lunedì 14 settembre 2015

I vegani stanno prendendo il sopravvento!!!

No, non è vero, e lo sappiamo benissimo. Purtroppo certi "entusiasti" prendono normalissimi meccanismi economici come la prova che "stiame diventande tantissimi e fra pocoh sareme la macioranzah!!112358". Vogliamo analizzare questi fenomeni economici, per sfatare questo mito spacciato come prova?

Prodotti per vegani nei supermercati

"Prima dovevo andare nel negozietto vegan bio per trovarli, adesso sono nel supermercatoh, stiamo diventande tantissimeh".
No, decisamente no. Semplicemente qualcuno si è accorto del nuovo mercato, degli enormi margini di guadagno che portano e ha deciso di buttarsi nel mercato, o di espandere la fetta di clienti già presente a scapito della concorrenza.
Potrebbe essere che hanno avuto sentore che i gonzi sono aumentati, e forse un momentaneo aumento c'è stato, ma se lo 0,1% della popolazione è vegana può anche raddoppiare e diventare lo 0,2%, ma sempre di numeri infinitesimali si parla.

Anche dovesse venire fuori un tornado di società e marche vegane ci sarebbe poco da esaltarsi e gridare alla marea verde, perché così funziona per tutto.
Cosa è successo con le sigarette elettroniche? Sono nate centinaia di aziened che producevano le ricariche da fumare, ma dopo poco tempo si è assistito alla moria di centinaia di loro, pochissime rimangono inpiedi. Questo perché? Per una legge di mercato, semplice: l'entusiasmo ne ha fatte nascere molte, ma l'offerta eccedeva troppo la domanda, così sono morte le aziende più deboli, quelle cioè con meno denaro da investire in marketing, innovazione e con pochi clienti.
Ma se all'epoca della loro "fioritura" ci si azzardava a dire che il popolo dei fumatori si era convertito in toto alle sigarette elettroniche be', si sarebbe detta una cazzata.

 

Sicuri siano tutti veg?

Molti non lo sapranno, ma nel mio secondo libro ho acennato ad una ricerca condotta su tantissime (forse tutte?) marche di latte di soia commercializzato. Ebbene, il 98% di questo latte di soia conteneva tracce (minime, 0,3% credo di ricordare) di proteine del latte vaccino. Insomma, dentro il latte di soia c'è una minima parte di latte vaccino.
Ora, dire che i vegani bevono latte vaccino basandosi su di questo è esagerato (dovrebbero bere 1000 litri di latte di soia per bere un litro, forse nemmeno, di latte vaccino) però fa ragionare tantissimo sulle AZIENDE che commercializzano i prodotti per vegani: commercializzano ANCHE prodotti di origine animale.

A parte il sogno infranto dei vegani di non finanziare chi sfrutta gli animali qui c'è da constatare che forse se chi commercializza prodotti per vegani non commercializza solo quelli parlare di marea vegana è una coglionata ancora peggiore...
Sarei curioso di leggere nel retro dei prodotti veg se contengono tracce di prodotti di origine animale come quelli analizzati in quel paper... chissà se è vero che mangiando veg (che costa 40 euro al kg) da supermercato si salva il mondo e si boicottano i mangiacarcasse o se i mangiacarcasse hanno scoperto che se compri a 40 cent e vendi a 40 euro l'affare è ottimo...

Contraddizioni sul mercato e la concorrenza

"i cibi vegani costano molto perché c'è poca concorrenzah" disse un povero mentecatto in diniego della realtà, immerso nell'allucinazione vegamerda fino alle orecchie.
Ma se come detto prima alla nascita di un mercato ci si ficcano in 200 mila tentando di ritagliarcisi una fetta come mai nella remunerosissima fetta vegana non ci sarebbero concorrenti?

La verità è che i cibi vegani costano molto perché i gonzi che ci si ingozzano non si pongono domande alcune e pagano l'ira di dio per il biologico e una fogliolina verde stampata sopra. Ora penso sia inutile sottolineare come io reputi il biologico la più grande perdita di tempo esistente, puro mezzo di marketing, però credo che all'esimia testa di cazzo fritta vegamerda che ha sparato la coglionata del "non c'è molta concorrenzah!!!!11" (a parte che io che me ne sbatto ho visto per lo meno una decina di marchi diversi, sempre vegani o per vegani) ESISTE IL FRUTTA E VERDURA COGLIONE MARCIO!

E' questo che mi sta sul cazzo dei vegammerda: possono essere vegani senza stramberie scientifiche/culinarie/complottistiche semplicemente evitando i prodotti che non vogliono e invece no, frutta e verdura male incarnato e si compra solo la roba che costa un patrimonio perché altrimenti non si è abbastanza hipster.
Ma vaffanculo va, che la concorrenza manca fra i tre neuroni smerdati che avete in quel cranio da babbuino microcefalo.

Il resto è smentito dalla realtà dei fatti, cioè che l'80% dei vegani smette dopo nemmeno un anno per motivi di salute (alla faccia della salute 150 anni come gli hunza trick e track trallalero trallallà) per cui il resto sono minchiate tirate fuori guardando il numero di nuovi vegani ogni anno (non contando quelli che smettono, un po' come registrare le nascite ma non le morti: al mondo esistono 28 miliardi di persone pigreco undici centoundici) se non direttamente dati tirati fuori a cazzo di cane e senza basi concrete.
Infatti poi vedi che i vegetariani sono in aumento, ma i vegani sono più che diminuiti.
E' un mistero... se dici che la salute dei vegani fa cagare quelli arrivano a urlare "nelle studie erane tutte vegetariane che manciano il latteh" però usano le statistiche buone in cui sono per la maggior parte di vegetariani come "kuartha i veg sono mellio huehuehuheuhue". Insomma, campioni mondiali di cherry picking. Fonte tuttogreen (e qua i vegamerda stanno muti) fornita da Vegano Illiteratus.
Comunque non sapevo che sparare minchiate fosse etico, contribuisca a salvare il mondo o a far scendere gli alieni di nibiru...

7 commenti:

  1. Anch'io bevo latte di soia e ogni tanto, giusto per sfizio, compro gelati vegani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I gelati sono come quelli normali (basso contenuto di soia?) invece il latte è atroce finché non ti ci abitui. Io mi ci sono buttato perché non posso più assumere il lattosio e non li compro molto spesso a causa del prezzo. Quanto mi manca il latte!

      Elimina
  2. Ma non lo sapevi? È provato scientificamente che una puttanata al giorno salva il mondo, insomma funziona così più ne spari e più succedono cose positive e più grande l'hai sparata più effetto positivi ottieni ora ti faccio un'esempio semplice. I vegani conquisteranno il mondo e noi saremo costretti a nutrirci come mucche ed essere schiavi degli animali....ed ecco fatto ora con questa semplice frase ho fatto crescere un ciliegio fuori casa mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un ciliegio sempre verde che fa crescere ciliegie tutto l'anno, ovviamente.

      Elimina
  3. Il latte di soia a mio giudizio non fa cagare...di più
    La volta che per sbaglio ne ho bevuto una golata lo ho veramente rimpianto...chiamarlo latte é possibile solo perché è liquido e bianco per il resto è una porcheria.

    RispondiElimina
  4. Caro Fabrizio, la psicanalisi può aiutarti a superare questa ossessione paranoide per i vegani. Ci sono tanti specialisti bravi in giro che possono darti una mano. :) Quanto alla volgarità del tuo stile espressivo (ogni quattro parole, tre sono parolacce), temo purtroppo non ci sia cura.

    RispondiElimina