccia la puttana... però quelli fanno il caffè italiano dai, passamela per mezzo buona

      Elimina
  2. Due o tre anni fa report fece vedere un servizio sul caffè che i bar servivano, spesso era cattivo perché non pulivano i filtri.
    Cioè bastava far passare un po' d'acqua bel filtro, facendo un "finto caffè", per migliorare il gusto del caffè.
    Poi non mi pare che i ristoranti siano morti all'arrivo dei McDonald's anzì qualcuno, parlo di un esperienza nata qui nel torinese, sì è inventato l'agriburgheria (MacBun che è "l'inglesizazzione" dell'espressione piemontese Mac Bun che vuol dire solo buono, bisogna però dire che a causa di un minaccia di azione legale da parte di MacDonald's ha dovuto "censurare" il suo nome portandolo a M**Bun).
    Questa esperienza è andata così bene che ha aperto 3 locali tra torino e provincia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno che invece di piangere e sbraitare si è messo a fare qualcosa, e si è visto il risultato.

      Elimina
    2. Peraltro Mac Bun fa degli hamburger fantastici ed espone la tracciabilità della carne, solo fassone piemontese, che utilizza.
      Quando andiamo a Torino è una tappa fissa, hanno anche degli ottimi vini, tutta roba del territorio.

      Elimina
  3. Non ho niente contro Starbucks, da italiano amante del caffè ho qualcosa contro gli italiani che ci andranno perché "È STARBACS!1! SONO FIGOH!1!!" quando veramente potrebbero andare in un bar a godersi un caffè vero.

    Se poi vuole aprire pure Pizza Hut, che faccian pure. Se poi gli italiani ci vanno sono loro coglioni che si godono una pizza di merda solo perché ha il marchio di qualcosa che hanno sempre visto nei film e nelle serie TV, ma che colpa ne avrebbe Pizza Hut se la gente è scema?

    RispondiElimina
  4. Premessa: frequento spesso il sito, mi piace ciò che scrivete a differenza dei tanti, troppi siti "famosi" tutti a seguire mode animalarde-vegacazzare etc..
    Ho letto davvero degli articoli interessanti, che fanno infuriare tutti i coglioni vari.

    Ma questa volta ho da ridere, sulla questione "è colpa vostra se non lavorate, non della crisi" più o meno il messaggio che emerge.

    Due esempi, uno mio padre si è trovato licenziato (per chiusura attività) avendo 60 anni è essendo un paese dove se ne sbatte di chi perde il lavoro a quell'età si è trovato fermo senza lavoro, perchè ha sempre lavorato dall'età di 14 anni. (altro che animalardi) dopo 2 anni di depressione (non avevo idea che per la sua generazione il lavoro fosse cosi importante non solo per questione di denaro) ha ritrovato un lavoro grazie ad un amico, ha detto prendo te perchè molti giovani rifiutano di lavorare notte è fine settimana.
    Purtroppo anche se lavora da tanti anni, molti sono stati a nero. Quando hai una famiglia non puoi badare a certe cose. L'altro avevo un negozietto che vendeva articoli per la casa, non facevo i milioni ma campavo. Purtroppo tra negozi cinesi, supermercati è LA CRISI ho chiuso. Colpa dei cinesi? dei supermercati? di altri negozi? NO c'erano anche prima, ma con la crisi è stato impossibile resistere. Ahimè.. Le banche si che sono delle merde.

    Tutto quì. La crisi esiste, è dura è colpisce un 20% almeno. Il resto si aggrega piange è fotte. (non ha problemi)

    Un saluto è complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, tu dici che hai da ridire sul "è colpa vostra se non lavorate, non della crisi"...

      ...e poi porti l'esempio di tuo padre che ha trovato lavoro perché, cito, "molti giovani rifiutano di lavorare notte e fine settimana".

      Insomma stai dando ragione al buon PQ.

      Elimina
    2. Lo hai detto tu stesso: non colpisce tutta la popolazione.
      La crisi sfoltisce solamente le attività più deboli, principalmente perché appunto non hanno abbastanza soldi da sopportare la magra.

      E credimi se ti dico che fra i tanti che chiudono ci sono quelli che per anni hanno lavorato a cazzo di cane e si sono tenuti a galla solo grazie al benessere generale (o i contributi dello stato, ma quella è un'altra storia).

      Elimina
    3. Guga: Alla fine si, do ragione a PQ. volevo solo fare una precisazione. Volevo che venisse fatta da lui, da me, poco importa.

      Fabrizio L. Concordo, tanti hanno marciato IN MODO SCHIFOSO SULLA CRISI. Quando "solo" un 20-25% veramente la sente è HA la dignità di non lamentarsi. Il resto è ....

      Concordo anche sulle aziende che hanno resistito grazie a "favori di stato" evasione o sfruttando i lavoratori.

      Elimina