domenica 12 gennaio 2014

Preoccupazioni verso l'estremismo animalardo

Dopo i recenti fatti, in cui qualche barilotto di sterco ha affisso numerosi manifesti di incitamento all'odio contro quattro ricercatori fornendo i dati sensibili per facilitarne la persecuzione, molte persone si stanno allarmando per l'estremismo animalardo, che potrebbe sfociare in atti di violenza contro le persone:

Voglio dire qualcosa di veloce e poi tutti giù ad abbuffarsi al pranzo domenicale.

Fino ad ora gli attentati e le vessazioni animalarde non sono mai mancate, ma non è cambiato nulla.
L'unica cosa che è cambiata ultimamente è la percezione che ne ha l'opinione pubblica dopo che questi allegri mentecatti si sono mostrati al mondo per quello che sono.

Incendi dolosi, furti, danni alle proprietà, minacce di morte, vessazioni e persecuzioni sono sempre stati presenti. Lo stesso Silvio Garattini ha rivelato di essere minacciato di morte ormai da quaranta lunghi anni.


Ripeto: questi sono sempre stati degli omini piccoli dall'intelligenza estinta e dall'ideologia nazifascista, hanno sempre minacciato di morte e perseguitato ricercatori e non, per cui non è cambiato nulla.

Quando cambierà qualcosa sarà il caso di allarmarsi, ma fino ad allora tutti calmi (ho sentito persone che stavano prendendo troppo seriamente la cosa).
Ricordo fra l'altro che la maggior parte di questi poveri imbecilli desistono. Dopo qualche anno che sono stato preso di mira dai guerrieri da tastiera animalardi ora c'è la calma totale. Non vengono più, non organizzano più shitstorm punitive fatte di minacce e insulti, non arrivano più gruppetti di imbecilli a perseverare nel blog e nelle mie pagine. Perché? Perché non mi sono fatto intimidire.

La principale motivazione per cui fanno i guerrieri da tastiera è intimidire qualcuno tanto da farlo stare zitto e chiudere pagina facebook o sito web. Puntano a quello, alla censura.
Se non la ottengono insistono, ma dopo qualche anno la finiscono.
Per cui, pubblico questa interessante immagine dei più feroci guerrieri da tastiera animalardi, tanto per mostrare cosa sono in realtà:


Sono semplicemente ridicoli...
Ovviamente nel caso inizino a esagerare con minacce e diffamazioni querelate, denunciate o cosa cazzo va fatto: una bella batosta servirà da lezione a molti scansafatiche fanatici.

Diverso discorso i fanatici (ne parlo nel prossimo post) ma quelli prendono di mira aziende e multinazionali, per cui il semplice cittadino non deve allarmarsi.
In ogni caso ripeto: nulla è cambiato, è cambiata solo la percezione.


9 commenti:

  1. Sono pienamente d'accordo con te sul genere di animalari in circolazione.
    Secondo me sarebbe necessario agire anche contro le associazioni che causano gli incendi o qualsiasi altro tipo di danno ai laboratori, perché distruggere anni di ricerca su una malattia non è cosa da poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito sono ALF e 100% animalisti che fanno le cose peggiori, insieme alla cricca di lo prete (entrati a Green Hill e al dipartimento di farmacologia di Milano).

      Elimina
  2. Sono d'accordo sul fatto di non allarmarsi, però io penso che dobbiamo sempre tenere gli occhi ben aperti. A forza di manipolare le menti deboli, prima o poi riusciranno a fare leva su quella di qualche psicopatico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma non si può vivere nel terrore.
      Al momento sono quattro coglioni messi in croce.

      Elimina
  3. uno e' pasqualino ma l'altri due scoppiati ? si conciano cosi' sempre ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo è "bestia", il secondo pasqualino, il terzo un cretino che va a fare cazzate di fronte le macellerie, il quarto "vegan warrior".

      Elimina
  4. Il problema è che l'estremismo genera altro estremismo. Una brava persona che si trovasse di fronte a un talebano animalardo diventerebbe, minaccia dopo minaccia, un talebano della sperimentazione sugli animali. La società moderna sta perdendo la cognizione della classica via di mezzo; ora o ci si trova schierati su un fronte, o sull'altro. Non so, ma ho la strana sensazione che prima o poi troveremo la fila di animalardi impiccati in piazza.

    RispondiElimina
  5. Volevo farti una domanda Fabrizio, usando questo spazio: questa recrudescenza animalarda è "sbocciata" con l'entrata in politica della Brambilla o era preesistente? Te lo chiedo perché è da poco chye mi informo su questo problema. Ti ringrazio se mi vorrai rispondere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' decisamente preesistente.
      Le associazioni animaliste macinano soldi da parecchio. La questione green hill ha solo peggiorato le cose, smuovendo decine di migliaia di animalardi della domenica e quindi l'interesse dei politici.
      Il risultato è che ora si fanno leggi del cazzo, mentre prima almeno dal punto legislativo c'erano molte meno panzane.

      Elimina