sabato 28 novembre 2015

Un pro vita estremista uccide tre persone e ne ferisce undici

La notizia ormai la conosciamo tutti: un fanatico squilibrato ha fatto irruzione in una clinica a Colorado Springs e ha sequestrato per ore chi stava all'interno, aprendo il fuoco contro la polizia attraverso una finestra. Il bilancio è di tre morti e iundici feriti.
La particolarità della faccenda? Era un pro vita...

Strage perché nella clinica si abortiva


Il fanatico invasato ha voluto fare quel casino perché nella clinica si effettuano aborti, cosa che se vogliamo è pure normale visto che sono previsti dalla legge entro certe circostanze. Ma per lui no, per il fanatico quella probabilmente era una clinica degli orrori.

Sappiamo già come nascono questi invasati, forgiati da propaganda, odio e una buona dose di malattie mentali e una propensione alla violenza.
Ma la domanda principale è: come può uno che si autodefinisce pro vita uccidere delle persone?


Un controsenso assurdo, un po' come quegli "animalisti" che avvelenano dei cani solo per rompere i coglioni ai cacciatori, gente che ormai non sa più dove è rimasta e da quale orifizio parlano e da quale cagano, finendo col parlare col cesso e cagare in faccia alla gente.

Ma questo è il fanatismo... fanatismo che porta a difendere "la vita" fino ad arrivare a toglierla agli altri, e credo che un feto di due settimane non sia nemmeno paragonabile ad una persona con famiglia e amici, insomma è una reazione esagerata ad un evento.
E' come se io adesso facessi saltare in aria un ponte, condannando a morire centinaia di persone, solo perché in mezzo alla strada c'è un gattino che rischia di essere investito.

Ma è per questo ci si deve sempre dare una calmata e ragionare sulle cose, senza vedere tutto bianco o nero e senza credere alle minchiate catastrofiche che propinano (in tutti i campi) ma soprattutto smetterla di raccontare cazzate per portare acqua al proprio mulino, perché con i malati mentali che circolano la tragedia è sempre dietro l'angolo.

Sinceramente sta girando veramente troppo odio, certa gente dovrebbe finirla di usarlo come arma di propaganda per imporre le proprie idee sugli altri. Il baffetto tedesco dovrebbe aver insegnato dove si finisce se ci si lascia sommergere dall'odio.

Certa gente dovrebbe andare a fanculo e iniziare a lavorare in miniera, invece di cercare di imporsi e campare sparando minchiate alimentate a cazzate e discriminazione.

6 commenti:

  1. È un controsenso per chi ha almeno due neuroni e una sinapsi.
    Per chi non li ha è invece pura logica.

    RispondiElimina
  2. si basta pensare ci sono anche gruppi terroristi che fanno questo genere di cose oltre ad altre per citarne una c'è per esempio la Aryan Nations che per fortuna diciamo non ha più le dimensiono di un tempo era un gruppo che oltre ad essere neonazista, razzista e forse anche omofoba era anche un gruppo "pro vita" visto che puntavano anche contro le clinche abortive

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pro vita purché sa bianca ed eterosessuale insomma

      Elimina
  3. Non sai che incazzatura 'sta gente...

    RispondiElimina
  4. Tutti gli estremisti si risolvono con questo genere di incoerenza: i terroristi che ammazzano in nome di un dio NON VIOLENTO non sono tanto diversi da questo "pro-vita" che ammazza in nome della preservazione della vita. E l'unica lezione storica che funziona sul serio è che dalle lezioni storiche nessuno impara una cippa: il baffetto è già stato bellamente dimenticato da tutti, meno che dai fanatici che lo osannano come il dio sceso in terra.

    RispondiElimina