giovedì 19 settembre 2013

I complottisti neri

No, con "complottisti neri" non intendo i nazistoni che continuano a credere a balle di oltre 60 anni fa, ma con complottisti di colore nero, fisicamente.
Forse lo sanno in pochi, sarebbe un bel primato per il mio blog, ma ci sono dei geniali personaggi che vanno in giro a fare "ricerche" sulla storia per collegare varie culture all'Africa:

Secondo questi personaggi gli africani sono il centro del mondo, in pratica loro hanno dato i natali ad ogni civiltà esistente al mondo. Ma non intendono la grande migrazione di qualche centinaio di migliaio di anni fa (l'homo sapiens è nato in Africa e poi si è spostato per il resto del mondo) ma parlano di cose avvenute anche 200 anni fa!

La cosa più esilarante è la loro convinzione di essere stati loro a dare origine alla civiltà cinese. I neri hanno dato i natali ad un popolo che notoriamente ha il colore della pelle che tende al giallo. E' geniale! Tutto questo perché in uno dei miti della creazione cinese si parla di "uomo nero", e tanto basta a dire che la cultura millenaria cinese è nata dagli africani. Poco importa se, tratti somatici a parte, la cultura africana sia lontana anni luce da quella cinese, l'importante è leggere "nero" e si viaggia nel mondo fantastico del "antinegazionismo del white power".

Si perché non solo loro hanno dato vita a tutte le civiltà del mondo, europee, asiatiche e americane (e chissà che non abbiano messo piede anche in Australia...) ma tutto questo è tenuto nascosto dal potere bianco e dal suo negazionismo. Ora, va bene che queste persone sono sempre state bistrattate e maltrattate, e che si è arrivati perfino a negare l'evidenza dei fatti per razzismo e pregiudizio (come il negare che il Great Zimbabwe fosse africano ma costruito da chissà chi e chissà quando), ma qui si sta scadendo nel ridicolo.

Si sono inventati anche la "razza pura africana", roba facilmente paragonabile alla "razza ariana" nazista: i Moors.

Secondo loro i Moors erano gli ariani africani che hanno civilizzato il mondo intero, una specie di popolazione mitologica dalle capacità assurdamente elevate e inarrivabili a nessun altro al mondo.
Peccato che moor significi "moro", che era il termine delle vecchie lingue per dire "nero".
Chissà se lo sanno...

Che dire, gente che se vede una testa di moro in una bandiera dichiara che quello era il regno di un qualche "moor" reale africano, roba che mezza europa, papato compreso, sarebbe stata regnata dai neri nel corso dei secoli, peccato che nessuno li abbia mai visti...
A me fanno un po' ridere e un po' pena, perché poveracci capisco che essendo disprezzati in quella maniera abbiano un forte desiderio di rivalsa e riscatto.
Usassero quello che hanno... visto che la mitologia africana è particolare e unica, e solo gli africani possono vantare culture millenarie mai inquinate dall'esterno, cosa che in europa non può dire nessuno.

Ovviamente scrivo questo perché pagato dalla lobby dei bianchi e sono bianco io stesso, insomma, cambia l'argomento ma non cambia lo stile complottista.




Questo video è un piccolo esempio, ma cercando la parola magica "untold black history" si aprirà un intero mondo complottista e propagandistico esilarante e fantastico.
Assolutamente da leggere i commenti ai video, dove l'autore spiega cosa è la razza pura africana e che gli altri sono esterni, come i berberi. E' fantastico.

14 commenti:

  1. Ecché, mica pensavi che il complottismo fosse prerogativa dei visi pallidi, eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, però è incredibile come alcune fra le vittime del nazismo siano diventate esse stesse molto simili ai nazisti.

      Elimina
    2. Chiamala "sindrome di Stoccolma". O il classico caso del ragazzo vituperato dai bulli che per vendetta diventa bullo a sua volta, però non nei confronti dei suoi aguzzini, ma di vittime innocenti come lo era lui all'inizio.

      Elimina
    3. Credo sia quello il motivo per cui si cerca di evitare lo sfociare di altri movimenti tanto estremisti: creano altro estremismo.

      Elimina
    4. Beh anche gli estremisti di destra israeliani sono della stessa risma.
      Come si dice: "La mamma degli imbecilli è sempre incinta"

      Elimina
    5. E sforna figli come un topo

      Elimina
  2. Mi pare che alla fin fine si dica sempre la stessa cosa: l'intera civilizzazione proviene da un unico punto, un unico centro di irradiazione, cosa che - nella testa del credulone - spiega ciò che le società storiche avevano in comune, tipo le piramidi. Naturalmente si guarda bene dallo spiegare ciò che non avevano in comune, che è sempre parecchio.

    Da Atlantide all'Africa, ma sempre lì rimangono: alle fandonie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello che c'è ancora gente che crede nel continente sommerso di lemuria...
      Saranno coglioni?

      Elimina
    2. Lemuria? benedetti dei, ogni fregnaccia ha i suoi credenti.

      Elimina
  3. Che figata: per essere deficiente non esistono barriere di censo, razza, cultura, genere sessuale. Mind has been blown.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero che fare distinzioni di razza è una cazzata: alla fine siamo tutti uguali, nel bene e nella coglionaggine

      Elimina
  4. Da Sardo a Sardo, non noti in piccolo un parallelismo con quello che viene fatto spesso nella nostra Terra? Di tanto in tanto salta fuori qualche teoria, tipo "Cristoforo Colombo era sardo", o l'ultima (pare confermata, ma non è quello il punto) che vede i sardi aver insegnato l'arte del bronzo ai fenici.

    E su queste teorie o su questi fatti c'è tutta un'orda di orgoglio e rivalsa che, non si sa perché, dovrebbe nell'immaginario collettivo migliorare la situazione attuale. Della serie "abbiamo scoperto noi l'America, ora risollevateci l'economia". Bello essere orgogliosi del proprio passato e delle proprie origini, ma non basta solo l'orgoglio del passato per risollevare un popolo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono interessato parecchio di queste cose, sono anche amico di penna di Leonardo Melis.
      Molte cose sono anche dati riscontrabili, come per esempio le statue di monte Prama che sono le prime statue mai create nel mediterraneo mentre prima si credeva fossero stati i greci i primi a farle.

      Molto spesso però si vola con la fantasia. Certo è che con l'esempio di prima è facile farsi cattive idee: le statue sono state tenute 70 anni in uno sgabuzzino, e tirate fuori solo da poco. Un professore, non ricordo chi, ha detto che non si è svelato nulla fino ad allora per "non disturbare lo studio dei laureandi", o qualche puttanata simile.

      Cattiva gestione, pochi fondi e spesso spiegazioni troppo semplicistiche sono terreno fertile per le teorie più disparate, che spesso esagerano in maniera clamorosa.
      Ma c'è anche da dire che sulla nostra storia si sono dette le peggiori cazzate magistrali mai viste prima, come che i nostri antenati non avessero mai navigato e invece commerciavano l'ossidiana per tutto il mediterraneo. E poi senza navigare come cazzo ci arrivi su un'isola?

      Elimina
    2. Certo, son d'accordo con te e il riscatto del passato dei Sardi è sempre una buona cosa, però quello che critico è l'atteggiamento del sardo contemporaneo che molto spesso si accontenta di queste "vittorie" senza capire che il passato è passato, e che possiamo pure scoprire un'antica scrittura dove salta fuori che Gesù stesso era nato a Cagliari, che questo non migliorerà la condizione attuale economico/sociale dell'isola.

      Oddio, saltasse fuori che Gesù è sardo ci si potrebbe basare tutto un business religioso dietro :P

      Elimina