martedì 16 ottobre 2012

"Ingegneri" dubitano dell'impresa Baumgartner

Per ingegneri intendo quattro coglioni lobotomizzati male che ovviamente sono più ignoranti di una cagata di cavallo in mezzo ad una strada sterrata (non intengo gli ingegneri veri).
Ovviamente l'impresa di Baumgartner secondo loro nasconde qualcosa, tirando fuori le più assurde cazzate che si possano concepire. Vediamo quali sono e smerdiamo questa gente avente dirito al voto:

Non capisce un cazzo, ma mette in dubbio TUTTO
Innanzitutto devo citare A.O.C.D. che ha raccolto queste bellissime testimonianze di imbecillità umana.

Vediamo un po' che cagate hanno vomitato:
1) Non poteva raggiungere quella velocità, i meteoriti si disintegrano prima di toccare terra.
Porca puttana troia! Un meteorite va ben più veloce di 1300 km orari. E si disintegra impattando sull'atmosfera. Mi sto già incazzando...
Riguardo la velocità, bhè, ci sono jet che come velocità massima arrivano a 2200 km/h. Non mi pare che saltino in aria appena arrivano a 1300 km/h... mai sentito parlare dei "Mach"? In aeronautica indicano la velocità del suono... gli aerei arrivano fino al Mach 3, cioè 3 volte la velocità del suono... E non mi sembra di aver mai sentito di un aereo scoppiato per essere andato a 1300 km/h.
Mi sembrano tanto l'ingegner cane: "MILLE, cifre che fanno girare la testa!".

2) Bastavano 2 gradi di errore e si ritrovava a 1500Km dal punto di aterraggio stabilito.
Perchè uno pianifica un'impresa per 5 anni per fare un errore del cazzo come questo... fra l'altro i paracadute hanno delle maniglie con cui si può decidere la direzione.

Questi due punti sono farina del sacco di un singolo individuo... cominciamo bene...

3) Un corpo in caduta libera non supera i 250 km/h, per cui tutte cazzate.
Ma dove cazzo ha sentito sta stronzata abissale? Lo sanno tutti che un corpo in caduta libera aumenta esponenzialmente la sua velocità fino all'infinito. Come cazzo fanno i meteoriti di pochi centimetri a creare crateri di diversi metri, forse decine di metri, se vanno a 250 km/h?
Ma porca puttana cosa mi tocca vedere!

4) Il pallone non doveva scoppiare? Il paracadute non si doveva strappare? Se ha passato la stratosfera, non si sarebbe dovuto notare qualcosa?
No, uno va a 39 km di altitudine con un palloncino di plastica merdosa. E' andato a una fiera e ha comprato 2000 palloncini, quelli con la forma di animali deformi, li ha cuciti insieme ed è andato a buttarsi con quello?
Anche il paracadute... pensano forse che ha usato lenzuola vecchie?
Che cazzo doveva esserci? Un cartellone con scritto "benvenuto nella stratosfera!"

Sta gente apre bocca e riesce a dire solo stronzate.
Sta gente ha diritto al voto! Guardando questa gente viene da pensare che forse il genere umano sta attraversando una fase di regressione e che l'intelletto stia arrivando ai livelli delle amebe ciliate.

Tutto quello che ho scritto l'ho scritto dall'alto della mia ignoranza, perchè io non so un cazzo di niente, ma almeno non sono così stupido da prendere 1300 km/h come una cifra impossibile.

Ah, giusto per rincarare la dose, c'è gente che ha superato la velocità del suono con una moto.
Facciamogli vedere questa notizia per vedere fioccare un altro mare di stronzate siderali.

28 commenti:

  1. Hai letto i commenti dell'articolo sul fatto quotidiano? Hai un avuto un coraggio invidiabile XD

    Antonio Broccolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, solo l'estratto pubblicato su AOCD, ma forse leggere direttamente quei commenti potrebbe rivelarsi una cosa molto interessante, se non impazzisco prima

      Elimina
  2. Paolo, ex anonimo firmato16/10/12 12:22

    L'ultima, quella sul pallone, è cosmica!
    Uno: indica che quello non sa come sia fatto un pallone stratosferico (esistono da decenni);
    Due: non sa che li si gonfia solo in parte, infatti all'inizio dell'ascesa sono quasi cilindrici, si gonfiano da soli;
    Tre: era spiegato che quando il paracadutista si fosse lanciato, anche la capsula si sarebbe staccata a sua volta per tornar giù con un paracadute proprio e il pallone sarebbe così salito ancora fino ad aprirsi e cadere a sua volta (tutti i palloni stratosferici hanno questo particolare, perchè se solo scoppiassero sarebbero problemi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu guarda, l'hanno pure spiegato e quei tizi non se ne sono accorti...

      Comunque molti commenti sono stati cancellati... si vede che un briciolo di senso della vergogna gli è rimasto

      Elimina
  3. Classico esempio di "poche idee ma ben confuse".
    Sono dei poveretti che conoscono due concetti per sentito dire e li citano a sproposito per fare la figura dei sapientoni.
    Ho già dovuto discutere con qualcuno che "lo sanno tutti che i paracadutisti cadono al massimo a 200 km/h" o "lo sanno tutti che se entri in caduta nell'atmosfera ti disintegri".

    Ormai li mando a ramengo perchè non ho più la pazienza di spiegare le cose, non c'è peggior sordo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pure convinti di aver ragione...
      Ammettessero di aver sbagliato sarebbe molto meglio, ma del resto lo farebbe gente con sale in zucca, questi sono totalmente idioti

      Elimina
  4. L'unico appunto e' che un corpo in caduta libera _non aumenta di velocita' fino all'infinito_, ma manco per niente: dopo un po' la resistenza dell'aria lo frena (ed ecco il motivo per cui Baumgartner ha rallentato di molto prima di aprire il paracadute). Ad un certo punto la resistenza dell'aria bilancia l'accelerazione di gravita', e si parla di Velocita' Terminale di Caduta: http://it.wikipedia.org/wiki/Velocit%C3%A0_limite_(fluidodinamica)#Velocit.C3.A0_terminale_di_caduta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da dove si è lanciato l'aria è talmente rarefatta che dava pochissimo attrito. In assenza di aria l'accelerazione non è bloccata.
      Almeno credo sia così

      Elimina
    2. Esatto, nel vuoto la velocità aumenta all'infinito.

      Elimina

  5. "Un corpo in caduta libera non supera i 250 km/h, per cui tutte cazzate."

    velocità terminale, questa sconosciuta. Quanto si vedono quelli che hanno imparato la fisica tramite youtube!

    RispondiElimina
  6. Chiaramente non credo al complotto, però hai commesso un errore: un corpo che cade non aumenta di velocità fino all'infinito. La velocità aumenta in modo asintotico fino ad un massimo V, che è determinato dalla resistenza dell'aria, il cui modulo cresce in modo quadratico rispetto alla velocità. Quindi, si raggiunge un momento in cui l'attrito dell'aria riesce ad eguagliare la forza peso, impedendo ulteriori aumenti della velocità. Non so quale sia questo limite per un corpo umano, però sicuramente c'è. E' possibile che l'alta velocità sia stata consentita dalla tuta spaziale, che magari era fatta in modo da ridurre l'attrito con l'aria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già chiarito tutto pochi commenti più in alto.

      Più che la tuta, che gli serviva probabilmente per l'ossigeno e la temperatura, è stata la mancanza di aria a 39km di altezza

      Elimina
  7. Dipende appunto dalla densità del fluido e dal coefficiente di resistenza del corpo.
    Un paracadutista in posizione di massima resistenza aerodinamica (corpo orizzontale, gambe e braccia aperte) raggiunge una velocità massima intorno ai 180 km/h, punto in cui la resistenza aerodinamica compensa la forza di gravità.
    In posizione da speed skydiving, ossia mantenendo il corpo verticale a testa in giù, superano agevolmente i 350.
    Baumgartner ha fatto speed skydiving da un altezza in cui l'aria è estremamente rarefatta, di conseguenza la velocità massima raggiungibile prima di essere frenati dall'aria stessa è molto maggiore.
    Scendendo, l'aria diventa sempre più densa e offre più resistenza, il corpo quindi rallenta.
    Ovviamente l'attrito con l'aria genera calore, trascurabile nel caso di Felix che si è gettato da fermo al limite dell'atmosfera, non altrettanto nel caso di un corpo, come un meteorite, che entra nell'atmosfera con velocità già dell'ordine delle decine di migliaia di km/h.
    Per chi si chiedesse perchè allora "bruciano" anche le capsule spaziali, ricordo che - per esempio - la stazione spaziale orbita intorno alla Terra ad una velocità di circa 27000 km/h.

    RispondiElimina
  8. Scusate, ma sono l'unico a pensare a una squadra di Marines che sale su un pallone e si paracaduta sul campo di battaglia dalla stratosfera urlando "FOR THE EMPEROOOOOOOOOORRR!!!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so a cosa ti riferisci...

      Elimina
    2. Gli Space Marines di Warhammer 40K che vengono paracadutati dall'orbita nella dropzone. Anche i marines corazzati di Starship Troopers facevano in quel modo, in pratica una versione ipertecnologica dei parà d'assalto. Chiunque pensi che una tecnologia simile NON sia stata progettata per scopi militari farebbe meglio a tornarsene sui blog del signoraggio e delle scie chimiche.

      Elimina
    3. Ah ecco, non ho mai usato warhammer 40k.
      Anzi, 10 minuti lo avevo provato pure, ma non sono un patito degli strategici

      Elimina
  9. Io non capisco... ma perchè esiste gente che dubita di tutto?
    Un tempo imprese come questa avrebbero acceso la fantasia della gente, come per esempio le missioni Apollo, adesso si dubita di tutto e si vedono complotti ovunque... che cosa triste.
    Almeno fossero obiezioni sensate... invece sono idiote. Un esempio fra tutti: le meteore hanno uan velocità iniziale (ossia quando entrano in atmosfera) di decine di migliaia di km/h, quindi mi pare ovvio che brucino e si consumino. Poi, man mano che ci si avvicina a terra, la densità dell'aria cresce e con essa l'attrito, facendo rallentare l'oggetto in caduta fino a una velocità terminale, che comunque è molto più elevata di 250 km/h, se ci si lancia da 39 km di quota.
    P.S. secondo un giornalista RAI il tizio si è buttato da 39.000 km di altezza... era seduto su un satellite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, 39000 km... lasciamo perdere.

      Sembra proprio che ci sia un proliferare di idioti, che per convincersi e convincere di essere scaltri e furbi mettono in dubbio tutto come per dire "non mi fregano come fregano a voi".

      Non ho capito se imbecilli simili siano sempre esistiti o se la rete abbia amplificato il fenomeno dando un alone di mistero e credibilità a certi comportamenti

      Elimina
    2. Io credo siano sempre esistiti, ma la rete ha dato loro modo di trovarsi, organizzarsi e scambiarsi idee imbecilli. Con la rete possono trovare il massimo numero di lettori fertili alle idiozie e il massimo numero di creatori di idiozie, amplificando di conseguenza il fenomeno. Dubito che l'inventore del World Wide Web avesse questo in mente... che tristezza.

      Elimina
    3. Come tutte le grandi cose è stata inquininata dall'idiozia umana

      Elimina
    4. Ciao a tutti, leggo che qui tutti danno degli imbecilli ai cosiddetti "complottisti", cioè coloro che dubitano dell'impresa di Baugartner. Io non sono un complottista, ma mi piace ragionare con la mia testa e giudicare da quello che vedo.
      E nel filmato del tuffo del paracadutista austriaco ho visto subito qualcosa che ha fatto accendere la mia personale lampadina del dubbio. Già l'inquadratura del tuffo, ripresa dall'esterno della capsula, troppo perfetta e fatta, probabilmente da un braccio meccanico esterno (che però durante la salita non si vede)
      il profilo della terra mi è sembrato troppo arrotondato per una ripresa fatta da meno di 40 km dalla superficie.
      Così, per una mia verifica, sono andato a cercare delle foto prese dalla stazione spaziale ISS che orbita a 400 Km di distanza dalla terra. Ebbene nelle foto della ISS la curvatura terrestre è meno accentuata, nonostante le riprese siano fatte da una altezza 10 volte superiore.
      C'è una spiegazione? se c'è sono disposto ad ascoltarla.

      Elimina
    5. Io più che altro avrei un'altra domanda: a che scopo mettere su una messa in scena?
      Quale sarebbe stato il motivo che avrebbe portato delle persone a ingannare il mondo intero (e già se fosse stato falso qualche organo ufficiale avrebbe già parlato...) spendendo un casino di soldi senza avere nulla in cambio?

      Elimina
    6. Beh, gi� il fatto che l'impresa sia stata messa in piedi a scopo pubblicitario e sponsorizzata dalla Red Bull fornisce qualche motivazione. Ad esempio una impresa vera sarebbe costata un sacco di soldi e l'esito sarebbe stato incerto, mentre un'impresa "aggiustata" sarebbe costata meno, con sicuro risultato in termini pubblicitari.
      Ma io non voglio insistere a dire che potrebbe esserci qualcosa di strano, ho solo posto un dubbio sulle immagini, che del resto chiunque pu� verificare con una ricerca su internet.
      Potrebbe trattarsi di un "aggiustamento", nel senso che il paracadutista � veramente salito col pallone e si � realmente lanciato, ma da una altezza notevolmente inferiore e le immagini del lancio sono state "aggiustate" per renderle verosimili, solo che forse hanno esagerato con l'altezza....Poi, come ripeto se qualcuno ha una spiegazione sono disposto ad ascoltarla e a diradare i miei dubbi.

      Elimina
    7. @ Maurizio De Marco

      Ciao, sono un paracadutista sportivo da poco più di quattro anni ed ho all'attivo circa 600 salti.

      Per quanto riguarda il fatto che tu non abbia visto il "braccio meccanico esterno" da dove viene fatta la ripresa, quarda questo video... bastano i primi 15 secondi...http://www.youtube.com/watch?annotation_id=annotation_456665&feature=iv&src_vid=vL_UKvw4_5w&v=jo4UmZobbhw

      Per quanto invece riguarda la visione della curvatura terrestre, non hai idea di quanti amici e conoscenti mi abbiano chiesto se si vede la curvatura terrestre quando saltiamo: no, non si vede; è semplicemente una distorsione dovuta agli obbiettivi grandangolari montati. Anzi, utilizzando queste lenti se la linea dell'orizzonte è nella metà inferiore dell'inquadratura vedi addirittura la terra curvata al contrario... magia? no... "distorsioni" dovute alle lenti.

      Elimina
    8. Ciao, si quello che dici è plausibile. In effetti la curvatura eccessiva della terra potrebbe essere un effetto di distorsione dovuto all'uso di un obiettivo grandangolare per la ripresa. Io avevo confrontato l'immagine con alcune riprese fatte dalla stazione spaziale ISS, dove la terra era molto più piatta, pur essendo la stazione a una distanza 10 volte maggiore di quella del paracadutista e questo mi aveva indotto al dubbio.
      Ma volendo essere pignoli fino in fondo, secondo te quali certezze ci sono circa il raggiungimento della quota indicata? non potrebbe essere arrivato a una quota più bassa? diciamo 10-15-20 km? Come si fa a sapere che è arrivato esattamente alla quota dichiarata?

      Elimina
  10. @ Maurizio De Marco

    sinceramente non saprei personalmente dirti come fare ad avere la certezza matematica che felix abbia saltato da 39km...
    Felix aveva un bel po' di strumenti addosso che son serviti a misurare quota e velocità... http://www.redbullstratos.com/technology/chest-pack/

    se proprio però non ci credi, l'unica cosa che mi viene in mente è di calcolare quanto tempo un pallone di quelle dimensioni, che "tira su" quel peso, impiega ad arrivare alla quota di 39km...sono una miriade di calcoli che non saprei da che parte iniziare a fare, senza contare che non avrei la minima idea di dove prendere i dati per farli; solo per farti qualche esempio: temperatura dell'aria a diverse quote, densità dell'aria a diverse quote, pressione dell'aria, quantità di elio che c'è all'interno del pallone a diverse quote, il vento alle varie quote, se c'è inversione termica tra due quote...
    Oppure puoi fare il calcolo inverso: sapendo quanto pesava Felix con tutta l'imbragatura e l'attrezzatura, sapendo a che quota ha aperto il paracadute, sapendo la densità e la temperatura dell'aria, sapendo in che posizione era felix durante il lancio (e quindi quale resistenza aerodinamica generava in ogni momento del lancio) puoi calcolare quanta strada ha percorso....
    il problema è che la formuletta che ci insegnavano a scuola spazio=velocità*tempo nei casi reali non è mai applicabile.

    Quindi... o ci si fida, o ci si fa un bel po' di conti

    RispondiElimina
  11. Grazie per lo sforzo che hai fatto nel tentare di rispondere, ma credo a questo punto che....mi fiderò. Le mie erano solo ipotesi da San Tommaso dei tempi moderni, perchè in quest'epoca di internet, di photoshop e di filmati manipolati, non prendo nulla a scatola chiusa e per mio pallino personale, ovviamente solo dove ne vale la pena, mi pongo delle domande e mi do delle risposte, per dirla alla Marzullo.
    Comunque a questo punto l'impresa di Felix (come lo chiami confidenzialmente, sarete mica amici?) da parte mia la considererò "fideisticamente" autentica.

    RispondiElimina