giovedì 27 novembre 2014

Disinformazione vegana sugli Omega 3

Come ben sappiamo i guru della dieta vegana sono in lotta contro il buonsenso e la realtà oggettiva dei fatti. Stavolta, dopo aver allegramente negato l'esistenza della B12 (o attribuita ai vegetali, alle alghe, o spacciata per cancerogena) se la sono presa con gli Omega 3, altra magagna con cui devono fare i conti prima di poter dire che la dieta vegana è il top della nutrizione:

Come ben sappiamo gli omega 3 presenti nei vegetali sono di un tipo non biologicamente disponibile per noi, e vengono convertiti nell'organismo con una perdita massiccia, diciamo che se non ricordo male la quantità ottenuta è del 8-10% rispetto quella iniziale.
Come vediamo nel grafico nei semi e oli vegetali troviamo gli ALA, guarda quanti passaggi si fa...

In ogni caso hanno trovato uno studio scientifico e hanno immediatamente tuonato che gli omega 3 dei vegetali sono di gran lunga migliori di quelli del pesce!

Vediamo alcuni estratti del "articolo":

"Omega3, la fonte privilegiata è quella vegetale"
Un titolo che fa intendere non abbiano proprio dubbi...
"In base a un nuovo studio apparso di recente sull'American Journal of Clinical Nutrition è stato confermato che l'assunzione di omega-3 si può ricavare più facilmente da fonti vegetali che da diete a base di pesce. Una buona notizia per tutte le specie marine a rischio estinzione (HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHA), ma anche per chi ha scelto un'alimentazione vegetariana o vegana."
Proprio nessun dubbio! E sono pure felici de "le specie marine a rischio di estinzione", come se non esistessero i pesci d'allevamento e le regole della pesca. Pensate quanto sono convinti che il mondo sia brutto e cattivo, pensate a quanto sono alienati dalla realtà!

Ma andiamo avanti:

"Vegetariani e vegani provvederebbero autonomamente alle proprie necessità di acidi grassi essenziali omega-3 a lunga catena (presenti nel pesce) ricavandoli dagli acidi grassi omega-3 vegetali, quindi senza dover introdurre nella propria dieta la carne di pesce. Tali grassi sono importanti per il buon funzionamento dei meccanismi metabolici."
Una notiziona per i vegardi di tutto il mondo! Finalmente la falsa scienza ha dimostrato qualcosa che fa comodo a loro quindi non è più falsa scienza ma è scienza buona!

Ma è realmente andata come raccontano?
Andiamo a vedere lo studio che hanno citato che guardacaso, stranamento, nel sito che mi ha segnalato il collega non è linkato, ma è linkato nella fonte originale (da cui hanno copiaincollato TUTTO, pure disonesti 'sti vegardi).

Il titolo è questo:
"Dietary intake and status of n−3 polyunsaturated fatty acids in a population of fish-eating and non-fish-eating meat-eaters, vegetarians, and vegans and the precursor-product ratio of α-linolenic acid to long-chain n−3 polyunsaturated fatty acids: results from the EPIC-Norfolk cohort"
Introduzione dalla dieta e stato dei grassi n-3 nella popolazione di consumatori di pesce, consumatori di carne, vegetariani e vegani ed i livelli di conversione dal alpha linoelico al n-3 a lunga catena (potrei aver tradotto qualcosa non troppo bene, ma il succo è quello).

Vediamo i results:
"Most of the dietary intake of EPA and DHA was supplied by fish (Sgamati... ci sono voluti due secondi eh, ignoranti bugiardi disonesti pezzi di merda imbroglioni falsari); however, meat was the major source in meat-eaters, and spreading fats, soups, and sauces were the major sources in vegetarians. Total n−3 PUFA intakes were 57–80% lower in non-fish-eaters than in fish-eaters (Eh si, la fonte privilegiata è quella vegetale! Sicuro! I pesci non si devono più mangiare! Ma vaffanculo va), but status differences were considerably smaller. The estimated precursor-product ratio was greater in women than in men and greater in non-fish-eaters than in fish-eaters"
Traduco:
La maggior parte dellgli EPA e DHA introdotti dalla dieta sono forniti dal pesce (E già qua crolla il teatrino poliedrico di menzogne spudorate veganmerda, ma andiamo avanti); tuttavia nei consumatori di carne la fonte principale era la carne, e margarina, zuppe e salse per i vegetariani. Il totale di n-e PUFA introdotto era inferiore del 57-80% nelle persone che non consumano pesce (FONTE PRIVILEGIATISSIMA MOTHERFUCKER!), ma la differenza fra i livelli erano sensibilmente minori. Il tasso di conversione era maggior nelle donne rispetto agli uomini e maggiore nei non consumatori di pesce che nei consumatori.

Insomma, il tasso di conversione aumenta sensibilmente se si mangia solo roba vegetale, probabilmente l'organismo si abitua e si "specializza", ma c'è comunque una differenza sostanziale fra i livelli di chi consuma pesce e chi no, solo sono inferiori a quanto si ipotizzava in passato!

Da questa piccola differenza questi dementi hanno tuonato che il vegetale è di gran lunga meglio!
Ma di gran lunga meglio 'sta grandissima fava! C'è una differenza che può essere del 50-70%, forse un po' meno ma è comunque abissale!
Non ci sono cazzi, con il vegetale non si va da nessuna parte, eppure loro stravolgono le cose a loro vantaggio! Mentono sapendo di mentire, vili e infami!

Leggiamo:
"Lo studio ha mostrato come, a fronte di una minore introduzione di omega-3 attraverso la dieta tipica dei vegetariani/vegani, se paragonata a chi consuma pesce in quantità (con una percentuale che va dal 57% all’80 % di differenza) (E sono sicuro che i vegardi siano quelli con l'80% visto che si parla anche di altre diete), livelli di EPA e DHA sono risultati essere pressoché uguali nei due gruppi di campioni studiati."

Davvero?
Leggiamo di nuovo lo studio, giusto per sicurezza:
"Substantial differences in intakes and in sources of n−3 PUFAs existed between the dietary-habit groups, but the differences in status were smaller than expected, possibly because the precursor-product ratio was greater in non-fish-eaters than in fish-eaters, potentially indicating increased estimated conversion of ALA. If intervention studies were to confirm these findings, it could have implications for fish requirements".

Esistono differenze sostanziali di introduzione di n-3 PUFA fra i gruppi dietetici, ma le differenze fra i livelli erano minori di quanto ipotizzato, probabilmente perché la conversione era maggiore nei non consumatori di pesce che, che potenzialmente indica una conversione maggiore degli ALA. Se successivi studi dovessero confermare queste conclusioni, potrebbe avere degli effetti sulla quantità di pesce necessario.
Non parla solo di vegani, non parla di smettere di mangiare pesce ma rivedere le dosi consigliate.

Loro hanno capito tutt'altro, o hanno voluto capire.
Questo è solo un piccolo esempio di come i nostri cari vegardi mistificano la realtà, mentono, riportano fatti distorti. E pensare che c'è ancora gente che si fida di loro!

4 commenti:

  1. Evidentemente loro non assumono omega-3 PUFA, ma FUFA.

    RispondiElimina
  2. ma quando in qua capiscono le cose come stanno, loro vedono un mondo tutto loro.

    RispondiElimina
  3. Sfortunatamente per i vegar-dati, è solo uno studio. Servono altre prove e riprove per appurare la ricerca. O addirittura, ler confutare.

    RispondiElimina
  4. Ah, il famoso articolo travisato! Sì, avevo già smerdato un vegardo sei mesi fa, sulla pagina FB "L'onnivoro ritardato". Cercava di far "cadere" l'importanza degli omega-3, che difendevo a spada tratta, linkandomi il sito veg con l'interpretazione dei risultati della ricerca. Sono andata a leggere direttamente l'abstract e ho spiegato per filo e per segno ciò che intendeva DAVVERO dire quello studio.
    Non credo mi abbia più risposto. :D

    RispondiElimina