venerdì 9 gennaio 2015

La morte di Bernard Maris e gli sciacalli complottisti

Come ben sappiamo una delle vittime dell'attentato al Charlie Hebdo è Bernard Maris, un economista dalle idee molto chiare e che avrebbe voluto un mondo privo di capitalismo e con beni gratuiti, insomma era fortemente di sinistra. Oltre a questo era anche scrittore, collaboratore con la testata satirica e insegnante universitario. Nel 2011 era stato nominato membro del General Council della Banque de France. E qua iniziano i problemi...

Iniziano a fioccare le teorie del complotto, che in realtà già imperversavano nel web come un cancro incurabile, per cui possiamo definirla una metastasi secondo cui "stranamente" (pure la merda che esce dal buco del culo è un avvenimento strano secondo il complottardo demente medio) nell'attentato è morto un economista che "voleva cancellare il debito pubblico".

Anche il fatto che fosse della Banque de France ha fatto gridare i dementoni sfatti al gombloddo, e non voglio sottolineare come secondo il tardo complottardo demente medio tutti i banchieri sono parte del complotto tranne quelli che muoiono, che magicamente sono fatti fuori perché si...

Vediamo di parlare prima di tutto del ruolo di economista di Bernard Maris e delle sue dichiarazioni sul debito pubblico:
Come già acennato era fortemente di sinistra, tanto che ha scritto un libro intitolato "antimanuale di economia" in cui parla di beni gratuiti e anticapitalismo, insieme ad un altro libro. Uno pubblicato nel 2000 e l'altro nel 2005.
In ogni caso era scettico verso l'euro (moneta), anti globalizzazione e così via, come ogni uomo di sinistra del resto. Forse per questo è nato il gombloddone sulla sua triste morte.
Secondo i complottardi (e qua approfondiremo più avanti) avrebbe affermato che il debito pubblico va eliminato, ed è qua che parte il gombloddone che lo avrebbe levato di mezzo perché scomodo all'interno della Banca di Francia

Andiamo con calma:
Membro della General Council della Banque de France... loro dicono che "uno di loro voleva cancellare il debito pubblico" e lasciano intendere che sia stato fatto fuori per impedirgli di fare qualcosa di dannoso per i banchieri del NWO. Ma se vai a vedere sul sito della Banca di Francia c'è scritto chiaro e tondo che il ruolo che ricopriva Maris era di deliberare sulle attività della banca e NON di mettere bocca sulle politiche monetarie! Fonte.
Sottolineare la posizione di Maris per far intendere che fosse scomodo è solamente una stronzata in malafede ignorante per dar forza alle teoriucole da bimbomerda cerebroleso che sono i complottardi.
Ma ovviamente essendo la fonte il sito di una istituzione facente parte del gombloddo è un gombloddo che ci sia scritto così per evitare la gente gridi al gombloddo sapendo che l'economista è stato ucciso. Come se la banca potesse sapere che Maris sarebbe morto a breve e i tardi avrebbero sparato minchiate ovviamente.

Ucciso durante l'attentato, un caso?
Stronzoni complottardi demmerda, forse vi è sfuggito che Maris ha pubblicato una colonna sul Charlie Hebdo sotto pseudonimo di "Oncle Bernard"? Era un redattore del giornale... e visti gli stretti rapporti fra di lui e la redazione, è così strano che lui si trovasse lì? Ma ovviamente si, nel mondo malato della mente di chi vede complotto pure negli arcobaleni e trova strano che l'estate ci sia caldo!

Voleva cancellare il debito pubblico.
Punto molto oscuro, riportato solo da byoblu in un suo video e da qualche complottardo che non cita nemmeno le fonti. In ogni caso, nonostante la fonte citata da byo sia un bloggerello senza dominio come ne possono nascere a milioni e che non si degna di mettere un link alla fonte, pare che la citazione sia vera, ma appunto dice questo: "...devono cancellare PARTE del debito...".
Il discorso non è breve, e lo si trova riportato in questo articolo (alleluja, una fonte decente!), e in ogni caso parla di cancellare o ritrattare PARTE del debito pubblico, in cui ci si accorda con banche ed investitori per la manovra, che ricordo è difficilissima visto che per loro è una perdita enorme di denaro.

Quindi no, non voleva cancellare il debito pubblico ma ridimensionarlo (cosa che poi a ben vedere è da fare, ma ognuno ha la sua idea sul come), non aveva il potere di influenzare minimamente la banca per attuare la manovra e non era un caso che fosse all'interno della redazione del giornale durante l'attentato.
Lo so, a voi sembra pure scontato che un complottista dica stronzate e veda un complotto pure nello stronzo che non galleggia dopo cagato, ma certi ignoranti possono prenderlo per vero e cascare nel tranello complottardo.

Aggiornamento:
Il grandissimo LeFou! mi fa notare che in realtà qualcuno il debito pubblico lo ha ridotto:
La grecia ha ridotto il debito con un taglio del 50% del nominale e interessi zero.
Nessuno è morto nel processo, anche perché i complottardi non lo sapevano, altrimenti il sorcio investito sul ciglio della strage era collegato al gombloddo e fatto fuori perché era scomodo.

1 commento: