giovedì 4 aprile 2013

I simpatizzanti della Corea del nord

Come ben sappiamo la Corea del nord è in fermento da diverso tempo. Dopo la morte del vecchio dittatore, con annesso funerale farsa che ha fatto ridere il mondo (l'italia ha ringraziato per questo, almeno per qualche giorno non si rideva di lei), è salito al potere suo figlio.
Il panzone deve aver incassato male l'improvvisa presa di potere, visto che gli ha dato alla testa, ma anche diversi dementi italiani hanno incassato male la democrazia, visto che gli ha dato alla testa...

La situazione è questa: ci sta il dittatore nord coreano che è andato totalmente fuori di melone e ha dichiarato guerra alla Corea del sud e agli USA, in evidente delirio di onnipotenza venuto fuori da chissà dove.
 I complottardi e dementi italiani hanno salutato il fatto esultando come mentecatti. Non è che si preoccupano che vengano presi di mira gli stati alleati, no... del resto l'italia è uno stato alleato, quindi preoccuparsi di questo equivarrebbe ad ammettere che kim jong-un sia un coglione stellare.

L'idea che i mentecatti complottardi hanno è che la Corea del nord sia democraticissima e che batta in tutto e per tutto gli USA e l'italia. Con tutti i difetti di onnipotenza degli Stati Uniti si può dire tutto tranne che sia poco democratica, e con tutti i difetti di servilismo e corruzione dell'italia idem.
Quanti blogger americani e italiani possono dire quel cazzo che vogliono senza che succeda nulla (a meno di fare reati che li grazie al cazzo)?

Quanti blogger nord coreani si conoscono nel mondo?
Nessuno? Come mai?
Forse perchè il "democraticissimo e liberrisimo!1!" regime nord coreano lascia i cittadini alla fame?
 Dei giornalisti francesi sono riusciti a infiltrarsi nel paese a bordo di un treno, e hanno filmato la situazione coreana: strade sterrate, paesaggi brulli e spogli, gente che cammina a testa bassa e vestita quasi di stracci, qualche bicicletta ogni tanto, soldati armati con fucile d'assalto in bella vista che vanno avanti e indietro. Desolazione totale, povertà, carestia, prigionia. Ecco cos'è la Corea del nord, altro che le cazzate dei dementi!

Quelli si basano sulle immagini ufficiali che mostrano qualche città, in cui guardacaso si vedono pochissime macchine circolare, roba che ricorda molto di più il 1920 che il 2010, e fra l'altro TUTTI hanno l'obbligo di andare nella enorme statua del dittatore a lasciare un mazzo di fiori e inchinarsi, guardato a vista da diverse guardie armate. Quella è democrazia?

Io prenderei sta gente di merda e la manderei in vacanza nella Corea del nord, poi vediamo se parlano ancora. Sta gente di merda che mette in dubbio tutto quanto di "ufficiale" detto dal proprio paese ma prende per oro colato la propaganda di un paese di merda in pieno regime militare.

Comunque sia per le minacce di guerra atomica mi preoccuperei poco, se proprio decidono di rompere il cazzo il mondo intero gli scaricherebbe addosso tanti di quegli esplosivi da radere completamente al suolo l'intero paese. Ma ciò non toglie che minacciare di lanciare bombe atomiche non sia una gran bastardata degna della peggior merdaccia in circolazione.

30 commenti:

  1. Tranquillo!
    E' solo un modo per farsi invadere e cadere senza perdere la faccia. Oramai sono alla canna del gas, e per non riconoscere il fallimneto del regime organizzano le provocazioni in modo che USA, sud corea e qualcun altro li invadano e li sfamino.
    Purtroppo succederà che qualche innocente ci lascerà la pelle. E purtroppo ci saranno i soliti fenomeni che grideranno "yankee go home"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensi vogliano farsi invadere di proposito?
      Io credo sia solo un esaltato, ma anche la tua non è un'ipotesi da scartare

      Elimina
    2. Infatti è solo un'ipotesi. Mi era venuto in mente un vecchio film: il ruggito del topo. Solo che quella era una commedia, qui la gente morirebbe per davvero.

      Elimina
    3. Cmq e dagli anni 90 che gli americani e altre organizzazioni internazionali gli sfamano, perche stavano morendo di fame, certo loro invece di coltivare i loro campi e comprarsi da mangiare comprano le armi, hanno il doppio dell'esercito della Corea del sud, e il terzo deposito di armi chimiche al mondo e costruiscono le bombe atomiche, pero non hanno benzina per i mezzi, e neanche elettricità, la sera ce il coprifuoco, cioe che tolgono la corrente a tutto il paese, e poi pretendono che gli si da da mangiare

      Elimina
  2. La mia ipotesi (assolutamente personale, potrei benissimo sbagliarmi) è che stia solo facendo la voce grossa per far vedere ai suoi scagnozzi quanto è forte e rincoglionire un po' il suo popolo con super-propaganda del tipo "visto? Gli Usa non ci attaccano perché hanno paura di noi!" quando invece se non lo faranno sarà perché non avrebbero nulla da guadagnarci tranne una bella figura con gli alleati sudcoreani (e una brutta figura con tutti quelli che gli urlerebbero contro a prescindere per l'intervento... coi quali non ci si può neanche incazzare troppo perché in effetti i precedenti interventi americani di "esportazione della democrazia" non è che siano stati un esempio di fervore umanitario, anzi...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quello è vero, un po' come fanno gli sciachimisti quando abbaiano da soli: se la suonano e se la ballano

      Elimina
  3. Se la Nord Corea provasse a lanciare un solo razzo contro gli USA a quel punto anche i paesi che le sono "alleati", Cina e Russia, la lasceranno al suo destino se non addirittura aiuteranno gli USA e la Sud Corea a sbarazzarsi di un regime ormai morente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Cina ha già preso le distanze... credo che le loro intenzioni siano già abbastanza chiare

      Elimina
  4. Immagino che al resto del mondo il dittatore nordcoreano non scolli il pelo di un baffo. Non avrà mai il coraggio di passare alle vie di fatto, ben sapendo che l'alleato numero 1 dei suoi secolari nemici del sud è grande, grosso, prepotente e irascibile, e soprattutto molto meglio armato. E quest'alleato giudicherà che non vale la pena usare un cannone per schiacciare quel moscerino.
    Questo per quanto riguarda la corea del nord (minuscole d'obbligo). Per quanto riguarda i simpatizzanti che abbiamo qui da noi della corea del nord, veramente sarebbe da mandarli a vivere là, con la piena consapevolezza della spada di Damocle che pende su quello statuncolo. Cioè, mi piacerebbe vedere le loro facce, in un caso del genere, se il dittatore nordcoreano sbarellasse di brutto e decidesse davvero di passare alle vie di fatto, e costoro cominciassero a sentire troppo vicine le esplosioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma secondo me sentirebbero il peso dell'impossibilità anche solo di vestirsi come vogliono (ho visto un video in cui dei turisti dovevano lasciare molta roba in albergo perchè "offensiva")

      Elimina
  5. Rendiamoci conto che:

    1) Qualsiasi missile che il nord corea potesse lanciare, verrebbe intercettato ed abbattuto prima che possa solo divenire pericoloso. Sopratutto dopo aver minacciato.

    2) C'è una disparità colossale di forze belliche in campo. Sarà anche vero che la corea del nord ha molti soldati, ma il resto? Com'è messa a livello di armamenti moderni? Agli usa bastano 3 o 4 bombardieri stealth, che colpiscano i punti strategici, e la corea del nord torna al medio evo.

    3) La stessa si troverebbe da sola, se inizia una guerra con un atto di aggressione (attacco nucleare), non solo si ritrova contro buona parte degli stati alleati agli usa, ma vengono scaricati immediatamente anche da tutti i loro alleati. Cina, Russia, ed altre forze politiche mondiali li scaricherebbero come carta igienica sporca di merda giù per la canna del cesso.

    Ora che sia un tentativo di farsi deporre posso pure crederlo credibile, ha il carisma di un pupazzo, e l'espressività di un cadavere, ma rischia di farsi massacrare.

    Credo sia più facile che voglia fare il bulletto, solo che lo sta facendo con il bersaglio meno adatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Athrawan5/4/13 10:22

      Cina (come ha specificato PQ) e Russia hanno già preso le distanze, facendo chiaramente capire a quello statuncolo che se aggredisce qualcuno ne subirà le conseguenze e loro se ne sbatteranno allegramente le fabbriche di spermatozoi. Concordo con te: se questa è una mossa di quel dittatorello per lasciar perdere una carica che gli va piuttosto stretta, è la mossa più stupida che poteva mettere in atto. Più semplice sarebbe stato per lui dimettersi, fare le valigie e andarsene a vivere lontanissimo da casa sua. Invece penso proprio che si sia montato la testa e voglia far sfoggio di forza bruta, come un cagnetto di taglia microscopica che ringhia e abbaia di fronte a un branco di cani grossi senza rendersi conto che se lo papperebbero in un solo boccone.

      Elimina
    2. Esatto è come un pechinese che cerca di attaccar briga con un pit bull.

      Obama sarà anche un tipo simpatico e sorridente, ma dietro ha tanti di quei muscoli da far tremare le gambe a buona parte delle nazioni moderne.

      Ripeto, non sono più la superpotenza della guerra fredda, ma restano attualmente la forza militare più forte del mondo, con appoggio in molte altre nazioni che forse non si chinerebbero davanti agli USA, ma di certo non gli si schiererebbero contro.

      Elimina
    3. Secondo me se quello prova solo a tirare fuori una bomba nucleare da un bunker gli tirano addosso tanto di quell'esplosivo da cancellare dalla faccia della terra l'intera Corea del nord. Americani, sud coreani e nazioni limitrofe che non vogliono un fallout in culo ad avvelenarli, e visto il casino causato da Chernobyl credo che il termine "limitrofo" sarebbe parecchio esteso

      Elimina
    4. Il solo esercito sud coreano è in grado di asfaltare la corea del nord in quattro e quattrotto. L'unico vero pericolo lo corre Seul che dista uno sputo dalla DMZ(un 40 km)ed è a portata di razzo.
      Ma dopo un primo, eventuale, attacco sulla città credo che non ci sia un buco dove kim si potrebbe nascondere dagli incazzatissimi sud coreani.

      Elimina
  6. Zandiran5/4/13 10:28

    La storia ci insegna, riguardo alle dinastie di dittatori, che generalmente il capostipite è brutale ma capace, suo figlio dal padre eredita la brutalità ma non la competenza, e se si va avanti magari il figlio del figlio è solo pazzo e basta. Papino Kim riusciva a farsi temere anche dalle grosse potenze, grazie alla sua abilità di bluffare; suo figlio invece gioca a carte scoperte e fa la figura dello spaccone di turno, quello che gli fai bù e corre a rintanarsi sotto il divano. Se baby Kim riuscirà a piazzare suo figlio sul trono, magari ci si troverà nella terza situazione, con un dittatore talmente svitato da costituire un pericolo soltanto per sé stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conta che questa è la terza generazione di dittatori

      Elimina
    2. Zandiran5/4/13 12:50

      Ah, be', si spiega tutto, allora. Non avevo presente che ci fosse già il nonno al potere; ma il padre ha smentito la mia lezioncina storica, perché era sì un dittatore intransigente e sanguinario, ma aveva le palle.

      Elimina
  7. alessandro5/4/13 10:29

    ma che cazz di taglio di capelli ha?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moda coreana. Se ti tagli i capelli diversamente ti portano nei campi di concentramento

      Elimina
  8. possiamo mandargli un carico di vegan, sciachimisti, complottardi, animalardi, grillini da usare come carne da cannone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarebbe male, sarebbero tutti contenti: tanto fra cazzate sono convinti che quello sia un paradiso, ci andrebbero ben felici. E noi ci leviamo dal cazzo un po' di rompipalle

      Elimina
    2. Ve lo immaginate un vegan in corea del nord?
      Non appena comincia a lodare la dieta vegana i nord coreani se lo mangiano ma non in senso metaforico.

      Elimina
    3. Non sarebbe etico mandargli quella gente. L'immondizia va smaltita da chi la produce, non scaricata ai paesi più poveri. Non siamo mica napoletani!

      Elimina
  9. E se scoppiasse una terza guerra mondiale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avendo Pyongyang alcun appoggio esterno - morale e militare - è più probabile che tu vinca al superenealotto.

      Elimina
  10. Soluzione A alla crisi Coreana: dittatorello deposto, spogliato dei suoi poteri o assassinato dai gerarchi militari e nuovo governo.
    Soluzione B: provano a sparacchiare un missile zoppo in Pacifico, e allora "La Polizia si incazza". Risultato: accordo informale USA/Cina, con la Nord Corea protettorato cinese (almeno fino all'altezza di Pyongyang)e il gigante asiatico che lascia cadere nel dimenticatoio la questione Senkaku (magari anche con qualche buon proposito su Taiwan).
    Quasi quasi è meglio la soluzione B. La Nord Corea è come un brufolo dietro la schiena. Non pericoloso, ma fastidioso in ogni situazione. Sarebbe anche tempo di liberarsene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.hellpiccolo.com/cronaca/2013/04/01/news/il-leader-nordcoreano-kim-jong-un-alloggera-a-monfalcone/

      Per farsi una risata, pesce d'aprile del nostro giornale locale ;-)

      Elimina
  11. Come praticante del TKD mi sento veramente in pena per quel che sta passando la Corea del Nord, il TKD è più che altro originario della Corea del Sud ma comunque quei popoli son fratelli e condividono la stessa formazione marziale a mani nude nell'addestramento militare.

    Quel sacco di lardo del dittatore sembra un nerd rimasto senza connessione ad Internet da un mese e impossibilitato a giocare a WOW: sempre nervoso ma ridicolo, dato che non fa paura a nessuno.

    Detto sinceramente non sapevo che i grillini e i complottisti pensassero che la CdN fosse democratica. Non hanno pensato che morto Kim padre e salito al potere Kim figlio (come ai tempi dei re) forse tanta democrazia non c'è? Oppure sapevano che c'è la dittatura ma pensavano fosse una dittatura democratica? Mah...

    RispondiElimina
  12. Ho sentito che alcuni ch sono scappate dalla corea del nord hanno corrotto le guardie di confine (hanno uno stipendio così misero che lasciano passare anche con pochi yuan)

    RispondiElimina