martedì 15 settembre 2015

Persecuzione vegana al ristorante Vegetariano Pitagora

La notizia la conosciamo già: un gruppo di animalardi vegamerda ha imbattato un piccolo ristorante ex vegano, perché ha deciso di includere il pesce nel menù, anche se ha conservato i piatti vegani.
Fin qui tutto di pubblico dominio, un po' più nascosto è il becero boicottaggio della setta vegamerda nel web, pagina del ristorante in primis:

Una vera persecuzione

Di stampo settario fra l'altro: come si permette un vegano a servire pesce? Sacrilegio! Bisogna distruggerlo, diffamarlo, intimidirlo e danneggiarlo in ogni modo possibile!
E venitemi a raccontare di nuovo che parlare di setta è una esagerazione!

In ogni caso Paolo Tramontano mi ha gentilmente fatto notare cosa sta succedendo nella pagina Facebook di questo ristorante, e penso che sia già facile immaginarselo: accuse di tradimento, di pensare solo ai soldi, che la cucina faceva schifo e le immancabili recensioni negative organizzate dai bravissimi vegani tolleranti, fra cui nomi noti:
To', la tollerantissima Sbarella incita alle recensioni merda, che sono di uno squallore incalcolabile

Vogliamo vedere se il ristorante era veramente lo schifo che dipingono i fanatici vegani in guerra santa vendicativa?
Numero recensioni negative nella pagina: 21.
Numero di recensioni negative non lasciate negli ultimi giorni dalla jihad vegamerda: 1, risalente a un anno fa.
Anche nelle recensioni a 3 stelle ci sono le manfrine di vegani in diniego, che insozzano l'attività lavorativa di un vegano (nemmeno onnivoro eh).

Tutto perché il proprietario ha notato che ci sono più clienti onnivori che vegani, e che agli onnivori i piatti che vanno ai vegani non piacciono affatto. Insomma, questo ristorante stava chiudendo a causa del fatto che i vegardi berciano di numeri catastrofici ma a conti fatti sono quattro gatti, intanto però chi ha investito il proprio avvenire in un ristorante vegano se la piglia nel deretano, abbandonato dai vegani stessi (ed è anche per quello che dico sempre di evitare di ascoltare le scimmie urlatrici, che purtroppo hanno grande risalto mediatico: ad andare dietro le cagate ci si ritrova nella merda).

Il ristoratore ha provato a difendersi, inutilmente


A queste considerazioni, che chi lavora capisce benissimo (ogni frecciata al fancazzismo vegardo è puramente voluta), i poveri fanatici da TSO hanno risposto che il ristorante faceva schifo.
Interessante vedere come gente che non è mai entrata in un ristorante sappia già che fa schifo, considerando anche che di recensioni negative ce n'era una sola (una genuina e non scritta a mo' di dispetto da bimbominkia ritardato mentalmente e analmente).

Altri hanno risposto che si apre un ristorante vegano solo per l'etica (sapessi quanti sono gli onnivori che aprono aziende vegane solo per spremervi come limoni bello mio, aaaah se solo sapessi... quante risate!) e in generale si vedevano solo fregnacce vomitate da chi non si è fatto un singolo giorno di lavoro in vita sua.

Facile parlare di ideali, di fregarsene dei soldi e tutto quando a rischiare di rimanere sotto un ponte è qualcun altro, facile! Per variare un poco dal tema deretano potrei dire che son tutti vegardi con i ristoranti degli altri! Facile attaccare qualcuno perché decide di lavorare. Difficile è alzare il culo e lavorare seriamente, e magari rendersi conto che se la popolazione italiana vegana è solamente lo 0,2% forse tante possibilità di fare gli altezzosi del cazzo e rifiutarsi di avere qualsiasi cosa a che fare con il mondo "mangiacarcaße" non sono poi tante, anzi sono praticamente nulle.

Il commento dell'anno: ti vuoi arricchire alle spalle degli animali.
I pesci non mi risultano abbiano delle spalle...

Cazzate a parte, ogni giorno che passa la cretinaggine vegamerda si palesa sempre di più, gente che non fa un cazzo di concreto ma crede che diffamando, insultando e danneggiando il prossimo si salvi il pianeta. Cretini, ignoranti e che non cercano un lavoro.

3 commenti:

  1. ma un ristorante si apre x far soldi, non x gli ideali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vallo a spiegare a chi vive in casa dei genitori e coltiva l'orticello "per fare baratto!111"

      Elimina
  2. non scrivere queste cose, mica puoi far vedere la realtà a questi buffoni. ora aspetto il commento del genio fi turno che negaa che l'uomo sia onnivoro

    RispondiElimina