lunedì 16 novembre 2015

Muore Moira Orfei, la feccia subumana festeggia

Ci risiamo, ad ogni lutto illustre assistiamo alla schifosissima feccia sub umana e compagnia allegra che sguscia fuori dalle fogne per vomitare odio e festeggiare come esseri inumani sulla tomba del trapassato. Questa volta le bestie infami festeggiano la morte di Moira Orfei, rea solamente di essere una circense di successo.

Odio, discriminazione, razzismo

I nostri autoproclamati "antispecisti" hanno dato il peggio dimostrandosi solamente dei ricettaccoli di odio, razzismo e fanatismo.
La povera Moira Orfei, morta nel sonno alla faccia delle maledizioni lanciate da quelle merdine subumane, era odiata perché nella testa (di cazzo) degli animalardi il circo è automaticamente sintomo di maltrattamenti agli animali.

Perché tenere un animale in cattività un animale e farlo esibire è già di per sé maltrattamento, per loro, poi condiscono con immaginari maltrattamenti che 99 volte su 100 sono totalmente inventati e voilà, l'odio e il pregiudizio sono serviti.

Peccato che questi minchioni astrali tengano sul balcone due metri per uno cani che a malapena ci stanno, e non possono nemmeno girarsi, oppure mettono in un monolocale di 20 metri quadri cani che sono versioni OGM dei lupi che correvano liberi nei boschi. Le mostre canine, le gare con i cani che fanno i percorsi a ostacoli, le rasature e i vestiti immondi sono normalità, il circo no.
Quando si dice coerenza e idee chiare...

Non voglio stare qui a ripetere per la millesima volta come sia difficile che un circense maltratti gli animali senza essere sgamato e condannato, come siano cazzate che sono "strappati al loro habitat" visto che nascono in cattività da centinaia di anni, come le fotografie di "maltrattamenti del circo" siano in realtà trattamenti veterinari (e lasciali morire male gli animali allora, animalardo di merda), o immagini prese da chissà quali campi in India.
Voglio solo riportare alcune delle frasi famose di Moira Orfei:

"Chi critica la presenza di animali al circo vuole farsi solo pubblicità, perché chi ama gli animali li tiene con sé. Io adoro gli elefanti, hanno l'intelligenza di un bambino di quattro anni. Pensate che uno costa 160 mila euro, perché dovrei trattarlo male?"

"Gli animalisti sono per me una specie di incubo: si riuniscono davanti alla cassa e mi offendono. Mi hanno anche urlato: "Moira sei drogata", non ne posso più! Non ho vizi: non fumo, non bevo e non piglio nemmeno il caffè. Ho un rapporto bellissimo con gli animali, tanto che preferisco stare con loro piuttosto che con gli esseri umani."

Io mi domando una cosa: da quando in qua ballare sulla tomba della gente, insultarla e minacciarla ha mai aiutato qualcuno? Perché questa gentaglia si comporta in questo modo convinta di essere superiore a tutti?
Gente che, vai a spulciare nei loro blog-disagio il numero di animali che hanno salvato e c'è un decimo degli animali che hai salvato tu (ebbene si, sorpresa, non odio gli animali e ne ho salvati ben più di un centinaio nel corso degli anni. Mind blown animalardi?) e nella lista includono "numerosi insetti", roba da far risollevare il morale a Ted che ha trovato qualcuno più patetico di lui.

Ma chi cazzo vi credete di essere, se non avete mai fatto un cazzo di concreto nella vostra miserabile e inutile vita, animalardi del cazzo. Voi potrete pure festeggiare la morte di una grande persona e grande amante degli animali (a differenza vostra, che avete solo malattie mentali e odio per le persone), perché tanto quando morirete voi non ci sarà nulla, come non c'è nulla ora che siete vivi: siete insignificanti e verrete dimenticati in mezzo secondo.

Come se non bastasse fra questi cani c'è anche chi si è indignato per il post di "associazione italiana carnivori" sulla giornalista veg morta di cancro (che comunque, ci tengo a ricordare, non ho mai condiviso). Ma quanto cazzo siete ipocriti? Criticate la pagliuzza di difetto degli altri e non vi accorgete della montagna di sterco fumante che fate voi?
Ma vaffanculo va', voi e il vostro estremismo di merda.

1 commento:

  1. Non mi stupirei se si scagliassero anche contro Terence Hill e Bud Spencer per i numerosi film in cui hanno portato in scena succulenti animaletti da degustare in letizia... ne ricordo una in particolare (nel film "Nati con la camicia"), in cui Bud piazzava un bel tacchino da 20Kg (o giù di lì) sopra un pianoforte, rendendo omaggio alla belva con suadenti note. Da scomunica...
    Comunque tu sei troppo ottimista: questi non sono estremisti di merda, sono merde travestite da estremisti di merda...Cosa non si fa per apparire un po' più belli...

    RispondiElimina