giovedì 5 luglio 2012

Scalzisti nuova frontiera delle boiate

Bazzicando sulla pagina facebook di IMDI, il meglio di internet, sono venuto a conoscenza di una nuova categoria di sub umani a malapena senzienti che corrono su e giù fra varie conferenze e siti web a spargere il solito mare di stronzate. Stavolta l'invenzione del demonio, secondo loro, sono le scarpe:

Ebbene si, perchè le scarpe fanno male. Si deve camminare in piedi così come il bambino deve essere svezzato con la mela (cit.). Se questi capiscono di ortopedia come capiscono di alimentazione già abbiamo una bella idea di cosa ci aspetta.
Uno dei promotori di questa ennesima stronzata va a dire che è un comportamento naturale, cosa che la scocietà blocca. Secondo lui non sveziamo il bambino con la mela perchè la società dice che serve il latte (gli anticorpi li fa con la fotosintesi secondo lui?), il bambino vorrebbe stare al sole ma noi glielo impediamo ecc ecc.
Vabbè, dalle mie parti i bambini giocano molto al sole, magari dalle sue parti i bambini vengono tenuti legati ad una catena in uno scantinato buio e umido e svezzati con il latte invece che con la tanto agognata mela (frutto che probabilmente neanche conoscono...) quindi magari dal suo punto di vista ha ragione.

Tutto sto mare di stronzate per dire che il bambino vuole stare scalzo ma i genitori glielo impediscono. I genitori non pensano più a stare scalzi perchè influenzati dalla società, e i genitori influenzano i bambini.
Io da piccolo ho provato a  camminare scalzo una estate, mi sono sfracellato i piedi sopra sassolini, schegge di legno e pietre varie. Giocando a nascondino si aprofittava delle ciabatte per toglierle e correre in silenzio (ninja style!) ma anche li erano gran dolori, per non parlare del fatto che ci si ritrovava con i piedi a dir poco sudici, poi qualcuno pestava una merda e tutti ci rimettevamo le ciabatte.

Forse le calzature servono appunto ad evitare di sfracellarsi i piedi? (la pelle a contatto con superfici ruvide si ingrossa, ma se una cosa fa male fa male comunque) Servono forse a ripararsi dal freddo? No, sono le lobby a imporlo!

La stronzata del secolo: se stiamo scalzi non abbiamo freddo, perchè il corpo sente i piedi a 5 gradi e le mani a 5 gradi quindi produce calore. Se invece abbiamo le scarpe, il corpo sente i piedi a 35 gradi e non produce calore. Una signora mi ha detto "è vero, ho rimesso le scarpe e ho dovuto mettere la giacca"
Non so se rispondere a tale stronzata o mandarlo direttamente a cagare... se non ti metti le scarpe resisti con una sola felpa a 5 gradi di temperatura. Quante stronzate, quante stronzate...

Del resto è una conferenza registrata e messa su da "icke meetup italia" e già qua siamo a posto, con la maggioranza di pubblico vegan, ciliegina sulla torta sparano anche un po' di stronzate complottiste su banche e industria della carne. Che bel quadretto!

Dice che le scarpe rovinano i piedi, ho visto bambini rovinarsi irrimediabilmente i piedi perchè camminavano scalzi e male. Questo sciroccato complottista vegano new age sta dicendo delle stronzate molto pericolose (ormai i guru di sta minchia che professano il male delle multinazionali et similia sono pericolosi per la salute pubblica). Purtroppo c'è gente che lo ascolta.

Questo oltre che vegano è pure nazista (vabbè, non dovrei stupirmi visto che molti sono tutt'altro che calmi) visto che vorrebbe portare solo i "meritevoli" a stare bene e gli altri "si arrangiano, che restino in italia". Classica visione nazista per cui solo i vegan sono meritevoli di qualcosa. Ovviamente per "stare bene" intende andare all'equatore, dove non fa freddo. Lo voglio vedere a vivere con 40 gradi all'ombra quanto sta bene, il sole che spacca le pietre e ti brucia anche se metti la protezione totale, le zanzare, la malaria... ma siamo noi coglioni che stiamo in latitudini dove arriva l'inverno (e chissà perchè lui non se ne è andato).

Cosa dovrei pensare di questa nuova frontiera estremista?
Questa gente non dorme la notte per cercare di inventarsi qualche stronzata su cui pontificare a 20 euro a biglietto e vendere libercoli inutili.
Prima diventano vegan, poi non prendono più medicine, poi vanno contro le banche, poi vanno contro il signoraggio, adesso è l'ora delle scarpe e mi chiedo cosa si inventeranno domani?
Vedremo tanti coglionazzi zozzoni che non si lavano i capelli perchè gli animali non hanno shampoo?

Non so se si tratta di un'esplosione demografica di fulminati che sta venendo fuori, o se internet ha solo tolto il coperchio e li ha fatti conoscere al mondo, certo è che di nazistoni complottisti è pieno il mondo. Siamo realmente sicuro che 100 sia il quoziente intellettivo medio?
Se è così mi chiedo se "QI medio" sia anche sinonimo di "QI sufficente".

A titolo informativi ecco il mattone di video: Scalzisti
Bisogna avere fegato, oltre un'ora di vaccate e farneticazioni.

40 commenti:

  1. Paolo, ex anonimo firmato5/7/12 10:32

    Forse un giorno schiattano da soli e allora Darwin ha vinto, anche se non credo pensasse alla selezione naturale dei mona. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti bisognerebbe mandarli veramente all'equatore a cercare mele e pere (ahahahahahaah) e a camminare scalzi e nudi in mezzo alla savana.
      Io dico che durano 10 minuti

      Elimina
  2. Questi sono il non plus ultra dell'idiozia! Il bello, come fai notare, è che gira gira, questi personaggi finiscono per fondersi in uno solo: quello che crede a tutte le idiozie. Come se fosse una coazione mentale - quasi neurale - a pensare che tutto ciò che si fa sia irrimediabilmente il male, indipendentemente da qualunque riflessione morale dotata di un minimo di fondamento.
    Grazie per averci donato questa perla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che si pronunci la parola magica "alternativo" o "imposizione culturale/delle lobby" che magicamente decine di migliaia di sciroccati tirano fuori tanti bei soldini.
      Credo che tu abbia ragione, questi hanno seri problemi alla capoccia (leggi il post "gli estremisti sono malati di mente" a proposito).

      Elimina
  3. Questa delle scarpe mi ricorda una teoria "razzista" che spiegava come mai i maschi neri fossero dotati di "misure" considerevolmente più lunghe (ci siamo capiti, vero?) dei maschi bianchi.

    Risposta: be', è ovvio! I maschi neri non sono costretti a "imprigionarlo" fin da piccoli nelle mutande, impedendone così la "crescita" nel corso degli anni. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è bella, non l'avevo ancora sentita.
      Allora i giapponesi che usavano una semplice fascia dovrebbero essere tutti dei John Holmes con gli occhi a mandorla... e invece sono quelli mediamente meno dotati.

      Sarebbe stata migliore come barzelletta

      Elimina
  4. Con questa gente sono sempre indeciso se usare gli stivali a punta e le scarpe antinfortunistiche: quale delle due fa più male secondo te?

    RispondiElimina
  5. Aspetto che qualche ricercatore indipezzente venga fuori a dire che l'aria fa male e che per vivere sani bisogna fare a meno di respirare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se lo sai, ma questa potrebbe piacerti: un tizio ha voluto verificare come una bufala si espandesse nella rete e ha aperto una pagina sui pericoli del DHMO, presente in molti alimenti, bevande, nel nostro corpo.
      Una sostanza in grado di corrodere i metalli e scavare le pietre, in grado di ossidare, arruginire, usato come propulsione nelle navi ecc ecc.
      Si tratta di semplice acqua, chiamata con il nome scientifico (che crea l'acronimo di DHMO http://www.dhmo.org/

      Ancora oggi ci sono migliaia di persone che lottano contro il dhmo, ogni tanto su facebook qualcuno condivide la pagina indignato e ottiene anche il plauso della folla virtuale che lo segue.

      Ovviamente il fatto che il creatore della pagina abbia ammesso che si trattava di uno scherzo, una prova, è stato preso come prova che il governo vuole insabbiare tutto...

      Ne avevo parlato nel blog, non so se lo hai letto.
      Credo si possa fare una cosa simile anche con l'aria, del resto il vento ha contribuito a livellare e levigare le montagne, e sposta interi deserti cambiandone completamente il paesaggio

      Elimina
    2. Conosco la storia del DHMO...c'è stato un tizio che nei newsgroup si spaccia per dr. (laureato in America...) e spande consigli di medicina alternativa, è antivaccinista, sostenitore dell'urinoterapia ecc., ebbene questo tizio si è lanciato in una campagna contro il DHMO, quando poi gli hanno spiegato che si trattava di acqua si è arrampicato sugli specchi per non ammettere di essersi sbagliato (non facciamo nomi, oppure sì, si tratta del famoso vanoli).
      Per restare in tema di ignoranza c'è anche stato chi, sempre su un newsgroup, ha lanciato l'allarme perchè aveva letto che nell'aria c'è un'elevata quantità di nitrogeno, nessuno gli, anzi le era una donna, spiegato che il nitrogeno non è altro che l'azoto, che in inglese si chiama appunto "nitrogen" e che molti traduttori ignoranti non traducono in azoto come sarebbe corretto (del resto sono quelli per cui la "silicon valley" è la valle del silicone)

      Elimina
    3. Ah bene, è proprio pieno di semianalfabeti allora.
      Si informassero prima di parlare almeno, proprio nell'epoca di internet e wikipedia dare allarmi su acqua e aria è veramente il massimo

      Elimina
    4. Io volevo promulgare qualche dieta basata sul nullarianesimo o robe così, dopo che ho sentito "fruttariani" meditare di passare all'acquarianesimo o robe così e sentirsi dire di gente che è diventata "respiriana", perché l'acqua fa male. Il prossimo passo è diventare nullariani, perché se ci pensi, l'ossigeno è una schiavitù, basta non respirare per un minuto e già il corpo ne ha bisogno, è veramente dipendenza. Son sicuro che qualcuno potrebbe crederci, se gli si monta un filmato di qualche indiano con sotto scritto "quest'uomo non respira da due anni" e robe così

      Elimina
    5. non sarebbe male.
      l'ossigeno è creato dalla lobby degli alberi, in realtà ci vogliono schiavizzare. se ci pensate respiriamo perchè è la norma, perchè lo fanno tutti gli animali meno che gli alberi.

      l'apnea è la cura, magari porterebbe a una bella ecatombe per asfissia di tutti questi idioti

      Elimina
  6. hai centrato in pieno in questo passaggio:

    "internet ha solo scoperchiato il coperchio e li ha fatti conoscere al mondo"

    aggiungi l'effetto domino (adolescenti influenzabili + cittadini urbani annoiati) e il gioco è fatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è anche da considerare il fatto che ora i siti web vengono visti come autorità assolute: prima dicevano "l'ha detto la televisione", adesso c'è "l'ha detto *tale sito*"

      Elimina
    2. leggi questo
      http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/05/peta-un-milione-di-dollari-per-la-carne-in-provetta/284700/
      non finiranno mai di stupirmi! magari ci fai un pensiero per un nuovo editoriale ;)

      Elimina
    3. Una delle grandi contraddizioni di animalisti e vegan vari: dicono che la carne gli fa schifo ma la imitano con il seitan, e ora la vorrebbero pure sintetica.

      Bha, vanno contro gli OGM ma contro la carne sintetica no, mi sa che non hanno le idee molto chiare.
      Fra l'altro sto milione di dollari da buttare nel cesso dove l'hanno trovato?

      Elimina
    4. tra l'altro ora la lega antivivisezione ha proposto l'abolizione di: ardia, sartiglia, palio e qualsiasi altra manifestazione equestre

      Elimina
  7. Ho visto cosa stanno facendo quei coglioni, e mi sta facendo incazzare. Adesso blocchiamo tradizioni millenarie perchè questi quattro coglioni non vogliono?
    Ma mandiamoli in miniera piuttosto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, alcuni tipi di palio non piacciono nemmeno a me che non sono animalista, mi sembrano brutti spettacoli anacronistici.

      Elimina
    2. Hai mai visto la sartiglia?
      Questi coglioni sostengono che cavalcare un cavallo è una crudeltà.
      Ai cavalli piace correre, sti mentecatti non conoscono neanche gli animali.

      Se poi vogliamo andare a guardare le piccolezze i cavalli sono gli animali trattati meglio su questo pianeta

      Elimina
    3. Infatti non penso, eccezioni a parte, che nei palii ci sia maltrattamento, ma semplicemente che alcune tradizioni sono un po' forzate, e oggi hanno un po' perso il loro vero senso. A parte il palio di Siena, altri palii, giostre e rievocazioni storiche, mi sembrano anacronistiche, e poco "sentite" dalla popolazione locale!

      http://www.youtube.com/watch?v=K-JjTkfwg7U
      Per esempio una corsa del genere(palio di ronciglione) che senso ha? che senso ha far correre dei cavalli scossi(cioè senza fantino) in un percorso cittadino asfaltato? è pericoloso per i cavalli, per le persone, e manca anche dell'elemento umano necessario in una vera competizione. In un casino del genere il vincitore è quasi totalmente casuale, non c'è nemmeno il merito di impegnarsi ad allenare al meglio un cavallo, e selezionare i fantini più bravi!
      Non è solo questione di animalismo, è proprio uno spettacolo brutto e rozzo

      Elimina
    4. http://youtu.be/ur_hgbhX5gg

      Invece una corsa del genere (il Grand National di Aintree, in Inghilterra) pur essendo "estrema"(7 km circa di distanza, e una 40ina di ostacoli alti minimo 1.5mt e larghi altrettanto)pericolosa, e osteggiata dagli animalisti, è una competizione seria, in cui entra in gioco anche il fattore umano(il talento e la preparazione dei fantini) ed ha un suo fascino, non è una macelleria di cavalli fine a se stessa

      Elimina
    5. andrea sei mai stato alle pariglie? si svolgono contestualmente alla sartiglia? http://www.youtube.com/watch?v=GiJG0EOB5HE

      Elimina
    6. (punto di domanda di troppo)

      Elimina
    7. Andrea neanche ti immagini il casino che c'è a Oristano quando c'è la Sartiglia. La gente a muro, a fiumi.
      Dire che non è sentito dalla popolazione è veramente fantascientifico.

      Gli animalisti dovrebbero essere mandati in miniera a lavorare 18 ore al giorno, poi voglio vedere se hanno ancora voglia di rompere i coglioni come ora che si fanno mantenere dallo stato e dalle donazioni di minchioni della loro risma

      Elimina
    8. Infatti io ho criticato i palii tipo quello di Ronciglione, in cui si lasciano galoppare i cavalli "scossi" sulle strade asfaltate, senza nemmeno cospargerle di sabbia o di terra battuta, e quindi facendo correre inutili rischi sia agli animali(che scivolano con estrema facilità), sia alle persone ai lati delle strade. Alla Sartiglia non ci sono mai stato, ma dai video mi sembra una manifestazione di tutt'altro genere, in cui ai cavalli non viene fatto correre alcun rischio inutile, visto che il percorso è cosparso di sabbia!

      Elimina
  8. A proposito di animalismo volevo segnalarti questo blog:

    http://trafficidianimali.blogspot.it/

    C'è del marcio nell'animalismo, anche peggio di quanto pensassi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella segnalazione Andrea, avevo già sentito che le voci sul massacro in Ucraina erano balle, anche la faccenda green hill è gonfiata a dismisura.

      Raccolte fondi probabilmente e indottrinamento dei fanatici

      Elimina
  9. mancano delle doppie, lettere "I" dove non servono e mancanti dove servono, e il congiuntivo?!? temutissima "malattia" degli occhi?!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con questo il millemillesimo (scritto apposta, professore, non pontificare anche su sta cazzata per favore) anonimo è convinto di aver distrutto tutti i miei argomeni!
      Ah, che genio!

      Elimina
  10. Ma sono l'unico deficiente qui a cui le scarpe danno semplicemente un fastidio cane e preferisce levarsele sempre quando è a casa, e non rimettersele se non è strettamente necessario? Ambo le parti mi sembrano idiote, come al solito, saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, forse sei l'unico deficiente che crede di aver letto che io tengo le scarpe anche quando dormo e mi lavo...
      Non capisci un cazzo di quanto scritto e mi dai dell'idiota, ma perchè non provi a fare qualche corso serale, cure intensive al fosforo e di "brain training" e poi torni a rileggere?

      Elimina
  11. Ciao,
    ti chiedo gentilmente di non confondere l'essere vegani con lo scalzismo. Credo che le due cose non abbiano nulla a vedere. Io sono vegana da anni, non rompo le palle a nessuno e non vado scalza. Penso pressapoco come te sugli scalzisti: liberissimi di farlo ma un tantino folli, a mio parere. sarà che ho visto "le suole" dei piedi di una a fine serata e no comment.
    Grazie
    ciao
    sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella "conferenza" che ho visto il 90% dei presenti era vegano, e "l'evento" era tenuto in una fiera del vegan.
      Non è che me lo sono inventato. Ovvio che non tutti i vegan sono scalzisti, ma quelli che ho visto io lo erano

      Elimina
  12. http://www.youtube.com/watch?v=7jrnj-7YKZE Ho come l'impressione che l'ignoranza alberghi qua, non si tratta di correnti alternative ma di diversi modi di pensare che ovviamente non potete rispettare, ma comunque penso che il docente di Harvard ne sappia decisamente più di me e di voi, quindi, prima di partire per tangenti prive di conoscenza (i pensieri sopra esposti nascono dai luoghi comuni più brutali) cercate di informarvi un poco, e poi, se ne potrà riparlare. Inoltre nessuno che gira scalzo va a rompere le palle a chi non lo fa, ma chi gira con le scarpe, non si sa bene per quale motivo, rompe a chi non le porta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che è arrivato uno scalzista...
      Non so, dimmi tu che andare in giro a dire che se metti le scarpe hai caldo e freddo stai facendo informazione scientifica e ti credo.
      Però devi andare in alaska completamente nudo ma con gli scarponi da scii...

      Elimina
  13. Quasi quasi anche io dovrei iniziare come la tipa qui sopra con: non confondere l'essere vegani con lo scalzismo. Credo che le due cose non abbiano nulla a vedere..... Io infatti sono scalzista, ma non sono assolutamente vegano e mi dispiace quando si confonde il piacere di camminare scalzi quando e dove fa piacere farlo, con ogni sorta di pensieri filosofici alternativi. Anche io ho motivo di pensare che camminare scalzi possa essere ortopedicamente consigliabile, senza per questo nascondere che ci sono anche svariati contro. Quindi io, per puro piacere personale, quando mi va e dove ritengo di non correre eccessivi rischi (in Italia quindi quasi ovunque) cammino scalzo: non è una filosofia, non è una religione, non ci azzecca con lo yin o lo yang, con l'energia dell' universo nè con la madre terra ... semplicemente trovo che le scarpe siano utensili (oltre che una convenzione sociale) e, se posso, ne faccio volentieri a meno, ma non me ne frega nemmeno nulla di fare proselitismo. quello che non capisco è tutto il livore, quasi l'odio che traspare da molti post verso qualcuno cui piace fare qualcosa che tu ed altri invece, a piena diritto, non trovate minimamente attraente... mai sentito parlare di vivi a lascia vivere?

    RispondiElimina
  14. Poche volte ho letto blog dove risiedono commenti così ignoranti e beceri. Non sono vegano, ne scalzista. Sicuramente animalista... Mi meraviglia l'accanimento che leggo, contro chi si limita a difendere come può, i diritti dei più deboli. Perchè l'animalismo non è null'altro che questo. Parlate di QI, di comprensione, secondo me dovete farvi un pò di domande e magari leggere un pò di più sui temi che trattate. Probabilmente cercare anche di essere meno arroganti e saccenti...

    RispondiElimina