sabato 5 settembre 2015

Polemiche veganimaliste contro FederFauna per l'immagine pubblicata

FederFauna è sempre stata nota per le campagne "fuori dalle righe" che fanno sempre berciare come babbuini gli ignoranti e i disonesti. La più nota fu il premio hitler, consegnato al personaggio veganimalista che ha detto le cazzate più vicine al pensiero nazista.
Stavolta hanno pubblicato una immagine in cui si ritraeva in alto uno dei bambini profughi morti annegati e sotto la foto di decine di persone che salvavano un'orca, in mezzo la scritta "Quando si fanno spese pazze per gli animali, mentre si lasciano morire i bambini, la gerarchia naturale viene violata".

Polemiche sterili da gente con la memoria corta
La frase è una citazione da un'opera clericale, o comunque di un uomo di chiesa, mentre l'accostamento fortissimo voleva colpire direttamente l'emotività del pubblico.
Cosa che a quanto pare è riuscita, visto il numero di condivisioni dell'immagine.

La cosa non è piaciuta ai veganimalardi, che hanno bocciato la cosa come strumentalizzazione subdola. Peccato che si siano svegliati ora, e non si siano accorti che loro stessi ed i loro colleghi vegabastardi strumentalizzano la morte dei bambini africani da decenni, stavolta a cazzo visto che la correlazione fra paglia e fieno dati alle vacche non c'entrano nulla con la fame nel mondo.

Vediamo alcuni esempi?




Uso dei bambini scheletrici per impressionare la gente, correlazione a cazzo con la Karn€ per far sentire in colpa la gente e portarla a consumare carotine bio del cazzo vendute a 10 volte il loro prezzo normale. Oltre a questo la completamente fuori dal mondo idea che rosicchiando sedano stai salvando il mondo. Ma che cazzo credono di essere?

In ogni caso la cosa è sotto i nostri occhi: se loro usano foto di bambini morti di fame per la loro falsa propaganda è tutto lecito, se qualcun altro usa la foto di un bambino morto sottolineando come si pensi più agli animali che ai bambini (dato di fatto, dati alla mano, le associazioni animaliste prendono più donazioni delle associazioni umanitarie. Basta anche vedere il caso di cecil, un casino della madonna da parte di gente che non ha detto nulla sulle guerre in Africa) e diventa una bassezza, una vergogna, una bassa strumentalizzazione.

Ma da che pulpito!
Sbarellona la zitellona poi dovrebbe solo star zitta, visto che non fa altro che festeggiare con malcelata soddisfazione la morte dei cacciatori, e si spertica in sputtanaggio di nomi e cognomi di persone a scopo di persecuzione fascistoide.

Loro si che sono coerenti!

Il vorrior non lo commento nemmeno, che paragona i mattatoi ai campi di concentramento ed è affetto da gravissimo analfabetismo funzionale.

Questi sono i personaggi che si sono permessi di criticare FederFauna per la sua immagine.
Una immagine forte ma VERA.
Nel mentre loro fanno la stessa cosa per MENTIRE riguardo la fame nel mondo (perché se tu mangi carote in occidente allora in Africa si materializza acqua e una bella fagiolata con olio d'oliva, manco i fagioli Senzu erano così fantasiosi...

Con che faccia lo fanno?
Con la stessa faccia con cui mentono spudoratamente. Il mondo vegano pullula di menzogne e "strumentalizzazione di foto di bambini per subdoli fini" e guai a fare lo stesso per sputtanarli.

Mi domando quali processi mentali gli facciano apparire le immagini vegarde come sante e le immagini di altri come il male incarnato... veramente, ma che cazzo gli passa per la testa?

3 commenti:

  1. Meno male! Pensavo di esser l'unica persona a non aver trovato nulla di scandaloso in quella "vignetta", ma, al contrario, la pura verità, sbattuta in faccia agli ipocriti. Il risultato lo ha ottenuto eccome: orde di ipocriti incazzati neri! LOL
    Moralisti della domenica, subito pronti a strapparsi le vesti per adeguarsi all'"indignazione" mainstream, mentre nella vita di tutti i giorni sono delle persone meschine e stronze con il proprio prossimo (ho detto "il prossimo", non "l'umanità": il vicino. E' facilissimo "amare l'umanità").
    Come disse qualcuno, "gli onesti si riconscono dalle azioni, i disonesti dall'indignazione".

    RispondiElimina