mercoledì 15 aprile 2015

Liberati i macachi di Modena

Lo stabulario di Modena, al centro della bufera creata dal business animalista, ops buon cuore animalista (centoundici), ha deciso di cedere 16 macachi che erano tenuti per svolgere i test.
Nulla di trascendentale: si tratta della normale prassi, quando i test si concludono gli animali vengono ceduti a dei centri di recupero. Gli animalardi la vedono in modo diverso...

Loro gridano alla vittoria. Per forza, ai gonzi bastardi finanziatori devono far credere che i loro soldi sono (e soprattutto saranno, per le donazioni future) investiti bene.
Ma la realtà è che gli animalardi non hanno concluso con successo un beneamato cazzo di nulla, tranne una massiccia campagna propagandistica diffamatoria attraverso televisioni e giornali (qualche dubbio sul potere mediatico e politico di questa gente no eh), con cui si rimpingueranno i già satolli portafogli, perché come già detto è prassi che gli animali vengano affidati alle associazioni quando le sperimentazioni terminano. E' previsto dalla legge, è stato voluto dai "vivisettori stessi" e dal principio delle 3R.

L'unica cosa che hanno ottenuto è stato dimostrare come la totalità dei macachi è in ottime condizioni di salute. Ma chi finanzia questa gente perché urla che gli animali sono maltrattati, non si rende conto di essere stato beffato come un tonno quando vede che in realtà gli animali stanno benissimo?
Non ci dovrebbe essere un limite alla boccaloneria?

Addirittura la fine delle sperimentazioni è parecchio antecedente alla data da loro scorregiata, e già il 30 Settembre firmavano l'accordo per la cessione, insomma gli animalisti sono stati inutili quanto una rompighiaccio nel deserto del Mojave, purtroppo però sono molto bravi a far credere il contrario, ma aggiungerei grazie al cazzo con quella copertura mediatica e la totale ignoranza e boccaloneria dei dementi schifosi che li finanziano e ascoltano.
L'unica cosa che ottengono è un danno verso quella che nonostante i tagli e le condizioni pessime è un'eccellenza MONDIALE. Ed è un dato di fatto questo.

Forse pretendono di ridurre l'Italia ad essere il prossimo serbatoio di lavavetri indisponenti ai semafori dei paesi europei...

Ora non ci resta che sperare che questi 16 macachi non vengano affidati a dei prodi animalisti che li fanno sbranare, uccidere e mezzo masticare dai propri cani (è successo realmente).
Fonte


Nessun commento:

Posta un commento