giovedì 17 settembre 2015

Hanno fatto provare il primo iPhone spacciandolo per l'iPhone 6s

Nel suo programma televisivo Jimmy Kimmel ha deciso di mettere alla prova la gente facendo interviste riguardo il nuovo iPhone 6s facendoglielo provare. Ma il telefono che gli fanno provare è il primo iPhone, quello del 2007. Questo per vedere cosa ne pensavano, vedendo come in meno di un anno la Apple (si legge "apol", non "Epol") ha tirato fuori un nuovo telefono.

Testiamo l'entusiasmo dei fan

Come ben spiegato ci si rende benissimo conto che di telefoni ne escono tantissimi, l'ultimo è venuto fuori dopo nemmeno un anno di distanza dal predecessore, e visto che molti sono totalmente schiavi del marketing non possono fare a meno di avere l'ultimo modello, anche se la differenza con quello precedente è minima, se non nulla.

Abbiamo tutti visto le file di fronte ai negozi per accaparrarsi l'ultimo modello. Ma questa gente sa quello che fa? No, non sempre, infatti l'esperimento messo su da Kimmel fa cascare le palle.
Ha trovato alcuni individui che sono l'emblema del consumismo idiota: non capivano un cazzo del prodotto, ma siccome erano convinti fosse l'ultimo sul mercato ne hanno intessuto le lodi.



La prima lo definisce "figo" perché bello e leggero, piccolo, sta nel palmo della mano, grandioso!
Il secondo afferma che è comodo, perché non deve stirarsi il pollice per toccare la parte alta dello schermo. E pensare che gli schermi piccoli vengono smerdati a priori... gli hanno trovato il lato positivo però stavolta...
Il terzo chiede quali sono le nuove caratteristiche, cioè uno schermo con risoluzione più alta e una fotocamera di alta qualità, e gli si chiede di parlare di quanto vede. Risponde che vede uno schermo più piccolo "probabilmente per chi non vuole far cadere spesso di mano il telefono".
La quarta intervistata afferma che si è aperto perfettamente, al che l'intervistatore le chiede se si è aperto più velocemente, e lei risponde "si, molto più veloce, molto molto più veloce! E' veramente entusiasmante!". Ripeto: 2007.
Si torna al terzo: "Mi piace perché è veloce, non c'è nessuna lag che mi trattiene".
Di nuovo la quarta: "La risoluzione dello schermo è molto più dettagliata! Si, assolutamente.".
Spunta la quinta intervistata, che afferma che la nitidezza della fotocamera è incredibile, se non vado errato era di 2 o 3 megapixel...
La sesta persona ha un iphone in mano, credo l'ultimo modello, e li mette a paragone. E in effetti nota che qualcosa di diverso c'è, ma sinceramente non si capisce bene cosa dice e ho il sospetto che stia parlando del suo iPhone 6 e non di quello vecchio... ma lascio la cosa in forse.
Si torna alla quarta apparsa, che elogia le dimensioni ridotte del telefono. Comodissimo!
Chiedono a quello con la maglietta gialla, il secondo intervistato, se terrà in considerazione l'acquisto di quel telefono, e lui risponde probabilmente perché devi averlo: "devi sempre avere quello nuovo! Apple ce l'ha fatta di nuovo!"
Chiedono a quella col cappello, la quarta in ordine di apparizione nel video, se questa è una buona aggiunta alla linea di iPhone: "Assolutamente! Un telefono completamente moderno! Non vedo l'ora di averlo!".
E in genere un mare di cazzate...

C'è gente che è insorta dicendo che nel video non hanno compreso quelli che si sono accorti della cazzata, quelli che chiedono "Ki ti paka" e quelli che dicono che è una montatura.
Sicuramente c'è chi si è accorto dell'inganno, ma lo scopo non era fare una candid camera, era dimostrare come ci siano persone che non sanno di cosa cazzo parlano ma spendono valanghe di soldi per moda, perché fa figo e tutto il resto.

Marketing

E quel esperimento ha fatto centro, la gente è seriamente così stupida. Basti pensare ai detrattori di mcdonald's che ne hanno elogiato gli hamburger perché convinti di mangiare roba biologica dop evo eco macro fatta a mano da Gordon Ramsay in persona (non credo che cristo sceso in terra sappia cucinare), ai sommelier di 'sta ceppa che decantano il fottuto tavernello scaduto rancido solo perché ficcato nella bottiglia di un vino pregiato, e tanti altri casi.

Non è tanto la stupidità dei fan Apple, che se vai a vedere sono solo i più facili da sgamare, quanto la tendenza della gente in generale di farsi infinocchiare dalle apparenze. Se prendi della merda e la colori di giallo, e la porti in giro spacciandola per oro colato, difficilmente la maggior parte della gente dirà che è merda nonostante senta chiaramente la puzza, ma ne parlerà come se fosse seriamente oro colato.

Non è solo Apple che vi fa comprare roba sovraprezzata abbondantemente, basti pensare al vestiario e le calzature (le famose scarpe fatte dai bambini poveri, pagati 1 dollaro e un tozzo di pane al giorno, vendute da noi a 200 euro). Ci si incazza con Apple solo perché i minimi incrementi tecnologici la rendono più palese, ma a ben pensarci c'è veramente bisogno di rifarsi il guardaroba per seguire le mode? Di imbecilli ne è pieno il mondo, purtroppo.

E questo per non vedermi shitstormare dai fan boy di Apple (quelli che decanterebbero un tostapane come tecnologia incredibile se solo ci fosse sopra la mela morsa), ma sono sicuro che non capiranno un cazzo comunque

7 commenti:

  1. Fabrizio, quello di 'sto video è geniale. Agli idioti patentati, la realtà va sbattuta sulla faccia per quello che è; i fanatici apple s'incazzano? Problemi loro.
    Sono utente apple felicemente da quattro anni e mezzo, e come persona che opera nell'informatica credo che questi fanatici modaioli siano la rovina della ricerca e sviluppo, purtroppo sono una grossa fetta del mercato, e le aziende rilasciano pure i sistemi operativi pieni di errori -come successe l'anno scorso con il sistema operativo per iphone versione 8-, tanto quelli che lodano e sbrodano ci sono sempre e apple si riempie le tasche in ogni caso, errori o no. E poi quelli che ci rimettiamo siamo noi che veramente sfruttiamo i dispositivi per quel che sono e che valgono, perché quando esponiamo le critiche più o meno pesanti su un prodotto, anziché dirci grazie perché tentiamo di migliorare le cose, veniamo sputati sulla faccia per voler "smontare un mito" a tutti i costi.
    Ma ci mettiamo in testa o no che apple -come qualsiasi altra- è un'azienda e non è un idolo, e fa le cose per fare business e non per soddisfare il settario di turno?


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fanboysmo ci sta sfuggendo di mano

      Elimina
  2. L'unico problema è che non si può sapere quanti ne abbiano intervistati per trovare questi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, l'ho pensato anche io, però ricordiamoci dello scherzo del microonde (girò un'immagine fake che diceva che a mettere l'iphone nel microonde per un minuto lo ricaricava). Ci ha creduto tantissima gente che ha distrutto il proprio iphone.
      E poi è vero che la fanbase media della apple non sa cosa va a comprare.

      Elimina
  3. Sono clienti facili quelli che non fanno domande e dicono "che bello", è questa la verità! E le aziende, tutte, ci vanno a nozze.
    Poi se ti capita quello come la sottoscritta che fa domande, che prova, che vuol sapere... tanti restano spiazzati ma ti trattano bene perché vogliono comunque che torni. Abbasso i fanboy e gli idioti patentati.

    RispondiElimina
  4. è uguale quando vai in un qualsiasi "supermercato" di cui non faccio nomi nella zona dei dispositivi e chiedi stupidamente : quanta ram ha? densità di pixel? stabilizzatore della fotocamera? frequenza del processore? e rimangono li basiti perchè la gente comune vuole sentirsi dire solo che ha lo schermo grande che va veloce e che fa figo quando sotto non c'è nulla che valga i soldi spesi soprattutto su un dispositivo apple

    RispondiElimina
  5. Lo hanno rifatto.
    Il solito Jimmy Kimmel, io giuro che se ha una pagina facebook gli metto il like.
    Ora mi metto anch'io a fare un audio e gabbare un pochi di ... oops, no, una volta detto non posso più farlo :)

    RispondiElimina