lunedì 4 maggio 2015

No Expo: poveri che invidiano i ricchi

Oggi su facebook è saltato fuori un commento che sta diventando famoso. E' il commento di un povero che difende i No Expo perché hanno fatto danni "ai ricchi". Voglio spendere due parole per definire questo fatto e questa mentalità becera...

No Expo e l'invidia verso i ricchi


Come abbiamo già ben visto i No Expo si sono accaniti contro negozi e banche perché "simboli di ricchezza". Insomma, con tutte le vaccate raccontate sulla legalità e lo sfruttamento dei lavoratori (come se fosse successo solamente al Expo e non fosse malcostume italiano) non imboniscono nessuno che abbia almeno 15 punti di QI.

E infatti salta fuori il simpatizzante:

"Abito a Milano da anni. E abito in una delle zone limitrofe agli scontri avvenuti ieri"
Poche parole con errori una puttanata: da come scrive sembra che "gli scontri" siano una zona di Milano o degli immobili... Ma non mi stupisce che sia un caprone ignorante...
"Ho una panda del '95 parcheggiata in strada, è rimasta intatta; nessuno l'ha toccata"
Si vede che probabilmente era già un rudere di suo... il che rende il parlare di "intatta" una cazzata pazzesca.
"Il mio vicino di casa è più piccolo di me"
Frase degna della quinta elementare... non è che è più giovane, no è più piccolo! Magari pesa di meno? Fra l'altro che cazzo significa che è più giovane?
"Ha una casa molto più grande della mia"
Ah ecco che significa: significa che sta rosikando abbestia!
"Gestisce 3 negozzi di bijoutteria al centro di Milano ereditati dal padre"
So già cosa pensa: ha ereditato quindi non merita nulla.
"Guadagna molto più di me"
Brutta cosa l'invidia.
"Ha un garage, ma spesso lascia il BMW in strada così è più comodo. Non sapeva nemmeno che ci sarebbe stata la manifestazione, era fuori con gli amici. Andava in montagna a sciare mi ha detto."
Avvisarlo no eh, piccolo infame invidioso?
"Ecco... il BMW lo hanno incendiato. Io so che questa pagina non c'entra nulla con gli scontri di ieri. Ma lancio un appello a chi ha partecipato agli scontri e all'autore dell'incendio di questa BMW. Una sola parola:GRAZIE!"
Seguito da uno smile.

Questo vicino di casa potrebbe essere un arrogante e indisponente, ma dalla premessa si capisce che non c'è astio personale, ma invidia verde per il tenore di vita di questa persona, fra l'altro più giovane...

Se sei meno che mediocre non è colpa degli altri

Se un ragazzo più giovane di te ha un benessere molto più alto non devi guardare lui con odio e disprezzo, ma guardare te stesso con occhio critico.
In questo caso lui può aver ereditato 3 negozi dal padre, ma i negozi se non li sai gestire falliscono. Ergo se è riuscito a mantenere intatto quello creato dal padre si merita TUTTO il benessere che deriva dalla sua capacità. L'unico vantaggio che il padre gli ha offerto è stato il pacchetto completo, insomma vive nel benessere già da giovane invece di cominciare da zero e avere il benessere più avanti con l'età.

Invece il rosikone che fa? Che combina?
Rischia? Si impegna? Ha talento? Lo dimostra?
Nella vita si può anche avere sfortuna, ma decisamente se passi il tempo a invidiare gli altri tanto da gioire di biechi atti vandalici la sentenza può essere una sola: è una merdaccia molto meno che mediocre e senza talento. Punto.

Perché le cose stanno così: in questo mondo ci sono anche quelli che diventano ricchi senza meritarlo, che si fanno i maneggi e cose simili, ma questo avviene sempre e in ogni ambito, la maggior parte dei ricchi ha creato la sua ricchezza dal nulla: Bill Gates e Steve Jobs hanno cominciato dal garage di casa dei loro genitori, e oggi Microsoft e Apple sono dei giganti a livello mondiale.

Invece gli invidiosi che fanno? Rosikano, e basta. Non cercano di migliorarsi, non cercano di imparare, non cercano di fare nulla, guardano con invidia chi ci è riuscito.

Ormai siamo tantissimi e differenziarsi dalla massa è più difficile che in passato, ma essere normali non è una condanna. E' una condanna autoinflitta essere degli incapaci inetti che guardano con invidia anche i mediocri, perché parliamoci chiaro avere 3 negozi e il BMW con una bella casa non è definibile lusso sfrenato o ricchezza indescrivibile, è qualcosa che supera la media ma non la surclassa.

E questa mentalità è diffusissima nell'humus italiano e viene fuori anche nel web, dove se guadagni quattro lire ti danno contro manco fossi un nazista in divisa e devi passare ore a giustificarti di fronte a minchioni che ti dicono "ci vuoi guadagnare!" come se tu non avessi spese di sorta da reintegrare...

Una sola parola: vaffanculo.

Faccio una precisazione, che so già che nessuno leggerà e mi ricoprirà di merda senza motivo:
Io non criminalizzo i poveri. Se una persona è povera e vive con dignità tanto meglio per lei, se una persona è povera e cerca di migliorarsi in tutti i modi può solamente ricevere la mia stima, se una persona è povera e riesce a migliorarsi però verrà disprezzata dagli altri poveri, che rimangono nella merda perché troppo codardi o ignavi e cercano di tirare nella merda gli altri.
Ecco, questo è un comportamento che io disprezzo, ed è questo che ho criticato in questo testo.

Ho una notizia per questo tipo di merde: potrete anche gioire delle macchine incendiate, degli incidenti o di "ricchi" che finiscono in rovina, ma la vostra situazione di merdacce incapaci e piene di bile non cambia di certo per le disgrazie altrui. Coglioni.


4 commenti:

  1. Ma poi da dove salta fuori la menata che quelli che hanno messo a ferro e fuoco Milano sono "poveri"? Circola la foto di una manifestante con rolex al polso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loro pensano di esserlo, o per lo meno si paragonano alle multinazionali con fatturati di centinaia di milioni l'anno...

      In ogni caso non mi sono concentrato su loro in questo testo, ma su chi parteggia per loro perché "danneggiano i ricchi"

      Elimina
  2. Un pizzico di invidia potrebbe essere addirittura salutare, se servisse a stimolare la voglia di raggiungere un qualche obiettivo (non solo economico).
    Teniamo anche conto comunque, che l'animo umano è quello che è indipendentemente dal censo: nel mio lavoro, ho visto "poveri" possessori di yacht di 15 mt augurare le peggio cose ai ricchi proprietari di un 40 mt...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi possono avere qualsiasi cifra che continueranno a sputare bile contro chi ha di più?
      Pure peggio di chi non ha nulla...
      Anche in quel caso un bel vaffanculo se lo meritano tutto.

      Comunque quella che descrivi tu può anche essere definita ammirazione, più che invidia credo ci stia meglio. Vedi qualcuno che sta bene e provi a seguirne le orme. In questo caso non c'è nulla di male

      Elimina