martedì 31 marzo 2015

Brambilla: 2 anni di carcere per chi mangia carne di coniglio

Ci troviamo nuovamente di fronte all'ennesima sparata che non andrà mai in porto ma che tanto fa parlare di sé, e la cosa è più che buona quando si vendere a qualche idiota sfatto l'immagine che loro desiderano. Ecco quindi che brambilla, la ex ministra tinta, spara una proposta di legge che riconosca i conigli come animali da compagnia e punisca con 2 anni di carchere chi mangia quel tipo di carne.

Perché si tratta solo di un'operazione commerciale racatta voti invasati?
Ragioniamoci sopra: a parte l'immensa assurdità di una cosa simile, che rovinerebbe l'economia del paese per far contenta qualche decina di migliaia di cervelli di volpe morta che definire alienata è un complimento, ma quanto si andrebbe ad intasare la giustizia e le carceri? Che già sono al collasso, ricordo. E' un qualcosa che non ha senso, l'unica utilità per questa coglionata è farsi piacere a quella masnada di poveri mentecatti che sono gli animalardi, che berciano cazzate con la bava alla bocca, o al limite un megafono cruelty free 100% naturale in mano.

Fra l'altro ormai lo sanno pure cani e porci che il proibizionismo non fa che aumentare un dato fenomeno e al contempo arricchisce la criminalità: sono sicuro che dopo una legge simile si moltiplicherebbero le grigliate di coniglio, anche da parte di gente che non ne mangia praticamente mai. Ma questo quei poveri cretini dotati di tessera elettorale non lo sanno, e anzi festeggiano cazzate simili.

Ma avrei alcuni dubbi:
Perché vietare la carne di coniglio ma continuare a commerciare salmoni e crostacei? Perché per l'animalardo dei miei coglioni un pescatore è un porco assassino che andrebbe buttato nel forno ma la brambilla, che in percentuale commercia migliaia di volte più pesce di un pescatore con la canna da pesca che si rilassa la domenica, viene idolatrata e salutata come santa salvatrice di sta ceppa.
Quanti problemi hanno in testa queste teste di cisti sebacee?

Ma il dubbio principale è: visto che bramby non si è mai dissociata dagli animalardi violenti del cazzo e da quelli che commettevano reati gravissimi con centinaia di migliaia di euro di danni, posso appellarmi anche io alla "disobbedienza civile" e mangiare carne di coniglio, nell'estremo caso fosse vietata?
Vale la loro morale del cazzo, cioè che infrangere la legge se si ritiene di essere nel giusto è permesso? Qualcosa mi dice di no...

E questo qualcosa è indice dell'immensa ipocrisia e contraddizione che caratterizza questa gente.
Loro parlano per religione, non per logica. E per questa ragione chiunque con un minimo di sale in zucca non dovrebbe nemmeno stare a sentire le coglionate che sparano.

E questo è un altro indice di quanto siano stupidi e ritardati i vegamerda e gli animalardi...


7 commenti:

  1. Altra carta igienica destinata al macero in quell'immane magazzino che è la raccolta delle proposte di legge provenienti dal parlamento. Però questa sconfina abbondantemente nel campo del disagio.

    RispondiElimina
  2. La siura brambilla e quelle come lei dovrebbero, per affinità mentale, chiedere che sia proibito uccidere e mangiare oche!!!!1111!!!

    RispondiElimina
  3. Giustappunto sono sparate megagalattiche. Figurarsi se qualcuno dà ancora retta alla bramby, salvo gli animalminchiardi, che - nonostante le loro banfate - sono ancora sempre un'esigua minoranza. No, a questa minorata mentale non bisogna dar retta, se non per riderle direttamente sul muso.

    RispondiElimina
  4. 2 anni per chi mangia un coniglio mentre per chi froda il fisco, fa falsi in bilancio, corrompe o si fa corrompere niente?
    La cara Brambi ha uno strano modo di intendere le emergenze e le urgenze italiane

    RispondiElimina
  5. Due anni, meglio quattro, li darei a quei cretini che continuano a votarla.

    RispondiElimina
  6. Grandiosa l'immagine del "megafono 100% cruelty free naturale in mano"; sarà un caso se io mi figuro che abbia questa forma qui? 8==D
    LOL
    Detto questo, qualcuno ha parlato scherzosamente di "vietare di mangiare oche" intendendo la parola oca come insulto; però a dire la verità anche l'oca è stata usata come animale da guardia, e chi l'ha vissuto racconta che sono pure meglio dei cani.
    E allora? L'oca si mangia seppur può esser un animale da guardia -molto più utile che stare là in salotto a farsi rincretinire sul divano con la padrona- e il coniglio va relegato, appunto, a stare in una casa (non certo suo ambiente) quando in pentola con le olive sta sicuramente più ...al caldo? :)
    Poi va be'. Possiamo raccontarsi tutte le storie su allevamenti intensivi ecc ecc ecc, ma da qua a far proposte farlocche ce ne deve passare.

    RispondiElimina