giovedì 21 febbraio 2013

La verbalizzazione del rifiuto del voto

Sta girando da parecchio questa storiella che vorrebbe possibile "verbalizzare il rifiuto al voto".
In pratica, secondo il fulminato di turno, se vai a votare e lasci scheda bianca non va bene perchè ci mettono la croce dove vogliono (oddio, potrebbe anche essere, l'onestà in italia è ormai estinta: c'è gente che bara nella corsa in triciclo di due bambini di 3 anni...).
Al che si inventano sta roba:

Tu vai, mostri tessera elettorale e documenti e aspetti che ti vidimino la scheda,  invece prendere la scheda e di entrare nell'urna per votare dici "rifiuto la scheda per protesta e chiedo che sia verbalizzato" e a quel punto il presidente di seggio è costretto a verbalizzare che testina ha rifiutato di votare. Secondo il frescone che si è inventato sta troiata hai pure il diritto di scrivere in calce al verbale un commento. Anche i verbali si sono adattati alla moda di facebook?


Per rincarare la dose di idiozia consigliano, in caso si incontri resistenza (e grazie al cazzo) di rivolgersi alle forze dell'ordine...

Se non sbaglio c'è stato il caso di una rincoglionita che ha chiamato i carabinieri perchè si voleva verbalizzare sta minchia e c'è mancato poco che la portassero in galera.

Da dove nasce sta troiata?
Qualche talebano della cultura è venuto a sapere che un elettore può protestare ufficialmente e far mettere a verbale dei comportamenti scorretti nella sezione in cui vota.
In pratica è una legge pensata per far venire fuori magagne, comportamenti scorretti e anche brogli all'interno dei seggi, cosa che penso sia normale e giusta.

Ora, dire "i politici non mi rappresentano gnè gnè gnè chiamo la mama!" che cazzo c'entra con il protestare contro comportamenti scorretti del seggio??
I soliti geniacci del cazzo, e non capiscono neanche quello che leggono (ammesso che ci abbiano mai provato...).

Insomma, o vai a votare o non vai a votare.
Lasciare scheda bianca non significa lasciare il voto alla maggioranza, per cui non ci sono grossi problemi a farlo.
Se proprio non volete votare non fatelo, non vedo perchè tirare in mezzo forze dell'ordine e puttanate assurde per fare il solito spettaccolino buffonata tanto di moda in italia.

34 commenti:

  1. La leggenda non nasce dal fatto che si intenda che la scheda bianca vada manomessa (cosa non fattibile e che porterebbe a brogli e conseguenze penali), ma che vada nel computo dei voti validi e quindi contribuisca al premio di maggioranza.
    Cosa inesatta in quanto la scheda bianca equivale alla scheda nulla, in quanto seggi e premi vengono attribuiti in base ai voti validi (scheda bianca non e' un voto valido).
    Nessuno comunque puo' vietarti di far verbalizzare il tuo non voto (qualora volessi cautelarti per qualsiasi motivo):
    http://www.riforme.info/noschede2008/19-rifiuto-schede/117-noschede-rifnorm
    Interessante anche questo:
    http://www.forumcostituzionale.it/site/images/stories/pdf/documenti_forum/paper/0004_tanasso.pdf
    Il non voto per protesta non ha alcun reale effetto, in quanto le schede bianche essendo non valide per il computo dei seggi non fanno si' che la classe politica che si presenta alle elezioni debba lasciare degli scranni vuoti.
    Lasciare la scheda bianca non significa "non vi voto perche' mi fate schifo", ma "fate voi". Se poi ci si lamenta sono cazzi vostri.
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma la verbalizzazione riguarda problemi di seggio, non politici.
      Andava specificato questo

      Elimina
    2. La 'leggenda' nasce anche dal fatto che (ad es.) quando si vota per un referendum si potrebbe (ed alcuni lo fanno) rifiutare di ricevere una o più schede. In ogni caso, solo dei perfetti imbecilli montano certe scene ai seggi (quando i referendum non ci sono). L'ho detto più sotto: chi annulla la scheda volontariamente o la lascia bianca che stia a casa e non scassi la minchia e non faccia perder tempo e energie a presidenti, scrutatori, segretari, elettori in coda e persone che lunedì pomeriggio vogliono conoscer risultati. Oltretutto (esperienza diretta) questi scassaminchia fanno sballare conteggi e rendono le operazioni di scrutinio più lunghe e a un più alto tasso di errore.

      Elimina
    3. Infatti.
      Sia che imbuchi scheda bianca sia che stai a casa il messaggio è comunque chiaro (anche se non frega a nessuno di quello che pensi) e non vedo perchè andare al seggio, magari occupare la fila, perdere e far perdere tempo ad altre persone per poi non fare un cazzo di niente.

      Come andare all'ippodromo per leggere il giornale ignorando le corse...

      Elimina
    4. Che poi, PQ, se si parla di schede nulle e bianche, vogliamo discutere dei COGLIONI (che avremo eletto NOI - tralascio il sistema elettorale di minchia esistente, il cd. 'porcellum' che non consente preferenze, ma è per intavolare un discorso questa mia 'provocazione') che, tra qualche settimana, eleggeranno i presidenti di Camera e Senato e della Repubblica - e magari ci metteranno giorni e giorni - e ANCHE LI' vi saranno schede bianche o nulle (e sarei curioso di vederle, che cazzo scriveranno, roba tipo 'vaffanculo'?).

      Ma che vadano Hgare, 'sti pagliacci.

      ilpeyote votate la qualsiasi se no state a casa e aff... gli straccioni

      Elimina
    5. Anche questo è un bel punto.
      Cazzo si fanno eleggere a fare se poi non hanno neanche le idee ben chiare e passano il tempo a fare cazzate

      Elimina
    6. Non solo, PQ: faccio un esempio pratico. Qualsiasi sia il risultato elettorale domani (maggioranza di lì, minoranza di là, equilibrio di qui e di là ecc.) circa 1000 persone (deputati + senatori + senatori a vita + rappresentanti delle Regioni, cfr. Costituzione) dovranno eleggere il successore di Napolitano, ovvero il Capo dello Stato italiano, capo delle FF AA, rappresentante una delle 10 maggiori nazioni del MONDO ecc. Ora, che il 'papabile' (data la situazione in Vaticano mai aggettivo fu più esatto LOL) sia Prodi o Letta (famiglia allargata compresa) o Berlusconi (tutto, PURTROPPO, è possibile) o D. Fo, o Rubbia o M. Hack (magari! E vale per tutti e 2) o il Mario Rossi di turno, vi saranno, molto probabilmente, straccioni - sempre tra i 1000 di cui sopra - che, sia durante i primi 3 scrutini (ricordo che ci vuole la maggioranza dei 2/3) sia - eventualmente - dopo 'voteranno' BIANCA o NULLA... Vergogna, CHIUNQUE sarà Presidente.

      ilpeyote ma annatevene (ora e sempre) Hgare - e ve lo dice uno che vota

      Elimina
    7. praticamente inerente all articolo...io sarei quella cogliona che ho chiamato i carabinieri e che non sono potuti entrare poiche non avevano il permesso per entrare nei seggi....vorrei solo ricordarti palle quadre che sono nel pieno dei miei diritti esercitare quell articolo della costituzione che mi dichiara che posso tranquillamente fare la verbalizzazione...l unico problema e la massa di deficenti che mettono nei seggi...autorita incluse...che non sanno nemmeno che significa verbalizzazione del voto....e altri deficenti come te... che dichiarano che se uno non vuole votare puo non farlo a prescindere....ho perso quasi tre ore della mia vita a spiegare che era mio diritto...e mi sento pure dire da gente come te "Se non sbaglio c'è stato il caso di una rincoglionita che ha chiamato i carabinieri perchè si voleva verbalizzare sta minchia e c'è mancato poco che la portassero in galera"....si c e mancato proprio poko perche ho interrotto la votazione ...come c e mankato poko che loro prendessero tutti 4000 euro di multa per l impedimento del mio non voto......

      Elimina
    8. E dillo pure in giro...

      Elimina
  2. io sto cercando di capire una cosa invece:
    - in concreto, se lasci scheda bianca cosa succede? il voto dell'elettore conta come voto alla maggioranza o non conta proprio?
    - se la scheda risulta nulla, perché ci scrivi un "va al diavolo" o qualsiasi motivo, cosa succede? Non conta niente oppure il voto va alla maggioranza?
    - se stai a casa, che succede? E' come se votassi la maggioranza che vince, lo stesso?
    Io sarei intenzionata ad attuare una di queste 3 opzioni, prima tra tutte quella di stare a casa
    Fare scenate e casino non serve a niente; quest'anno più degli altri, non mi sento di votare proprio nessuno perché di solito, non essendoci più oramai ideologie da nessuna parte, si sceglie sempre il male minore ma stavolta il male minore è che finisci su una vasca di acido muriatico e nel peggiore dei casi è che finisci nel bel mezzo di un incendio. risultato muori comunque patendo le pene dell'inferno quindi alla faccia di quanto dice celentano, si fa meglio a fare il possibile per non essere, in qualche modo, responsabili di quello che poi succede.
    almeno, se finisco nel mezzo di un forno a 2000 gradi, posso dire "mi ci avete buttato" ma non "ho contribuito a buttarmici"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora: se lasci scheda bianca non va a nessun partito. Fra l'altro la magistratura indaga se il numero di schede bianche è troppo basso (significa che ci hanno messo la croce gli scrutatori)
      Se fai voto nullo scrivendo sulla scheda lo stesso, non va a nessuno.
      Se stai a casa fai abbassare il numero di votanti, per cui la decisione di chi va a votare pesa di più. Questo ovviamente se stanno a casa in tanti.

      Elimina
    2. Aggiungerei che dovendo proprio scegliere tra scheda bianca o nulla (io sono uno che non rinuncerebbe mai a votare, ma ognuno fa come vuole) meglio annullarla scarabocchiandoci sopra o mettendo più segni su simboli diversi, altrimenti qualche scrutatore disonesto potrebbe votare al posto tuo.

      Elimina
    3. Schede bianche e nulle sono infatti computate a parte. Nella sostanza, però, hanno l'effetto di un "fate vobis" che non ci esime completamente da responsabilità.

      Elimina
    4. @Lorenzo Trasarti
      Perché una scheda bianca possa essere trasformata in un voto, bisogna che tre scrutatori più un presidente di seggio siano disonesti. Poco probabile; nella mia trentennale esperienza come scrutatore e come presidente di seggio non ho mai visto apparire segni misteriosi sulle schede bianche.

      Elimina
    5. Concordo con quanto detto da pallequadre in generale. Come segretario di seggio mi è capitato un caso del genere. Dopo un ora di discussione il tipo ha poi deciso di votare. La questione ha diversi risvolti. Il fatto che io sia tenuto a verbalizzare le proteste ed osservazioni degli elettori - sempre in merito a problemi per l'esercizio del voto - non implica che io, sotto dettatura, debba riportare sul verbale una protesta politica! Non solo ma nessuno ha saputo mai dirmi dove diavolo vanno le schede così rifiutate dall'elettore? Una busta specifica per questo caso non c'è. C'è quella dove vanno le schede per l'elettore che si rifiuta di votare perchè indugia nel seggio, crea turbativa al regolare svolgimento delle operazioni etc. Insomma non avrei problemi ad accogliere simili richieste ma nel verbale e nella legge non trovo riferimenti precisi a ciò! I membri del seggio operano su ciò che è espressamente previsto e non su interpretazioni del momento. Se qualcuno ha notizie giuridiche precise le accolgo con interesse.

      Elimina
    6. Conosco gente che ha fatto gli scrutini almeno 3 volte, convinta che le schede bianche andassero alla maggioranza.
      Spero non lo abbiano fatto durante il conteggio...

      Elimina
    7. Lo dico da sempre: non capirò MAI i geni che si recano al seggio e annullano la scheda (ovviamente sono esclusi quelli che lo fanno per errore) o la lasciano intonsa. Che stiano a casa e non facciano perdere tempo a scrutatori, presidenti e segretari.

      Straccioni inutili.

      Elimina
  3. Credo che abbiano voluto creare confusione ricamando sulla procedura di voto per i referendum, che prevede il diritto di rifiutare una o più schede di votazione.
    In quel caso, però, la tattica è finalizzata al non raggiungimento del quorum, per cui tra non votare e consegnare la scheda bianca c'è una grossa differenza.
    Nel caso delle politiche invece è perfettamente inutile e non si fa altro che creare confusione.

    RispondiElimina
  4. Penso che queste "idee" balzane nascono dal fatto che la gente non va a fare lo scrutatore, se si va a farlo si vede com'è la procedura e non spara più cavolate.
    Per fare poi "segni" sulle schede bianche è molto difficile, ci sono tre scrutatori più il presidente di seggio, che controllano.

    RispondiElimina
  5. Secondo me il punto fondamentale è: ma anche se fosse, a cosa mai potrebbe servire?
    In questo tipo di elezione non c'è il quorum, ergo basta anche un decimo degli aventi diritto per eleggere il Parlamento.
    Credono davvero che i "politici" si mettano paura per un commentino scritto su un verbale? L'imbecillità regna sovrana. Semplicemente ai "politici" non importerebbe un accidente dei verbali e dei commenti.
    Ma vivere nel mondo reale no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se, per assurdo, andassero a votare solo due persone ed esprimessero entrambe la preferenza per lo stesso partito, i rappresentanti di quel partito direbbero "ci ha votato il 100% degli italiani!".
      Anche io penso che, a parte il lasso di tempo che intercorre tra la chiusura dei seggi e i primi risultati, del dato dell'astensionismo non freghi più di tanto ai nostri politici.

      condensatore alfa

      Elimina
  6. "Lasciare scheda bianca non significa lasciare il voto alla maggioranza"
    "Lasciare la scheda bianca non significa "non vi voto perche' mi fate schifo", ma "fate voi"
    quindi? se sulla scheda scrivo '[samp]doria merda' [ come fece mio padre negli anni 90 ;) ]?
    ciao pq, mi spieghi questa cosa per piacere, non ho mai afferrato e credo di avere un po' di confusione a riguardo, considerato anche che da quando ne ho diritto non ho mai votato. peccato a questo giro voterei il m5s solo che non sono iscritto all'aire [ l'anagrafe dei residenti all'estero ] per cui ciccia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Circola la convinzione che se si lascia la scheda bianca questa venga conteggiata nei voti del partito che ha preso la maggioranza.
      Insomma, se berlu prende 400 voti e bersa ne prende 300, i 50 bianchi verrebbero dati a berlu.

      In realtà le schede bianche sono solo schede bianche.

      Quel "fate vobis" non l'ho detto io, ma credo si riferisce al fatto che non esprimendo nessuna preferenza ti rimetti alla decisione degli altri

      Elimina
    2. Se scrivi "Samp merda" adempi comunque ad un grande dovere civico. :P

      Elimina
  7. scusa per l'ot pq ma volevo chiederti : perche' non hai la colonnina con il calendario in maniera che se voglio leggermi un tuo articolo della settimana scorsa basta che clicco sul mese? tipo : volevo finire di leggere i commenti al post di ieri del quale non ricordo il titolo ma so che e' di ieri...come lo trovo? in che sezione era?
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo aver cancellato l'archivio per sbaglio frugando fra i gadget.
      Adesso c'è di nuovo

      Elimina
  8. Per favore, non andate lì a dire che rifiutate le schede: è solo una gran rogna procedurale per chi si occupa dello spoglio! :D

    RispondiElimina
  9. Palle, per caso scriverai un articolo dedicato al master fasullo di Giannino? Mi farebbe piacere conoscere la tua opinione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Master e lauree fasulle...
      Non so, sto orientando il blog verso lo sbufalaggio di fessate pseudoscientifiche, teorie cospirazionistiche e vaccate in genere (in cui rientra anche questa storia del rifiuto verbalizzato che non c'entra un cazzo con la politica), e un po' di economia (spesso attaccata da teorie assurde), quindi non so se lo farò

      Elimina
    2. Ok, allora saresti in grado di dirmi il tuo parere a riguardo qui, in poche parole? scusa se faccio OT

      Elimina
    3. Guarda, pensandoci bene non vorrei calcare troppo con gli animalardi (diventerei pure noioso) e siccome al momento sono quelli che producono più "materiale puttanante" credo che potrei spezzare un poco con Giannino

      Elimina
  10. http://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/2013/02/circolare19_2013.pdf
    vai al seguente link e leggi informati e poi al limite scrivi le tue idee, ricordati che siamo in democrazia e una persona fa quello che gli pare, a riguardo delle palle quadre, ci vogliono anche quelle per rifiutare la scheda elettorale perchè poi va verbalizzato il rifiuto, e lo fanno in tua presenza, senza nascondersi nella cabina elettorale e risolvere pasticciando sulla scheda o non apponendo il voto, per altre esperienze di palle quadre pensa a quei nonni o bisnonni che a 16/18/20 anni hanno inbracciato a torto o ragione un fucile per renderci liberi. Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace, ma per scrivere questo post ho letto la normativa che regola questi casi, non un foglio di merda scritto da chissà chi che crede di essere autorevole solo perchè ci ha appicicato sopra un simbolo dello stato.

      Mi spiace anche vedere che c'è gente che crede che file scritti in tale maniera, senza una firma (a digitare sulla tastiera firmandosi Elvis Presley ci riescono tutti, ma non significa che Elvis è resuscitato), senza sapere che i documenti di stato sono scritti in "burocratese" e accompagnati sempre dalla firma di chi li ha emanati.

      La legge dice che si devono mettere a verbale solo il rifiuto al voto di persone che protestano contro irregolarità del seggio, non esiste che si blocchino le operazioni per mettere a verbale ogni minima troiata che passa in testa alla gente.

      Elimina
  11. Queste persone non dovrebbero avere diritto di voto per stupidità e creduloneria.

    RispondiElimina