La casta dei medici di famiglia

Con questa credo di averle sentite ormai tutte... i medici di famiglia sono una casta, e ovviamente si oppongono al progresso e all'avanzamento del nuovo per difendere i loro privilegi.
La questione nasce dalla proposta di legge di costringere i medici a creare studi associati in cui si garantisca sia il classico servizio del medico di famiglia sia un servizio di quasi pronto soccorso, con macchinari vari.
Ho sempre preso tanti insulti per aver difeso il poco operato di Monti e del suo governo (poco perchè la maggiorparte della merda che gli viene attribuita era semplicemente l'operato del governo precedente) ma stavolta questa "riforma" non mi pare sia proprio il massimo...

Usare i medici di famiglia per dare un servizio 24 ore su 24 con atrezzature tali da fungere da pronto soccorso (almeno nei casi meno gravi) e anche da guardia medica, è a mio parere un'emerita cazzata.
La reperibilità dei medici è già garantita, la guardia medica esiste e per snellire i pronto soccorso probabilmente basterebbe un po' di educazione civica. Evitare cioè che masse di minchioni rampanti intasino il servizio con stronzate colossali, come due fili di febbre o un taglietto. A quanto pare il definire il grado di urgenza per fare la fila e il ticket ai casi meno gravi non è bastato...

Ma non credo che scaricare il casino dalle spalle dei pronto soccorso ai medici risolva la situazione.
Forse abbasserebbe i costi per lo stato (forse, ma non sono sicuro), forse snellirebbe i pronto soccorso, ma sicuramente creerebbe un casino immenso per i medici di famiglia.

Prima di tutto si cancellerebbe il rapporto di fiducia che si ha con il dottore, visto che con uno studio associato che funziona 24 ore su 24 trovi chissà chi a chissà quale ora, fra l'altro costringerebbe diversi medici a spostarsi, forse anche di molto, dalla loro posizione.
Se 5 medici si associano in un unico grande studio, tantissime persone dovranno fare molta più strada per farsi visitare, visto che prima magari avevano lo studio vicino casa. E se stai male non è che imbottigliarsi nel traffico o farsi una bella scampagnata sia una cosa che ti faccia pisciare sotto dalla felicità...

C'è anche da precisare che i poveri medici, dopo finalmente decine di anni di studio e tirocinio, si stanno "godendo" una situazione lavorativa decente con uno stipendio congruo. Perchè fargli fare nuovamente turni di notte stile guardia medica se hanno già fatto quel tipo di tirocinio?
E se si tolgono le guardie mediche come cazzo fanno i dottori a fare le prime esperienze?
Il servizio di guardia medica è un po' la gavetta dei dottori: non avete mai notato che alle volte sono impacciati e un po' inesperti? Ecco, è perchè sono alle prime armi, fornendo tale servizio, dove il numero di pazienti è decisamente minore in quanto urgenze spesso notturne, fanno pratica con diagnosi e iniezioni (ricordo che una dottoressa alle prime armi mi ha massacrato con una iniezione... e io il dolore lo sopporto fin troppo bene), una sorta di tirocinio o gavetta.
Mi si deve spiegare perchè far ripetere questa cosa, vitanatural durante pergiunta, ai dottori.

Risparmiare sulla sanità fra l'altro è sbagliato. La situazione di intasamento dei pronto soccorso è anche frutto dei precedenti tagli, visto che vanno avanti con personale troppo limitato.
Si dovrebbero rivedere le voci di spesa piuttosto, ed eliminare gli sprechi e i medici poco onesti che intasano gli ospedali usandoli per visite private o con l'intento di rendere i tempi di attesa una cosa biblica e dirottare i pazienti nei loro studi privati, guadagnandoci due volte.

Ma non è la legge in se quella di cui voglio parlare (questa è una mia opinione infatti), ma del fatto che si sia definita "casta" la categoria dei medici di famiglia, perchè si è opposta a questa legge.

Direi che ormai siamo al punto in cui chiunque guadagni più di 3 euro l'ora viene definito casta, insultato e odiato dalla maggior parte degli imbecilli che occupano il mondo con la loro orrida presenza. In effetti l'italia è l'unico paese al mondo in cui chi prende milioni senza meritarli (e con furberie magari) viene lasciato fare, mentre chi lavora e guadagna uno stipendio decente viene inondato di domande tipo terzo grado, e se si scopre quanto guadagna si scatena un casino (famoso il caso di alcuni youtubers che si vergognavano a dire quanto guadagnano per evitare ritorsioni da parte del pubblico ritardato). Insomma, qua gli onesti devono dare spiegazioni per i soldi che guadagnano, e non i disonesti. Fuck logic.

Comunque sia una tizia ha deciso che i medici sono brutti e cattivi e quindi li ha definiti casta.
Infatti sono un pozzo senza fondo di spese mediche, infatti prescrivono tantissimi esami "per dare il contentino al paziente" quindi è giusto che un medico curati i primi  100 pazienti anziani mandi a farsi fottere tutti gli altri, perchè sennò ci costano troppo (questa è una sintesi di quello che ho letto).
Peccato che i medici curanti siano già controllati, e abbiano un limite di spesa per ogni paziente che se superato fa scattare i controlli. Non per nulla sono stati scoperti medici disonesti (ce ne sono da tutte le parti di disonesti, purtroppo) prescrivere una visita ginecologica ad un camionista superdotato (ho edulcorato un po' la faccenda, ma la visita ginecologica ad un uomo l'hanno prescritta sul serio).

Quindi già su questo punto si parla per ignoranza. Ma del resto se non fosse ignorante non parlerebbe di casta in ogni dove. Al limite si può parlare di lobby, inteso come gruppo di persone con una certa influenza nel settore dove lavora che può opporsi a certe decisioni attraverso proteste e scioperi, come i tassisti o i farmacisti.

Secondo la donna è giusto anche che i medici siano dipendenti del servizio sanitario nazionale, e non liberi professionisti con contratto esterno (o che cosa è). Così li controllano meglio.
Anche questa è un'emerita cazzata... ora come ora un medico prende uno stipendio legato al numero di pazienti che ha in cura. Più il dottore è bravo più pazienti ottiene e li tiene nel tempo, meno è bravo meno guadagna. Semplice? NO!
Meglio tutti i dottori con lo stesso stipendio, probabilmente da fame, e ovviamente in numero MOOOOLTO ridotto (come gli interi reparti ospedalieri con 3 infermieri e un dottore per 100 pazienti ci ha insegnato) indipendentemente dalla loro bravura e cortesia. Il servizio al cittedino ne guadagnerà tantissimo, basta crederci dal basso, bassissimo, della propria ignoranza.

La donna conclude con un "i medici devono mettersi in testa che le vacche grasse sono finite", sostenendo che i dottori alimentano l'ipocondria dei pazienti prescrivendo centinaia di esami inutili e migliaia di medicine a cazzo. Mah, di medici disonesti ce ne sono, ma non sono la totalità...
Fortunatamente i medici che conosco io (e uno è pure un amico) sono onesti, non hanno megaville perchè non sono miliardari, hanno uno stipendio congruo al servizio che offrono (diversamente dai dentisti che hanno veramente la possibilità di fare prezzi assurdi per i loro servizi) e non sperperano i soldi come questa signora crede.

Un medico di famiglia guadagna la straordinaria cifra di 38 euro aunnui a paziente...
CASTA! SACRILEGIO! PRIVILEGIO!
Ma vaffanculo va...
Da quei 38 euro annui vanno inoltre tolte le tasse e le spese per l'ambulatorio, che in quanto liberi professionisti si pagano da soli.

Io mi chiedo sta gente che cazzo ha nella testa...
Mi ricordano un po' un tizio che, guadagnando più del doppio di me mi chiese "ma da dove li tiri fuori i soldi?", gli sembrava che io avessi una disponibilità economica enorme nel vedere quello che spendevo. Eppure guadagna molto più di me.
Questo caso è identico: ai dottori vengono visti privilegi e guadagni stratosferici che nella maggior parte dei casi non esiste, giusto per andare contro qualcuno e dirgli "sei della casta".

Domani apre la casta dei barboni, come osano quei tizi andare in giro con  10 euro di monete?
Questo è "l'articolo" che accusa i medici (nei commenti è stato sputtanato a dovere).

Questo è un genio che definisce i medici dei rincoglioniti che stampano quattro fogli e guadagnano 5000 euro al mese.

 Ricordiamo comunque che il medico dopo l'orario di ambulatorio deve fare le visite a domicilio, nel caso in cui si arriva a orario di chiusura deve comunque visitare i pazienti (mai visto un medico che butta fuori la gente dalla sala d'aspetto...) e alla fine, anche se l'orario di ambulatorio è breve, il medico lavora molte più ore.

Che si voglia risparmiare soldi pubblici può anche passare, ma che si sparino cazzate siderali simili per fomentare i forconi contro gente che fa il suo INDISPENSABILE lavoro è una cosa vergognosa.
E comunque ogni volta che si cerca di risparmiare sulla sanità la situazione peggiora parecchio

Testimonianze di medici sui loro stipendi

Commenti

  1. Il tema non è proprio così lineare, è vero che spesso i medici sono semplicemente degli sportelli per esami da fare in ospedale, mentre dovrebbero essere una prima barriera.
    Poi, i casi singoli sono casi singoli e non fanno statistica ma io credo che tanti medici in un unico studio se non altro si controllino un po di più a vicenda e magari dove manca uno interviene l'altro con giovamento per tutti.
    imho of course e non sono medico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio medico sta associato con un altro, e garantiscono l'apertura praticamente tutti i giorni.

      Io vado dal dottore a farmi dire cosa ho e lui decide quali esami farmi fare e se farli, per la maggior parte comunque sono mali di stagione.
      Quello di andare dal dottore con l'intento di ottenere già una visita specialistiche mi pare una cosa aliena. Se non serve il dottore non te lo da, mai visti contentini.

      Poi ci sono sempre i disonesti e menefreghisti, ma non credo siano la totalità

      Elimina
  2. In parte sono d'accordo, ed in parte no.

    Il mio medico di base non è consociato con nessuno, e garantisce un periodo di visite che va dalle 15:30 alle 19:00 e solo il lunedì riceve la mattina, ed unicamente per la richiesta delle ricette.

    In zona la situazione non è migliore.

    Se, mettiamo caso, vi sono 3 o 4 dottori con esperienza che si associano, ed uno o due "novelli" che fanno orario notturno e visite domiciliari (cosa che oramai è da considerarsi rarissima qui in provincia di Venezia) non vedo nulla di male.

    Ovviamente questo servizio non deve "sostituire" il pronto soccorso, ma integrarsi ad esso.

    I dottori, in questo caso dovrebbero fare da filtro ed occuparsi principalmente di quelli che sono i codici bianchi ed alcuni dei codici verdi, il resto dovrebbe essere affidato al pronto soccorso.

    Non so come sia la situazione altrove, ma a Venezia, per la precisione a Mestre, il pronto soccorso è oberato di lavoro da decenni, prima la colpa poteva esser attribuita alla struttura precedente, incapace di assorbire le necessità, oggi quella attuale più grande ed attrezzata, non è in grado di assorbire il gran numero di codici bianchi in arrivo giornalmente, poiché visto che i dottori in zona fanno orari decisamente limitati, una persona qualsiasi a quel punto si rivolge alla struttura pubblica.

    In ogni caso in questa cosa ci sono pro e contro che dovrebbero esser valutati attentamente. Un imposizione dall'alto rischia di causare più problemi che soluzioni.

    Inoltre non credo che la cosa, se viene fatto nel modo da te descritto, ridurrebbe il costo della sanità nazionale, anzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che se i dottori sono pigri nel veneto la regione debba mettere delle norme più restrittive, non cazziare anche i dottoriche già svolgono un lavoro egregio.

      Riguardo i turni notturni hai beccato nel segno, e temo che qualcuno possa aprofittarsene fin troppo

      Elimina
    2. Vedi la rogna è che i dottori non sono pigri, ma prestano opera in ambulatori privati, prendendo così molti più soldi.

      Il mio medico per esempio, essendo specializzato in cardiologia, la mattina fa visite per un ambulatorio poco distante dal suo studio, un suo collega specializzato in endocrinologia fa servizio nello stesso ambulatorio privato, ed il medico di base.

      Elimina
    3. Io rimango dell'opinione che ognuno debba fare un solo lavoro...
      Non esiste che uno ha sia lo studio di medico di base e poi uno studio di visite specialistiche. E' chiaro che uno dei due lavori verrà fatto alla carlona, in questo caso quello sicuro e pagato comunque.

      Ma questo è un problema diverso, uno studio associato non risolve il problema, a meno che questi infami trovino un giovane disgraziato e gli facciano fare praticamente tutti i turni facendolo lavorare 16 ore al giorno

      Elimina
  3. Marco D.6/9/12 18:04

    Che tristezza per un futuro medico come me leggere certe cose...Ma almeno la gente sa cosa voglia dire fare il medico? Vuol dire farsi almeno 6 anni di " massacro " sui libri e davanti ai prof per gli esami, sperare di riuscire ad entrare in una scuola di specializzazione senza che qualche stronzetto raccomandato ti passi avanti, facendo poi turni da operaio sovietico, per poi uscirne senza la certezza di un lavoro oppure andare a fare il medico di guardia e poi di base con stipendi decisamente bassi all'inizio ( tra spese, tasse e pochi pazienti da seguire)...oltre al fatto che ogni tanto ti arriva qualche paziente che decide che il tuo operato non è stato dei migliori e, aiutato da un avvocato dalla dubbia morale, decide di denunciarti salvo poi, dopo un lungo processo all'italiana, scoprire che non ci sono stati errori da parte del medico stesso ( esperienze raccontate)...La gente deve decidersi a cambiare atteggiamento verso il medico sennò anche il medico, purtroppo, inizierà e ha iniziato ad attuare una medicina difensiva, a scapito del paziente e dell'arte medica, o peggio a rifiutarsi di operare/curare pazienti...P.S. i giornalisti oramai stanno degenerando, sia come ignoranza ( vedi il caso sperimentazione animale) sia come tematiche trattate ( meglio creare lo scandalo che cercare quello che si vede tutti i giorni)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti questi sono motivi per cui scaricare sui medici una sorta di obbligo di servizio continuato tutto l'anno e di pronto soccorso non urgente, sia una stronzata.

      Fra l'altro i dottori non possono farlo cani e porci, è una cosa piuttosto seria e da mettere in mano a gente competente. E se non ci sono gli sbocchi finiremo con l'avere molti meno dottori e poi ci attacchiamo al cazzo

      Elimina
    2. Marco D.6/9/12 19:22

      Infatti per un medico adesso è meglio scappare all'estero che rimanere qui a queste condizioni; poi quando saremo senza medici, ci si lamenterà come sempre del problema, all'italiana ovvero prima che si pensi a risolvere la questione deve esserci il "morto"...

      Elimina
    3. Marco D. son d'accordo con te, ma c'è chi vede fare il medico come una missione, e chi lo vede come fonte di guadagno.

      Il secondo tipo fa si che poi tutta la categoria sia vista come mercenaria.

      Elimina
    4. Non e' che fare un lavoro anche per guadagnare sia per forza il male, eh. C'e' tanta di quella gente che fa lavori che non piacciono solo per mantenersi (io!). Non vedo perche' invece per i medici deve essere diverso, vanno valutati per quello che fanno, dandogli la possibilita' di farlo bene, non vanno valutati per il loro "fine ultimo"

      Elimina
    5. Forse intendeva guadagno facile e a tutti i costi.
      In effetti c'è una differenza.

      Comunque credo che se per vivere non fosse necessario lavorare, il 70% della gente non lavorerebbe, almeno non continunativamente.
      Per ora non lavorano mai solo complottisti e signoraggisti in primis, ma è un altro discorso

      Elimina
    6. @ Frank.

      Parlo di guadagno facile ovviamente.

      Tanto per capirsi, ieri ho fatto una visita specialistica in uno studio privato, purtroppo svolgo un lavoro ad ore (+ lavoro + prendo) da un paio di anni, e se non riesco a fare una media di 60/70 ore settimanali faccio fatica ad arrivare a fine mese.
      Fare la visita in ospedale, dove c'è il medico che mi cura da anni voleva dire aspettare un paio di settimane e rinunciare a diverse ore di lavoro, quindi mi sono rivolto ad un privato che mi ha visitato in un ora comoda a me. E siccome oramai era da quasi 2 anni che non facevo un controllo su alcune patologie di cui soffro, ho deciso di non aspettare ulteriormente.

      15 minuti di visita, 50€...

      Io per prendere 50€ devo lavorare 6 ore circa, visto che prendo 8€ all'ora, ha preso 50€ in 1/25° del tempo che ci impiego io.

      Elimina
    7. e per svolgere il lavoro che tai facendo hai studiato 10 anni e le competenze a te richieste sono intellettualmente uguali a quelle del medico? mi verrebbe da rispondere a entrambe di no considerando che i lavori a cottimo sono prettamente manuali. che poi in alcuni casi ci siano degli onorari che sono fuori dalla grazia divina è un'altra cosa ma bisogna porre dei paletti.

      Elimina
  4. eh, sempore questa cosa che il medico deve aver la "missione"
    'sti cazzi ragazzi, non sono missionari
    sono professionisti altamente specializzati, che offrono un servizio
    ora sinceramente un medico di famiglia, a meno che non si parli di quelli che si sono laureati già 30-20 anni fa, col solo lavoro di medico di famiglia non campa
    non all' inizio
    prima di arrivare ai 1500 assistiti, che permetterebbero di stare tranquilli e far solo una cosa, ce ne vuole. Come iniziano è difficilissimo potersi permettere le spese per l' ambulatorio, le bollette, ecc.
    tant' è che almeno qui è prassi ormai consolidata che i "novellini" per poter rimanere a galla si associno, così da dividere le spese
    l' unico vantaggio della professione del medico di famiglia, dopo 9 anni di studio (anzi, di fatto dieci, dato che ci vogliono 6 anni per la magistrale, 3 mesi per l' abilitazione e poi bisogna aspettare il concorso per iniziare a studiare come medico di base) è che ha un orario abbastanza libero, non si è obbligati a dedicare l' intera giornata ne tutti i giorni a tale attività, è normale che arrotondino poi con attività privata, chiamateli scemi.
    Poi sono anni ormai che si sa che ci sarà una grave carenza di organico, la classe medica attuale nel giro di dieci anni andrà tutta in pensione per anzianità
    non stanno rimpolpando le fila, e a giudicar dai tagli, non lo faranno
    saremo fortunati se per ogni tre che se ne vanno ne prenderanno uno
    Di fatto avremmo metà dell' organico, col doppio del lavoro e pagato la metà rispetto agli altri stati europei
    i medici con un poco di cervello faranno i salti mortali per andarsene fuori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Medici e avvocati hanno vita molto dura in italia.
      Forse gli unici dottori che vedremo in futuro saranno tutti dentisti...
      Ai dentisti non frega un cazzo di niente, hanno ricarichi stellari sui materiali e nessuno gli dice nulla (ovvio che dopo tanti anni di sacrifici debbano rifarsi, ma ho l'impressione che se ne aprofittino un po' troppo).
      Invece ai medici di base gli danno della "casta" solo perchè prendono 38 euro l'anno a paziente.
      Magari anziano, a cui stampano 200 ricette l'anno e gli partono più soldi per le spese ambulatoriali che guadagni

      Elimina
  5. Ho scoperto questo sito, nella disperata ricerca di qualcuno che ancora ragionasse in Italia. Ti ringrazio perche' mi sento meno "ultimo giapponese" che continua a provare a far ragionare la gente. Sono uno studente di economia e tra crisi, governo Monti, signoraggi vari.. a volte credo che l'arrivo del web abbia solo dato la possibilita' a milioni di persone di confermare i propri pregiudizi e organizzarsi meglio nello sparare cazzate.
    Ottimo articolo. Continua cosi'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il web, essendo una cosa libera e praticamente incontrollabile, è come un immenso mercato rionale, dove ogni venditore sbraita la sua opinione per attirare clienti.
      Non so per quale magico mistero, ma pare che se uno spari un mare di cazzate attraverso un sito web viene visto come un grandissimo esperto e colto uomo fuori dal normale...

      Elimina
    2. E se provi a fargli notare che non ha nessun titolo per dire quelle cose, allora sei un arrogante oppure un "servo del regime". Insomma siamo passati dal berci tranquillamente qualsiasi cosa passi in TV al berci tutto cio' che passa per facebook, con l'aggiunta che appunto non c'e' proprio alcun controllo. Temo che con "liberta' di informazione" non si pensasse proprio a questo..

      Elimina
    3. Infatti, il web poteva diventare il mezzo perfetto per avere dell'informazione seria. Purtroppo i social gratuiti e le piattaforme gratuite hanno causato un proliferare di siti web gestiti da imbecilli totali che spargono merda spacciandola per informazione indipendente.

      Complice anche l'alto numero di imbecilli deambulanti sulla crosta terrestre e di cretini convinti che tutto e tutti cospirino qualcosa, questi siti hanno un successo enorme.

      Ironia della sorte chi fa informazione seriamente viene tacciato appunto di essere un ignorante e spesso insultato e minacciato.
      Un esempio è quello degli allevamenti e macelli: io ci sono cresciuto dentro, ne ho visti parecchi, ma ogni mentecatto "antispecista" del web arriva a dirmi "non sai come funziona", "non ci sei mai stato", "sei ignorante" o meglio "guarda earthlings!!11!".

      Elimina
    4. Ahahahah, a me capita quando tento di difendere (che poi non difendo, cerco di riportare le critiche al giusto livello) le banche, visto che ci ho lavorato. "Ma come non sai che l'ECB è privata? Informati! Svegliaaaaa" oppure "questi speculatori che ammazzano i popoli", al che mi giravo verso le mie colleghe che gestivano i fondi, sempre con le mani tra i capelli in questi periodi, e me le immaginavo come sadiche assassine. No, però io che ci lavoro mi devo informare, perchè io non so che le banche si finanziano all'1% e poi non danno credito alle imprese. Io non so. E anche se so.. sono un ingenuo che non ha capito come va il mondo.

      Elimina
    5. Loro sanno tutto, e chi non è d'accordo non sa nulla o è venduto.
      Apertura mentale zero, patologie mentali 100.

      Elimina
  6. Paolo, ex anonimo firmato7/9/12 14:42

    Per soddisfare le condizioni di far svolgere le funzioni di guardia medica ad ogni ambulatorio come prospettato, non basta un solo medico (specie se capita un'emergenza anche non grave). Se cominciano a servirne due o tre per turno, anche con improbabili turni di 8 ore, un solo di questi "abulatori estesi" potrebbe perfino richiedere una decina di medici. Se, per conservare agli operatori sia la lucidità professionale sia la possibilità di riposo, i turni diventano quattro di sei ore, con tre medici a turno si arriva alla dozzina per un solo ambulatorio. E dove li andiamo a trovare?
    Ogni ulteriore commento è superfluo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capiterà che tutti i medici di una zona si debbano riunire, e si dovranno fare chilometri per andare a farsi visitare. Con un po' di culo si trova il medico CHE CI CONOSCE, e non uno che non ci ha mai visto e non conosce nulla di noi. Ah, il tempo passato a leggere la storia clinica di ogni paziente influirà sulle code ovviamente, visto che ogni volta devono controllare allerie, intolleranze, precedenti clinici e così via

      Elimina
  7. Ma la norma vieta agli studi associati in oggetto di avere più sedi (come il veterinario sotto casa mia, che ne ha una "centrale" e 4 "succursali")?

    Perché solo in questo caso ci sarebbero i problemi sopra esposti.

    RispondiElimina
  8. I medici di base sono considerati professionisti così altamente specializzati, tanto che può sostiturli anche un neolaureato in medicina senza alcuna esperienza, non ci sono requistiti di anzianità o di ore di servizio. E sono talmente oberati di lavoro con i loro 1500 assistiti che alcuni riescono però a fare secondi lavori, e quando uno di loro va in ferie riescono pure a prendersi carico anche degli assistiti del collega ( e viceversa).

    C'è qualcosa che non mi torna...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io conosco un dottore, è mio amico, ed è medico di base.
      Ti posso assicurare di averlo visto lavorare fino alle 9 di sera, perchè dopo l'orario di ambulatorio deve fare le visite a domicilio (e si paga lui la benzina).

      Ci sono pazienti anziani che hanno bisogno di decine di ricette se non centinaia all'anno. Sono talmente liberi e spensierati che pagano una persona per preparare le ricette, facendogli risparmiare tempo, che poi fanno firmare interrompendo la visita in corso per qualche secondo.

      Quello di prendersi a carico i pazienti altrui è una cosa che fanno per avere un po' di ferie, altrimenti col cazzo che vanno in vacanza.

      Ma prima di farti un'opinione hai visto come lavorano i medici o gli hai fatto i conti senza l'oste?

      Elimina
  9. Potrebbero pagare un sostituto magari,soprattutto chi ha 1500 pazienti, i soldi per pagarlo ce li avrebbero. Lo fanno per risparmiare denaro, a danno della qualità del servizio: non trovo corretto che un medico si trovi a dover gestire i propri pazienti e quelli di un altro. Un sostituto (medico neolaureato in attesa di entrare in specialità) costa giornalmente la metà di quanto riceve il medico titolare come stipendio. Soprattutto se poi lamentano di essere oberati di lavoro nel gestire i propri pazienti.
    Mi sono fatto un'opinione abbastanza precisa, in quanto il padre della mia fidanzata è un medico di base, e pure la fidanzata studia medicina ( ed ha le mie stesse idee e impressioni su come sta la faccenda)
    La benzina per le visite a domicilio è una spesa veramente non significativa... magari per qualcuno può esserlo, ma tipicamente i medici di base hanno la maggior parte dei pazienti nel raggio di pochissimi km e lo studio nel paese/città dove risiedono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tutti i medici hanno 1500 pazienti, ma quelli che hanno la fortuna di averli guadagnano 57 mila euro annui, di cui pagano l'irpef che ammonta a 18 mila euro, quindi il guadagno è di 49 mila euro, ai quali vanno tolti i contributi INPS, che non so calcolare ma immagino siano almeno 5 mila euro. Gli restano 44 mila euro annui, a cui devono detrarre i costi dell'ambulatorio e del carburante (forse non ne sei a conoscenza, ma la macchina consuma di più in centri urbani, per cui potrà pure fare pochi chilometri al giorno per le visite a domicilio, che pesano comunque) che ipotizziamo in 1000 euro mensili, cioè 12 mila euro annui.
      Gli restano 32 mila euro annui, 2600 euro al mese.
      Ah, dimenticato la persona part time impiegata per sveltire il rilascio delle ricette mediche... non so quanto guadagnano, ma almeno 600 euro al medico partono allegramente

      Dimmi quello che vuoi, ma uno stipendio simile mi sembra tutto fuorchè da iperprivilegiato mangiasoldi casta iperspaziale.
      E questo è l'esempio dei fortunati con 1500 pazienti, ti ricordo che la maggior parte non arriva a quei numeri.
      Magari uno se la cava se ha uno studio non in affitto, ma anche in quel caso ha fatto un investimento iniziale non indifferente.

      Se un medico ha pochi pazienti mi sa che è costretto dalla fame ad avere un secondo lavoro, se invece è un massimalista può tranquillamente dedicarsi ai suoi pazienti, ovviamente senza avere uno stipendio iperbolico

      Elimina
  10. 57 - 18 fa 39 ... quindi i conti sono sbagliati: quindi secondo i tuoi calcoli, un medico con 1500 pazienti guadagna circa 1800 euro al mese netti? Veramente sei convinto di questo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrò sbagliato scrivendo qui, ma lo stipendio di un medico massimalista è di 2500 euro mensili, circa.

      Elimina
    2. Ok, allora però c'è qualcosa di sbagliato nelle premesse dei tuoi calcoli... Io so quanto guadagna il padre della mia ragazza ( e non ha altri redditi) e siamo lontani delle cifre di cui sei convinto tu, ma ti lascio nelle tue convinzioni...
      Sicuramente dipende molto anche dal luogo di residenza, essendoci molti contratti integrativi e incentivi gestiti a livello regionale e locale.

      Elimina
    3. Forse ricordi che qualche anno fa, era 2007 se non sbaglio, erano stati divulgati i redditi di tutti gli italiani (poi li hanno tolti subito)?
      Non so se ci sono ancora, ma se guardi i redditi dei medici di base (che non fanno visite private o altri lavori) cambierai opinione sicuramente ( quelli riportati erano redditi lordi ai fini Irpef, quindi dopo aver sottratto tutte le eventuali spese).

      Elimina
    4. Il medico di base prende 38 euro annui ad ogni paziente, e questo è praticamente sicuro.
      Prendere cifre astronomiche con quel tanto è praticamente impossibile, a meno che il dottore che conosci non si sia messo d'accordo con una farmacia che gli da in affitto, e forse non paga neanche le bollette, l'ambulatorio in cambio della vicinanza alla farmacia, e quindi la vendita sicura dei farmaci.
      Magari fa visite a persone non in lista e le fa pagare.

      Ci sono tantissime variabili, ma comunque se non sono 2500-2600 euro, al massimo saranno 3500 o al massimo 4000.
      Ma anche in questo caso, di accordo con la farmacia e prestazioni a pagamento di pazienti non in lista, lo stipendio è si corposo, ma non da miliardario

      Elimina
    5. Non intendevo dire che le spese sono ridotte rispetto ai tuoi calocli, parlavo proprio del lordo che viene dato per ogni paziente: 38 euro annui a paziente e basta, questo è "praticamente sicuro" secondo te. Ti lascio nelle tue convinzioni, ripeto, cioè che al massimo un medico di base può prendere 57.000 euro l'anno lordi.

      Elimina
    6. Guarda questa tabella:

      http://www.sanita.ilsole24ore.com/PrimoPiano/Detail/1394945

      Come vedi la fascia con maggior frequenza è quella dai 75.000 ai 120.000 euro, con 32.000 medici. Quindi, secondo quanto sei convinto, tutti quelli che prendono più di 57.000 euro l'anno - oltre ad essere tutti massimalisti - fanno secondi lavori ??

      Elimina
    7. Quindi presumi che ci sono medici che guadagnano anche 4000 euro al mese (ma anche di più, te lo garantisco) e a giudicare dalla tabella non devono essere proprio casi isolati.
      Costoro almeno non potrebbero pagarsi un sostituto, quando vanno in ferie?

      Elimina
    8. Si va bene i medici sono una kasta ammazziamo li tutti!!11!!!1!
      Che vuoi che ti dica?
      Oltre all'ambulatorio possono avere studi privati, possono fare diverse prestazioni a pagamento ecc ecc.
      Ma questo non significa che di base possono prendere al massimo 57 mila euro dagli iscritti.

      Il dottore che conosco lavora fino alle 9 di sera, molto spesso, e si prende si e no una settimana di vacanza all'anno.
      Mi stai dicendo che siccome ci sono medici che, fa ambulatorio privato e varie prestazioni a pagamento, lui dovrebbe rinunciare a una consistente fette del suo stipendio per pagare un sostituto?

      E se lo facesse cosa ti cambierebbe?
      Non capisco dove vuoi andare a parare, non lo capisco proprio.

      Fra l'altro "fra 57,001 e 120000" non significa che tutti fanno per forza 120 mila, c'è un abisso fra l'inizio e la fine di quella fetta

      Elimina
    9. Sì, c'è un'abisso, ma infatti nella tabella c'è anche la media che è di 94.000 euro lordi l'anno...

      Quindi secondo te, tutti quei redditi derivano da medici massimalisti che fanno secondi lavori (tra l'altro ben pagati, se al massimo prendono 57.000 euro come medici di base) ??

      Non ho detto che sono una kasta e di ammazzarli tutti, ma mi sembra veramente assurdo pensare che guadagnino al massimo 2500 euro al mese.
      Io invece conosco medici di base che si fanno il loro mese di ferie, non pagano un sostituto anche se avrebbero i soldi per pagarlo.

      Quindi la tua onestà intellettuale ti suggerisce che tutti quei 40.000 madici di base, che guadagnano più di 57.000 euro l'anno, oltre ad essere per forza tutti massimalisti, fanno tutti secondi lavori per arrotondare di altri 30.000 euro l'anno?

      O forse non è più probabile che la tua visione delle cose sia un po' in difetto rispetto alla realtà?

      I dati servono proprio per non continuare a fare discorsi da bar dello sport del tipo " il mio amico mi dice che.. " "ho sentito dire da..."
      Io ti posso dire che il padre della mia fidanzata guadagna circa il doppio di quanto affermi tu.. ma so che non è comune, la maggior parte guadagna cifre inferiori.

      Io tuo amico sta fino alle 9 tutte le serein ambulatorio, bravo.. ma è un caso particolare anche il suo: l'orario minimo di apertura dell'ambulatorio è di sole 15 ore la settimana, con 1500 assistiti, e spesso molti abulatori non aprono neanche tutte le sere ( ma solo qualche ora la mattina).

      Prima di scrivere su qualcosa, non affidarti soltanto a quello che senti dire dai tuoi amici o da coloro che hanno un qualche interesse (pro o contro) diretto sull'argomento. Così ti farai un'idea più vicina alla realtà...

      Elimina
    10. E' chiaro che un dottore se non lo trovo mai lo lascio.
      Io ho fatto così, il dottore non era mai reperibile e mi sono iscritto ad un altro, che lavora seriamente.

      Adesso non credo che le persone siano una manica di poveri rincoglioniti che si affidano a un dottore che non c'è mai se non 15 ore la settimana e non fa le visite a domicilio.

      Se poi ci sono dei ritardati che sono così masochisti cazzi loro, ma non mi puoi dire che i dottori sono da penalizzare perchè tizio o caio tengono aperto 15 ore la settimana e se ne sbattono.

      Prima di scrivere mi sono informato ciccio, ma tu vieni a dirmi di non guardare quello che dice uno che conosco e ti basi sullo stipendio di uno che conosci...
      I tuoi non sono discorsi da bar?
      I 38 euro annui me li sono tirati fuori dal culo secondo te? Me li sono inventati?
      Arrivi qui, vedi uno che chissà per quali prestazioni o accordi con la farmacia guadna un tot e tacci di ignoranza chi dice una cosa diversa.
      Mah.

      Se come sospetti tu si prende più di 38 euro annui, come mai il mio dottore quando aveva forse 500 pazienti era costretto a fare anche la guardia medica per vivere?

      Però quello con poca onestà intellettuale sono io...
      L'ultimo che ha detto così era un tizio che parlava di golpe globale, Monti massone banchiere ebreo/sionista e negava l'esistenza del AIDS.
      Immagina il personaggio

      Elimina
    11. No, non mi sono basato su uno che conosco, ti ho riportato una tabella delle dichiarazioni dei redditi di un quotidiano economico prestigioso.
      Se dovessi basarmi su quello che conosco io, dovrei dire che un medico di base prende 100.000 euro l'anno. Ma sono onesto intellettualmente.

      Il padre della mia ragazza e i suoi colleghi non lavorano nè fanno accordi con farmacie.
      Nel qual caso ci siano medici che hanno l'ambulatorio gratuito sarebbero le spese ad essere ridotte, e non il reddito lordo. ( che al massimo è di 57.000 euro lordi, secondo la tua convinzione).

      Non so dove li hai tirati fuori i 38 euro lordi all'anno per paziente: so solo che oltre la quota-base ci sono parecchie voci di aumento ( ad esempio per le associazioni di gruppo, per l'assistenza domiciliare a certe patologie, sopra una certa età...)
      Guardati il CCNL dei medici di base, oltre alla retribuzione base, che forse è quella che citi tu, c'è una parte accessoria e un'altra di risultato. Trovami dove guadagnano al massimo 38 euro per assistito e ti darò ragione...
      Io non faccio mai discorsi da bar.. cerco sempre di capire come stanno le cose nel dettaglio.
      Se tu ti sei convinto che i medici di base sono in generale una categoria svantaggiata e da tutelare, ti lascio nelle tue convinzioni.
      Ma per me che è come dire che Monti è un massone banchiere sionista...



      Elimina
    12. 500 pazienti sono pochi..la retribuzione variava anche con l'azianità, e probabilmente il tuo amico all'inizio non si accontentava di 1000 euro al mese ( lo stipendio di milioni di lavoratori italiani).
      Mi diverte come consideri non elevato uno stipendio di 2500 euro comunque, e non ti impressionano nemmeno 4000 euro al mese... prova ad arrivarci a farteli dare da un'azienda privata come stipendio, poi ne riparliamo...

      Elimina
    13. Un autista di pullman guadagna 2000-2200 euro mensili...
      Dimmi che un medico, che di certo non è uno con la licenza elementare, che prende 2600 euro al mese sta prendendo cifre astronomiche.
      Forza.
      Non ho detto che sono pochi, ho detto solo che di certo non sono miliardari.

      E conta pure che l'autista di pullman ha la tredicesima e le ferie pagate

      Elimina
    14. Qui al nord un autista dipendente di un'agenzia i pubblico trasporto prende 1300 euro al mese.
      Forse se un autista guadagna quelle cifre, con trasferte all'estero e diarie notturne, è perchè nessuno lo vuole fare, perchè è un lavoro usurante e pesante.
      Tanti disoccupati non capisco perchè si lamentano e non vanno a fare gli autisti di pullman per 2200 euro al mese...
      I medici di base sono in numero limitato, un po' come le farmacie e i notai. Il mercato non è liberalizzato e il medico di base non si deve scontrare con la concorrenza come la categoria degli autisti.
      Tra l'altro il settore degli autotrasporti è in notevole crisi, ci sono autisti che per non perdere il lavoro si fanno turni massacranti di ore alla guida ( cosa che non si potrebbe fare) e molto spesso i nuovi assunti sono autisti dell'est Europa che si accontentano di lavorare per molti meno soldi e non si lamentano.

      Elimina
    15. Un medico di base non guadagna 2600 euro in media, qualcosa di più.
      Riguarda bene quanto guadagnano...
      http://www.sanita.ilsole24ore.com/PrimoPiano/Detail/1394945

      Se un massimalista prendesse 2600 euro al mese e fosse obbliato a 6 ore di ambulatorio quotidiane minime sarei d'accordo con te, ma la realtà è un'altra...

      Elimina
    16. E non mi hai ancora spiegato cosa fanno quei 32.000 medici di base ( che devono essere tutti massimalisti per forza) per guadagnare in media 94.000 euro lordi l'anno... Fanno tutti visite private?
      E' ammissibile, secondo te??

      Elimina
    17. Ah giusto, siccome conosco una persona che guidava un pullman il suo stipendio non conta un cazzo perchè è un discorso da bar...
      Mi ero dimenticato di sta cosa...

      Comunque fra trasportatore e autista di pullman c'è una differenza abissale, sia in termini di responsabilità sia di salario.

      Si linka ancora quel grafico su, che così non fai discorsi da bar.
      Peccato che ti sei dimenticato di leggere chiaro e tondo, nella pagina stessa, que in quel grafico rientrano tutti i redditi delle persone e provengono da qualsiasi cosa: immobili, altri lavori ecc ecc.
      Non lo so, prendi un numero a cazzo e ci pontifichi sopra, pretendendo di screditare le testimonianze degli altri con la frase "discorsi da bar".

      Per ottenere cosa poi?

      Elimina
    18. Vero,trasportare merci è diverso da trasportare persone,eppure l'autista di pulmann, quello delle aziende di trasporto pubblico locale, dalle mie parti non prende 2000 euro al mese... forse dalle tue sì.

      Allora, secondo te quei redditi eccedenti i 57.000 euro annui, stipendio massimo di un medico di base secondo le tue convinzioni, derivano tutti o da rendite immobiliari (di almeno 3-4 o più appartamenti medi) e in parte da secondi lavori ?
      Volevo solo capire come adegui la realtà alle tue idee, è divertente.

      Dal momento che hai scritto sopra: "Non esiste che uno ha sia lo studio di medico di base e poi uno studio di visite specialistiche. E' chiaro che uno dei due lavori verrà fatto alla carlona, in questo caso quello sicuro e pagato comunque."

      Ecco, allora circa il 50% dei medici di base (quelli che superano i 57.000 euro annui) oltre ad essere tutti massimalisti, hanno tutti un sacco di appartamenti e immobili in affitto, tanto da arrotondare di 30-60.000 euro all'anno (o più), oppure guadagnano queste somme facendo visite specialistiche ( che parecchi anche per un medico ospedaliero), e quindi "lavorando alla carlona" come medici di base.
      Il tutto partendo dal presupposto che nessuna visita specialistica sia in nero (utopia).

      Oppure, cosa più probabile, il reddito lordo di un medico massimalista, con tutte le varie integrazioni e aggiunte, supera di molto i 57.000 euro l'anno.

      Tutto questo per dire che a tali stipendi dovrebbero essere corrisposti obblighi maggiori di 15 ore settimanali di ambulatorio, che quando un medico va in ferie paga un sostituto, per esempio.
      E se qualcuno li definisce "casta", in quanto hanno redditi privilegiati anche in virtù di numeri chiusi nell'accesso alla professione (come i titolari di farmacia o i notai) , a differenza degli autisti di pulmann, non mi pare una definizione tanto assurda da straccarsi le vesti.

      In ogni caso, secondo la mia personale esperienza, un autista di pulmann ha un rischio professionale superiore a quello di un medico di base ( ma non fa testo, magari tu al contrario hai sentito di parecchi medici di base in carcere oppure costretti pagare centinaia di migliaia di euro ai pazienti in seguito a condanne...)

      Elimina
    19. Da notare che soltanto il 20% degli immobili sono in affitto in Italia, e i proprietari di tali immobili sono ancora meno...

      Adesso mi aspetto che mi dirai che anche i "numeri alla cazzo" delle dichiarazioni dei redditi raccolti dal Sole24ore per quanto riguarda i farmacisti sono completamente falsati dalle rendite immobiliari e dai secondi lavori e che in realtà possono guadagnare al massimo 70.000 euro l'anno con i proventi della farmacia... vabbè..

      Elimina
    20. Si va bene come vuoi tu, come la giri la giri avrai sempre ragione.
      Continua pure, io dopo decine di commenti mi sono rotto il cazzo.
      Prepara cortei di protesta contro la casta dei medici per costringerli a prendere un sostituto visto che guadagnano miliardi su miliardi, è questo che mi è parso di capire no?

      Se poi secondo te non è coerente pensare che un dottore che lavora fino alle nove di sera non possa avere anche uno studio privato puoi prendere e andartene, visto che il tuo solo intento è provocare

      Elimina
  11. E secondo te, i medici di base massimalisti (o quasi), sarebbero una percentuale minima e "fortunata" nel totale dei medici di base?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se tutti i medici fossero massimalisti, con 2500 euro o poco più di certo non sono nababbi

      Elimina
  12. magamagò12/9/12 12:45

    la finiamo di fornire dati falsi? un medico massimalista prende 2500 euro? sono figlia di un massimalista e ti posso assicurare che prende più del doppio della cifra da te indicata! conosco molto bene la categoria (oltre ad avere il padre), ho molti parenti medici ed inoltre mi informo su dati oggettivi, come ad esempio la tabella che ti ha riportato "anonimo". Non dico che il tuo amico medico non lavori fino alle nove di sera( magari fossero tutti come lui) ma ciò non ti autorizza a riportare dati fasulli. 2500 euro al mese li prende un ospedaliero agli inizi della carriera, con pochi anni di anzianità, secondo te da cosa nasce la diatriba tra ospedalieri e medici di base? uno dei fattori ( oserei dire il maggiore) è proprio la netta differenza di stipendi. prima hai scritto " prendono un bello stipendio ma mi sembra il minimo dopo tutto quello che hanno studiato e si sono smazzati", ora ti chiedo, hanno studiato o sono più in gamba di ingegneri, fisici e compagnia bella? perchè hai medici viene assicurato uno stipendio così alto? te lo dico io: perchè sono una lobby che si paracula! perchè secondo te c'è il numero chiuso per entrare a medicina? per assicurare uno stipendio alto ai futuri medici... hai mai visto il numero disponibile do posti per la "specialità" in medicina generale? vai a guardartelo, sembra una presa per il culo. le persone che usciranno, chi prima chi dopo, diventerà tutta massimalista! il tuo discorso mi sembra molto del tipo " ho l'amico medico che lavora seriamente allora non posso parlare male della categoria". quella che ti parla fa medicina e ha il padre massimalista! ci vuole solo un po' di onestà intellettuale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio amico aveva la stessa macchina per 12 anni...
      Sarà che ci sono casi e casi, no eh.
      Siccome ci sono quelli che guadagnano bisogna cazziare tutta la categoria a definirla casta, così ci si giustifica.

      Allora cazziamo anche gli imprenditori, visto che briatore guadagna miliardi posso tassare come un mulo pure il macellaio vicino casa.

      Definiamoli lobbysti paraculi e disonesti perchè ci sono quelli che si fanno pagare le prestazioni e lavorano poche ore, cazziamo anche quelli che lavorano fino alle 8-9 di sera e non fanno pagare le prestazioni.

      Forza, facciamo la caccia alle streghe basandoci su alcuni esempi su, questa si che è onestà intellettuale

      Elimina
    2. magamagò12/9/12 13:06

      ma ti rendi conto che non sai più cosa dire? non riesci a rispondermi argomentando in modo decente? cosa vuol dire che il tuo amico ha tenuto la macchina per dodici anni?!ognuno spende i soldi come vuole.. il tuo amico se è massimalista non prende 2500 euro cazzo!
      ti sfugge un piccolo particolare: i medici sono pagati dallo stato, con le tasse dei cittadini ! gli imprenditori NO! i medici hanno lo stipendio garantito tutti i mesi ( e non mille euro), gli imprenditori NO.
      Ma cosa c'entra??? che siano onesti o che non lo siano sempre di lobby si tratta! ci sono quelli che lavorano bene etc certo ma non ciò non toglie che siano degli avvantaggiati.

      Elimina
    3. mm credo proprio che sul fatto che il numero chiuso favorisca il mantenimento di questi alti stipendi sia vero. Se ci fossero piu' medici ci sarebbe piu' concorrenza e quindi prezzi piu' bassi nel privato, ma anche nel pubblico (vedi insegnanti!). Rispondo cosi' anche a quello sui dentisti. Per far abbassare i loro prezzi non bisogna urlare "a morte il dentista!", bisogna semplicemente aumentare i posti per odontoiatria. Vedrete che i prezzi scenderanno subito (no, ok non subito, negli anni!).
      Insomma, e' vero che i medici non sono degli sporchi spilorci egoisti, ma d'altronde occorrerebbe un pochino allentare il numero chiuso (mantenendo pero' lo stesso rigore agli esami)

      Elimina
    4. Magamagó12/9/12 13:44

      Esattamente:) numero chiuso = no sana concorrenza !

      Elimina
    5. Visto il tuo chiaro intento di discredito la discussione finisce qui.
      Se dopo che vengo a conoscenza di altri dati cambio opinione non puoi venirmi a dire "quale opinione devo seguire?" per farmi sembrare un incoerente arrampicatore sugli specchi.

      Complimenti per l'onestà comunque, sempre anononimo e nascosto come un verme ovviamente

      Elimina
    6. IL numero chiuso per la concorrenza? -_-
      ma siete scemi? Seriamente
      Il numero chiuso (che secondo me sarebbe corretto applicare a tutte le facoltà, e per fortuna ci si sta muovendo sempre più in quell' ambito, quasi tutte le discipline scientifiche ormai hanno un test di ammissione, da ingegneria a biologia)viene decretato in base al numero di professionisti che un dato territorio può assorbire
      dato che formare un medico costa, e tanto, non se ne formano in eccedenza
      tralasciando che servono certe strutture, laboratori, aree di microscopia, macroscopia, tirocini, ecc.
      Molto semplicemente vi chiedo, se medicina fosse a numero aperto, considerando che già ora i candidati ai test sono circa 10 volte i posti disponibili, tutti questi studenti dove li metto? Chi paga per la loro istruzione? In media in un ateneo ci sono 2000 candidati per meno di 200 posti
      Gli altri 1800 dove li ficco?
      Oppure volete che finisca come giurisprudenza, con gli avvocati della sola Roma che superano il numero totale degli avvocati in tutta la Francia? (no, quest' ultimo non è un dato inventato)
      Non ho capito se volete far gli spiritosi o se siete semplicemente stupidi

      Elimina
    7. Io, non so magamago', non dicevo senza numero chiuso, pero' andrebbe un po' allargato. Molti "numeri chiusi" sono fatti solo perche' l'Universita' non ha spazio, come dici, beh nel 2012 ci sono molti modi per rimediare e poi un pochini di investimenti nell'unversita' si potrebbero anche fare,non credi? L'esclusione in partenza e' ingiusta, al massimo agli esami! Perche' chi lo sa che non sarebbero diventati medici? Dici che costa troppo? Bene, alziamo le tasse universitarie per chi e' fuori dal numero chiuso, ma permettiamogli di studiare se vuole. L'esempio degli avvocati e' lampante, ce ne sono cosi' tanti, vero, perche' si e' esagerato. (quindi ok, dovevano mettere piu' numero chiuso) Ma li' la concorrenza era talmente forte che si sono inventati "le tariffe minime" (non le massime!!!). Occorre rompere questi schemi, non avere paura di farsi concorrenza e se davvero gli avvocati sono troppi, beh cambieranno lavoro, oppure si spostano, se hanno competenze non avranno problemi a trovarne. E se invece rimangono, significa che pur tra mille brontolii la pagnotta la portano a casa

      Elimina
  13. Tra lasciare libero accesso e mettere un numero chiuso talmente stretto da proteggerlo da una sana concorrenza ( che abbasserebbe il costo delle prestazioni) c'è molta differenza.
    E' da stupidi pensare che si avrà un miglioramento sociale mettendo numeri chiusi sempre più stretti: è il caso dei notai, dei farmacisti, e anche dei medici di base: servizi che se fossero liberalizzati (cosa che ha cercato di fare anche il governo Monti, senza grandissimi risultati) costerebbero molto meno e darebbero lavoro a più persone.
    Perchè ad esempio un medico laureato e abilitato alla professione, che può già adesso sostituire un medico di base e fare le guardie mediche, non può aprirsi il proprio ambulatorio privato ed avere i propri pazienti?
    Una proposta in discussione era pure quella di dare la possibilità ai medici ospedalieri in pensione di diventare medici di base...
    Questo migliorerebbe la competizione e spingerebbe i medici a fornire servizi e un'assistenza sempre migliore, farebbe in modo che i pazienti possano essere seguiti meglio da più personale medico che assiste mediamente meno pazienti.

    Sono tutte proposte stupide o spiritose secondo te, Lollo?

    RispondiElimina
  14. Un'altra proposta era anche quella di abbassare il massimale da 1500 pazienti a 1200 per esempio, per i medici di base. Così da dare lavoro a più medici, che quindi potrebbero avere più tempo per i pazienti, le visite domiciliari...

    A tutte queste proposte la categoria dei medici di base si è sempre opposta... chissà perchè...
    Lollo mi aiuti a capire perchè sono tutte proposte stupide e insensate e che farebbero aumentare la spesa sociale.

    RispondiElimina
  15. Magamagò15/9/12 01:06

    La penso esattamente come Frank, un numero chiuso abbastanza ampio in modo da garantire un minimo di concorrenza, non come quello attuale che non garantirà nemmeno il ricambio generazionale dei medici che andranno in pensione in futuro( per cui una qualche collocazione lavorativa sarà garantita a quasi tutti i laureati in medicina nei prossimi anni, anche a quelli meno capaci o poco motivati..)
    Il costo universitario per formare un medico non è molto più alto che per formare un ingegnere o un biotecnologo, e soprattutto i costi non sono direttamente proporzionali al numero di iscritti al corso nel caso di un moderato allegarmento del numero chiuso.

    RispondiElimina
  16. http://m.youtube.com/watch?v=8DQoJTwEN0Q. Guardate 'sto video

    RispondiElimina
  17. http://www.repubblica.it/salute/medicina/2012/02/22/news/boom_di_pensioni_tra_i_medici_di_famiglia_tra_5_anni_11_milioni_di_italiani_senza_dottore-30326090/

    "I dati. Nel documento, elaborato nel 2007, si spiega infatti che ogni anno si formano 1.560 medici di medicina generale, che diventano 15.600 nel periodo compreso tra il 2007 e il 2017, entro cui andranno in pensione 25.500 medici. Il saldo dunque tra i medici formati e quelli che terminano l'attività lavorativa è negativo e pari a 9.900. Il che corrisponde a 11 milioni di italiani, cioè 1 su 6, senza medico nell'arco di 10 anni."

    RispondiElimina
  18. Palle, sei vivo? Siamo in trepidante attesa di un tuo nuovo sproloquio in difesa della casta dei notai o di quella dei farmacisti, per esempio, scegli tu...

    Sei veramente contento di pagare con le tue tasse certa gente che arriva a prendere 10.000 euro lordi (e anche di più) al mese e in generale si para il culo dalla concorrenza grazie a dei numeri chiusi?
    E poi guarda che pensioni danno a uno che ha avuto la sfortuna di restare invalido permanente a causa di una malattia... un evento che può capitare a chiunque nella vita.
    Mi immagino uno sproloquio in cui scrivi che quelli in carrozzina e i non vedenti devono ammazzarsi tutti, così si risparmiano soldi da destinare ai poveri medici di base.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei semplicemente una testa di cazzo senza palle.
      Se fossi leggermente meno idiota di un microbo della merda avresti avuto l'accortezza di leggere qualcosa del mio blog, e non le quattro righe che tanto ti hanno fatto infuriare (ergo non hai un cazzo da fare se non venire qua a rompere il cazzo perchè "hai la verità in pugno"), avresti scoperto che in questo blog ho difeso molto spesso i disabili e denunciato i privilegi ingiusti.

      Il fatto che un povero coglione come te, nato per rompere le palle a cazzo, sia convinto che un medico prenda decine di migliaia di euro al secondo, non ti giustifica certo a spalare merda su di me.

      Fottiti, sei una merda.
      Detto chiaro e tondo.
      Sono settimane che vieni qua a sproloquiare i tuoi insulti del cazzo, e per cosa poi?
      Ma fottiti merdaccia e trovati almeno un hobby, invece di stare attaccato alle palle degli altri con l'intento di romperle.

      Zecca

      Elimina
  19. Ma che linguaggio, signori ! ahahahahah

    RispondiElimina
  20. Andate a fare in culo medici di merda, parlo della baronia che abbiamo in italia dei medici! è una cazzo di casta! non si può continuare a vivere così, siete una lobby vergognosa bisogna riformare tutto! spero tanto che in futuro il governo vi sistemi per bene e che non facciate il vostro lavoro per soldi! arrichendovi sulle malattie degli altri! sapete quando deve pagare una famiglia se uno dei componenti ha un problema fisico o di salute? LA SALUTE DEVE ESSERE TOTALMENTE GRATUITA IL TEST NON VI DA DIRITTO PROPRIO A NULLA STRONZI UN TEST TRA L ALTRO CHE NON VALUTA LA CAPACITà DI NULLA SOLO CHE SIETE DELLE MERDE LOBBISTI.

    RispondiElimina

Posta un commento