lunedì 25 giugno 2012

Grillo farnetica e berlusconi segue

Che beppe grillo stia anando in giro a raccontare un mare di cazzate ormai è palese.
Affermare che la crisi economica è causata dall'euro non è solo stupido, ma anche totalmente ignorante.
La crisi attuale non è affatto causata dall'europa o dalla moneta euro, ma dalla scarsa coesione degli stati, se lo so io perchè non lo sa grillo?

Come da titolo grillo sta farneticando, parla di uscire dall'euro, dice che il debito pubblico è inventato (sta diventando complottista? Dio ce ne scampi), incolpa la bce e Monti dell'attuale situazione.

Ma come si può essere così imbecilli da attribuire 20 anni di merda a Monti che c'è pochi mesi?
Che fra l'altro ha fatto ben poco, praticamente tutte le "novità" sono state introdotte da berlusconi.
La banca centrale europea sta assumendo la connotazione di "ancora di salvataggio" per gli stati in difficoltà. Perchè?
La crisi greca, che ha trascinato con se mezza europa, è stata causata da un debito inizialmente molto minore di quello odierno, ma la Germania si è rifiutata di far arrivare gli aiuti, sostenendo che "non dobbiamo pagare i debiti dei greci". Risultato? Il debito è cresciuto a dismisura e il risultato ce lo abbiamo tutti sotto gli occhi.
Con la BCE che raccoglie una percentuale di reddito da tutti gli stati a fare da garante, episodi simili non accadranno più: se la grecia avesse avuto i soldi dalla BCE non saremmo a questo livello di crisi.
Semplice no?
Per alcuni no, preferiscono vedere furti e rapine (byoblu alias claudio messora) complotti (beppe grillo e complottisti vari) e cavalcare l'onda emotiva del popollo caprone per raccogliere consensi piuttosto che fare informazione.

"Una volta nel gregge è inutile che abbai, scodinzola" Anton Pavlovic Cechov

E ora silvio il nano di arcore torna alla carica, anche lui cavalcando l'onda di ignoranza becera degli italioti.
Lo stesso tipo di ignoranza che bada bene ha quasi portato i nazisti a prendere il potere in Grecia! Si sono salvati solo perchè uno di quei mentecatti è stato più idiota degli altri e ha malmenato una donna in diretta televisiva.

Anche lui parla di uscire dall'euro, parla di tutte le cazzate che circolano in rete e che ha capito che attirano i voti dei minchioni che neanche la merda con le mosche fa un lavoro così egregio.

Il risultato di questa rincoglionente disinformazione becera da tutti i lati?
Tanti poveri coglioni che vorranno l'uscita dall'euro e che festeggieranno nel caso, ma saranno pronti a crocifiggere chiunque stia al governo quando i danni di questa scelta stupida e ignorante si abbatteranno sulle loro teste di cazzo.

Su berlusconi tutto normale, si sa che non ha scrupoli e pensa solo alle sue tasche, ma grillo e messora, non si rendono conto del macello che stanno facendo? La Grecia non è forse un esempio abbastanza lampante delle conseguenze dell'isteria paranoica dettata dall'ignoranza che stanno spargendo?
Sempre più deluso da queste persone, pensare che grillo ha un potere mediatico assurdo, ma lo spreca coglionando i suoi spettatori con la ecowashball (per poco non buttavo 35 euro nel cesso, meno male che ho il brutto vizio di informarmi prima di comprare qualsiasi cosa) gridando al complotto quando è stato sputtanato, sparando cazzate immani sull'economia ecc ecc, byoblu invece era partito bene ma si è scoperto cavalcare l'onda che gli portava più soldi in tasca: quando c'era berlusconi al governo parlava male di lui, per coincidenza aveva anche ragione, quando si è dimesso e la gente ha iniziato a odiare Monti lui si è messo a parlare male di Monti e BCE, dimostrando un'ignoranza mostruosa: ha tradotto il Redeem, termine inglese usato in economia, con redenzione (non "riacquisto" o "compensare" o "adempiere", non avrebbe fatto bene alla sua propaganda fatta di sottofondi horror e tono di voce cupo) farneticando poi su colpe e peccati o qualcosa di simile.

Chi dovrebbe salvare la gente la sta coglionando per portare soldi nelle proprie tasche, del resto chi cerca di fare un po' di informazione non viene cagato di pezza come il sottoscritto, e se qualcuno legge nel  80% dei casi finirà con l'insultare chi dice la verità

30 commenti:

  1. Non prendertela così: non siamo così pochi :) E poi siamo un pubblico splendido! *modalità autocelebrazione di massa attivata* Ad ogni modo concordo: è stupefacente con quale velocità certe persone si adattino a dire ciò che molti vogliono sentirsi dire, ad attaccare il bersaglio che molti vorrebbero vedere attaccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una cosa che si spiega con denaro e potere.
      Un blog come il mio che non dice le cose per far piacere alla gente, ma per dire le cose come stanno, non è molto seguito.
      Diverso discorso è per il blog di beppe grillo, o perfino di byoblu che cerca di imitarlo negli argomenti: tantissimo seguito, comparsate in televisione (che generano altri seguaci), introiti pubblicitari e donazioni su paypal (oltre che vendita di libri e dvd).

      Molto più facile dire quello che vogliono sentire, anche perchè se leggi i commenti più in basso vedi quale è la reazione dei poveri di mente di fronte a critiche mirate

      Elimina
  2. Prima di scrivere qualcosa, l'autore dovrebbe studiare la nostra lingua.
    L'italiano ha delle regole precise, e solo nella prima frase ne ha infrante due.
    Inutile dire che non ho proseguito nella lettura.
    Dall'ignoranza, non può arrivare alcuna notizia utile, né opinione fondata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando la gente si attacca agli errori ortografici è perchè non ha nessun argomento con cui controbattere.
      E come volevasi dimostrare non hai detto niente a parte darmi dell'ignorante e così cercare di screditare quanto ho scritto, che a dimostrazione di quanto sei intelligente non hai neanche letto.

      Elimina
  3. "Monti che c'è pochi mesi?"
    Ho proseguito nella lettura, ma me ne sono subito pentito amaramente. L'ignoranza non si limita alla sola lingua italiana.

    " Nel 1988 viene nominato dal Governo De Mita e dal Ministro del Tesoro Giuliano Amato membro del Comitato Spaventa sul debito pubblico (1988-1989)[6],[7]."
    Guarda caso proprio gli anni in cui abbiamo avuto il peggior innalzamento del debito pubblico.
    fonte : http://it.wikipedia.org/wiki/Mario_Monti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccola la dimostrazione di immensa idiozia che mi aspettavo:
      Il comitato Spaventa era un gruppo di esperti-tecnici che hanno studiato dei nuovi titoli che il tesoro poteva emettere, dando dei consigli.
      Consigli che non si sa bene se siano stati tenuti in considerazione visto che il governo de mita è durato poco più di un anno.

      Quindi qua si vogliono attribuire 30 anni (io ho parlato di 20 perchè sono stati i peggiori, ma va bene lo stesso) di impennata del debito pubblico perchè per un mesetto del 1988 Monti ha fatto parte di un gruppo che ha studiato nuove forme di titoli di stato?
      Ma ti rendi conto delle stronzate che dici oppure sei talmente ignorante che stai trollando a cazzo?

      E bello pure che dai a me dell'ignorante, quando è evidente che non capisci una sega ne di politica ne di economia ne di spese dello stato

      Elimina
  4. Più sento parlare Grillo più mi viene in mente Guglielmo Giannini, personaggio che non ho conosciuto personalmente (non sono giovanissimo, ma ai tempi in cui Giannini era al culmine del suo successo come politico succhiavo ancora il latte materno, Giannini fondò il movimento dell'uomo qualunque, come i cinquestellati anche lui e i suoi seguaci si opponevano alla "casta" in nome della purezza, ecc.ecc., ebbero un certo successo, ma tutto si sgonfiò quando i qualunquisti eletti nelle varie amministrazioni dovettero, appunto, amministrare, e scoprirono che una cosa sono i proclami e gli articoli di giornale, una cosa è la cruda reltà. Quello che sta succedendo a Parma, dove il sindaco pentastellato non è ancora riuscito a formare una giunta, forse i parmigiani che hanno votato 5 stelle stanno cominciando a rendersi conto che una cosa sono i raduni, i proclami su internet, i blog e compagnia cantante, un'altra cosa è far quadrare i bilanci, gestire i servizi pubblici, insomma far funzionare una città e magari una nazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      E' facile parlare, molto più difficile agire, specialmente se a decidere ci sono degli incapaci che in testa hanno sogni e utopie irreali.

      Elimina
  5. Grillo non ha proposto l'uscita dall'Euro, ne' da parte dell'Italia, ne' da parte della Germania. Ha chiesto una verifica di costi e benefici sulla permanenza nell'Euro. Verifica che potrebbe anche far propendere per l'uscita dal punto di vista economico, ma non certo da quello politico. Ormai e' troppo tardi, non se ne fa una giusta sommando due sbagliate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece ha proprio detto che si deve uscire dall'euro, come fosse la panacea per tutti i mali, cosa che ovviamente non è, anzi...

      http://www.bloomberg.com/news/2012-05-10/euro-exit-can-t-be-taboo-in-indebted-italy-grillo-says.html

      Elimina
    2. Questo e' il "succo" di quanto rilasciato in quell'intervista:
      “We should ask ourselves if we can do it and what the damage would be,” he said about leaving the single currency and returning to the lira. “We would be able to depreciate our dear old lira by 40 percent to 50 percent overnight and that, while not solving our economic problems, would make more competitive” Italian exports."
      Tra l'altro specificava che si trattava della sua posizione, non di quella ufficiale del movimento.
      Oggi ribadisce lo stesso concetto dal suo Blog:
      "Io non ho proposto l'uscita dall'Euro come vorrebbe Scalfari, che incassa la pensione da ex parlamentare, ma un'analisi di costi e benefici reali dettagliata prima di proseguire su una strada che dei premi Nobel, non un miserabile demagogo come il sottoscritto, ritengono insensata. La mia idea di democrazia, comunque, è che una decisione così importante come l'ingresso nell'euro andasse a suo tempi sottoposta a referendum, non decisa sopra le teste degli italiani."
      Da parte mia non rimpiango certo le svalutazioni competitive e relativa inflazione, ma che l'Euro sia stata un'occasione persa mi pare abbastanza chiaro. Bisogna capire quanto persa e quanto recuperabile, sarebbe triste vedere l'Euro fare la fine del Serpentone.

      Elimina
    3. Questa intervista è vecchia, e già lì metteva le mani avanti specificando che si trattava di un'opinione personale, e non di una proposta del suo movimento. Inoltre leggo:
      “We should ask ourselves if we can do it and what the damage would be,” he said about leaving the single currency and returning to the lira. “We would be able to depreciate our dear old lira by 40 percent to 50 percent overnight and that, while not solving our economic problems, would make more competitive” Italian exports."
      Sul suo Blog ieri scrive:
      "Ps: Io non ho proposto l'uscita dall'Euro come vorrebbe Scalfari, che incassa la pensione da ex parlamentare, ma un'analisi di costi e benefici reali dettagliata prima di proseguire su una strada che dei premi Nobel, non un miserabile demagogo come il sottoscritto, ritengono insensata. La mia idea di democrazia, comunque, è che una decisione così importante come l'ingresso nell'euro andasse a suo tempi sottoposta a referendum, non decisa sopra le teste degli italiani."
      E' leggermente diverso dalle farneticazioni che gli si stanno attribuendo (tra l'altro mentre lui approda a considerazioni più "moderate", mentre mesi fa è vero che spesso diceva "fuori dall'euro subito e svalutiamo la lira del 50%" tout court, in molti iniziano a parlare di una possibile fuoriuscita dall'Euro, oltre a Berlusconi che è talmente oltre da minacciare una cacciata dall'Euro della Germania...).
      Il Serpentone aveva fallito, hanno voluto riprovarci 20 anni dopo in maniera definitiva, peccato che metà dei paesi che hanno aderito all'Euro hanno mentito in varia misura per poterlo fare.
      Che l'Euro sia nato, se non male, poco bene, mi pare sia abbastanza chiaro, che uscirne sia una valida soluzione è tutto da provare e finora non ho sentito motivazioni convincenti, anche perchè mi sembra difficile rimpiangere la svalutazione competitiva e la conseguente inflazione in voga negli anni '80 nella situazione in cui ci troviamo.
      Saluti

      Elimina
    4. Il problema attuale non è l'euro.
      Il problema attuale è la scarsa cooperazione e coesione degli stati dell'unione europea, che hanno causato questa crisi.
      Ci sono stati negli USA che stanno indebitati molto peggio della Grecia, eppure non è successo un casino simile, perchè gli USA sono molto coesi e si difendono a vicenda.

      Parlare di euro per questa crisi è come incolpare una nave enorme per uno tsunami che si abbatte su una costa: non c'entra una fava

      Elimina
    5. Alcuni commenti finiscono inspiegabilmente nella cartella spam, dove non c'è nessuna indicazione che contiene commenti, per cui se non vedi un commento pubblicato probabilmente è finita nello spam

      Elimina
    6. Significa che hai un buon servizio spam. Per tornare al discorso Euro, la scarsa cooperazione e coesione degli stati UE non è il problema attuale, ma un problema che esiste da sempre. Non si tratta DEL problema, ma di uno dei problemi per cui i paesi più deboli finanziariamente, il vecchio "club med", gli "zingari", i "maiali", in questo momento non sono solo facile sponda degli speculatori (questi cattivoni che fanno andare alla marola un sistema finanziario altrimenti tutto sommato valido...), ma sono soprattutto totalmente inaffidabili per qualunque investitore.
      Poi c'è tutto il resto, che sovrasta la questione euro ed europa, ed è fatto di decenni di malgoverno, spesa pubblica fuori controllo, analfabetizzazione di ritorno, annientamento culturale, malaimpresa e malapolitica, burocratizzazione, corruzione, illegalità e si potrebbe continuare a lungo. Spagna, Portogallo, Grecia e Italia non hanno in comune solo l'euro, ma soprattutto le caratteristiche di cui sopra (l'Italia in proporzioni maggiori, ma con la differenza che ha anche 60 milioni di abitanti e un tessuto produttivo potenzialmente paragonabile a quello di Francia e Germania). Irlanda e Inghilterra tra i "cattivi" sono gli unici che possono recriminare qualcosa alle ultime due crisi finanziarie ed economiche. Noi eravamo comunque destinati a fare una brutta fine.
      Ora il punto è, in questo momento: l'Euro è uno strumento utile a fronteggiare la crisi, oppure è d'impiccio a quelle politiche economiche che personalmente non condivido ma che sono auspicate per dare respiro al nostro paese non solo da quel "miserabile demagogo" di Grillo, ma da una serie di economisti più o meno accreditati? (e altri man mano se ne aggiungo più il tempo passa e più i vari incontri UE falliscono miseramente)
      Saluti

      Elimina
    7. Bhe, come l'euro non è l'unico problema, anche uscirne non può essere una soluzione valida...
      Porterebbe molti svantaggi, aggravando la situazione.

      Purtroppo la merda in italia è decennale, e se non si eliminano questi politici e dirigenti scellerati, incapaci e avari non ti salvi.

      Puoi mettere delle pezze, come è stato fatto fino ad ora (tagli, tagli, tagli, condono, tagli, tagli, scudo fiscale, tagli, aumento imposte, aumento tasse, tagli...) ma non faranno altro che rallentare il botto, che più tempo si spreca dietro questi infami balordi più sarà forte.

      Oltre alle cause che hai elencato il problema dell'italietta è anche la giustizia e la criminalità organizzata.
      I problemi sono tantissimi perchè chi sta al governo non ha nessun interesse a risolverli, perchè ci mangia da quei problemi.

      La soluzione per l'italia sarebbe una bella rivoluzione sia a livello di politica sia a livello culturale, ma la vedo una cosa molto difficile.
      Qualche tempo fa mi sono rallegrato della merda che stava arrivando, così che finalmente la gente avrebbe reagito. In realtà sono stato fin troppo ottimista: la gente ha reagito nel solito modo, cioè incazzarsi con il parafulmine del momento, affidarsi al solito pifferaio magico e non capire un cazzo di nulla di quanto sia successo davanti ai loro occhi

      Elimina
  6. Paolo, ex anonimo firmato26/6/12 18:59

    Io ho da subito capito che Grillo andrebbe preso a schiaffi per le baggianate che spara. Già la balla (sì, è giusto, balla con la B) Biowashball me lo ha screditato. No, io non lo voto.
    Berlusconi... beh, ho sentito di tutto, qualunque cosa dica è un ripetere.

    Il debito senza freni risale ben dentro la "prima repubblica": le politiche di bilancio allegre sono nate nell'ottava legislatura (1979-1983), poi sono state perpetuate con una lungimiranza che non andava oltre al proprio naso.

    Ho visto il trollaggio iniziale.
    Si sa che quando non si hanno argomenti da opporre si passa all'insulto. Si usa anche in politica. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcune cose giuste le dice, ma alla fine dice tante di quelle cazzate che sembra voglia screditarsi da solo.
      Con la biowashball poteva chiedere scusa, ammettendo candidamente che non sapeva che la sola acqua lava e che non è merito della sfera, invece no, ha gridato al complotto e si è sputtanato.

      Il vero peccato è che con il potere mediatico che ha potrebbe fare realmente la differenza facendo informazione con i controcoglioni, invece va ad elogiare la lega nord dicendo che sono stati silurati dai banchieri perchè non appoggiano i banchieri del governo, ha detto che bossi è un grande statista, ha detto che gli ebrei hanno il mondo in mano (visione NAZISTA del mondo) e che ahmadinejad magari sta solo ammazzando agenti governativi di altri paesi (si sa che addestrano bambini di 5 anni a questo scopo...). Ovviamente la minaccia di cancellare Israele dalla faccia della terra per lui sono solo goliardate, perchè lui è sposato con una islamica e il suocero dice che è così...

      Vergognoso, veramente vergognoso. Sta perdendo sempre più punti

      Elimina
  7. Non sono del tutto d'accordo su attaccare Grillo e il suo Movimento.
    Intanto lo considero una valvola di sfogo per i cittadini... il rischio che votassimo nazisti come in Grecia praticamente non esisteva in Italia e probabilmente i nostri politici dovranno proprio ringraziare il Movimento se la gente non è arrivata alle torce e ai forconi innalzando patiboli davanti al Parlamento.
    Per quanto riguarda il Blog di Grillo... c'è da dire che lui non fa altro che raccogliere tante notizie "particolari" e darne visibilità. Quando dice che se non le pubblica lui, in Italia, nessun altro le avrebbe pubblicate non ha tutti i torti. Lui indica le notizie: innovazioni tecnologiche, best practice amministrative e "bufale" e poi la gente ne dovrebbe discutere.
    Qua il punto debole è proprio nella gente, che spesso non ragiona con la testa e prende per oro colato anche le bufale. Che poi anche Grillo ogni tanto “ci marci”… è verissimo (se non sbaglio modifica i Tag delle notizie dimostrate palesemente “bufaline” in modo che i motori di ricerca facciano fatica a mostrarle nei risultati)… ma è un comico, non un giornalista scientifico e la cosa ci può anche stare… se lo si sa prendere con le “molle”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti non nego che dica cose giuste e anche molto interessanti, ma è il fatto di non correggersi mai che è un problema, visto anche il pubblico caprone che lo segue, perchè sbaglia anche lui (essendo umano).

      Dal mio punto di vista può essere una valvola di sfogo, ma non fa nulla per sfatare i falsi miti in cui crede la gente che lo segue, e anzi ci marcia sopra.
      Di questo passo tutto sto casino sarà servito non per far capire, dietro grandi sacrifici, che la politica non può essere lasciata allo stato brado, ma la gente penserà che le banche sono il male assoluto e lasceranno al potere questi politici e questi imprenditori, che ci porteranno ad una crisi anche peggiore di questa.

      Insomma pagare non servirebbe a nulla se la gente non impara la lezione.
      E' quello che critico a grillo, dovrebbe informarsi meglio sulle cause della crisi europea e italiana, che dalle mie parti stiamo in crisi da almeno 15 anni

      Elimina
    2. Non ho mai (per ora) votato Movimento 5 Stelle, ma nell'ultimo anno, anno e mezzo, sto iniziando a pensare che un trionfo di questo movimento alle politiche potrebbe (sottolineo potrebbe) avere un benefico effetto purga sulla politica italia. Mi bastano i 5 punti, portati a termine subito, e poi potrebbe anche scomparire, se non in grado di governare sul lungo termine (al momento sarebbe molto probabile, su base nazionale).
      Nel frattempo mi limito a registrare come i giornali, che prima hanno sminuito "l'antipolitica" di Grillo ne siano ora totalmente soggetti. Qualche esempio:
      -Grillo ha messo su una macchina per soldi, andate sul suo blog e vi danno in offerta gli ebook e i suoi DVD = andate sul sito di Repubblica o Il Giornale: cosa vi offrono? Ebook di loro produzione. E spesso hanno come soggetto Grillo. Ovviamente a pagamenteo. Incredibile.
      -Grillo è un miliardario (come se ci fosse qualcosa di male, tra l'altro da quando ha fondato il movimento il suo reddito è dimezzato) = Recentemente Feltri ha risposto ad Alfano che lo voleva candidare che lui guadagna 700mila euro l'anno, e non va a fare il senatore per uno stipendio da fame. Sallusti guadagna 1 milione l'anno, non so quanto guadagnino Scalfari, Mauro o De Bortoli, ma credo ci siano poche differenze. Niente di male, lavorano e i loro giornali vendono (?), peccato peroò che prendano anche i finanziamenti pubblici, a differenza del blog, degli spettacoli e dvd di Grillo.
      - Il Movimento 5 Stelle non ha un vero programma, ha 5 punti troppo generici, si concentra troppo sulla rete e liquida in poche pagine temi importanti come il lavoro = recentemente confindustria ha affermato che il problema delle imprese non è la riforma del lavoro, ma la diffidenza tecnologica e il divario digitale del nostro paese.
      - Grillo vuole uscire dall'Euro (non completamente vero), ergo è un pazzo = nelle ultime settimane fioccano gli articoli e interviste di esperti ecomisti e premi nobel, tra cui Krugman, Soros, Brunetta, sulla possibile uscite dall'Euro, e sulle debolezze della moneta unica.
      - Il Movimento 5 Stelle non sa governare, a Parma (188mila abitanti e un malgoverno che negli ultimi 5 anni ha devastato il suo tessuto politico) Pizzarotti non ha ancora scelti tutti gli assessori, sono degli incapaci = Leoluca Orlando, neo sindaco di Palermo (700mila abitanti), non si è ancora dimesso da deputato perchè il consiglio comunale non si è ancora insediato.
      - Grillo è un razzista, non vuole la cittadinanza ius soli, è peggio della lega, anzi, è la nuova lega = a parte che lo ius soli non lo vuole praticamente nessuno eccetto forse FLI e qualcuno nei partiti di sinistra (ma non tutti), la lega e il pdl sono responsabili sì di leggi razziste (fini-maroni), oltre al fatto che abbiamo avuto sindaci della lega che in piazza gridavano di bruciare i bimbi zingari (Gentilini, ma forse faceva satira).
      Insomma si potrebbe andare avanti per giorni, mi rincresce ammetterlo ma Grillo è molto più credibile di qualsiasi forza politica attualmente in Italia (sì, siamo messi molto male). E' vero che spesso non ammette i propri errori (con le strisce chimiche e il signoraggio in parte lo ha fatto, e infatti è stato attaccato come traditore da vari complottisti internettiani), ma in Italia chi è che si sta prendendo la responsabilità di 20 anni di cialtronerie e malapolitica?
      Saluti

      Elimina
    3. Non ho mai detto che grillo non è credibile perchè miliardario, anzi, ho sempre detto che se i soldi uno se li guadagna è una cazzata che debba vergognarsi di averceli. Purtroppo fa parte della mentalità degli italioti più straccioni fare i conti in tasca agli altri.

      Sul razzismo di grillo mi riferivo ad una intervista dove dava contro agli ebrei senza motivi abbastanza validi.

      Il fatto è che grillo avrebbe i mezzi per essere una rivoluzione nella politica e nella mentalità italiana, ma si adagia un po' troppo su slogan nati da pregiudizi, il che non aiuta ne a migliorare il tessuto sociale del paese ne a risolvere i problemi.

      Certo, non è corrotto come i politici di adesso, ma non significa che le sue idee non possano essere comunque dannose.

      P.S. anche se lo dicono dei premi nobel, uscire dall'euro avrà conseguenze disastrose. E poi siamo sicuri che non stiano parlando in generale dell'abbandono della moneta unica? Perchè l'italia come ben si sa è un caso mooolto particolare, anche se ovviamente gli altri paesi soffrirebbero comunque una grande perdita

      Elimina
    4. Non mi riferivo a quanto scritto su questo blog ma alla politica editoriale dei giornali nei confronti di Grillo: canzonare quando una cosa è proposta da Grillo, osannare quando la stessa cosa è proposta dai loro sodali (sinistra, destra, confindustria).
      Sui premi nobel era leggermente sarcastico, forse si poteva capire dal fatto che oltre Soros e Krugman ho citato Brunetta. Ovviamente i primi due non hanno mai detto che l'Italia dovrebbe uscire dall'Euro, così come non lo ha detto Grillo. Ma evidentemente ai giornali non interessa la verità. Non fare lo stesso errore (a meno che non sei un dipendente di De Benedetti o di Berlusconi o non prendi soldi dalla Confindustria, o la Fiat).
      Grillo, sempre che voglia fare davvero la rivoluzione, la fa con quello che ha, e cioè gli italiani. Non mi stupisco che forma, e a volte anche la sostanza, si affidi a slogan di facile presa. Siamo il paese dei tormentoni.
      Saluti

      Elimina
    5. PS mi scuso per l'italiano a volte poco corretto, da anni per lavoro sono abituato a scrivere e parlare in inglese, anche in quel caso in maniera tutt'altro che impeccabile, ma in quel caso la scusa è che non sono madrelingua.
      Saluti

      Elimina
    6. Guarda vai a leggere il post "il troll del buonumore" e vedrai un italiano veramente stentato, scritto da una persona che non ha nessuna scusante... quindi stai tranquillo (anche perchè non ho notato nulla di scandaloso).

      Bhè se grillo dovesse farmi ricredere ne sarò ben felice, comunque non sto screditando lui a favore di silvio.
      L'intento di questo post era appunto far notare come la cazzata di uscire dall'euro sia stata ripresa anche da berlusconi per prendere i voti di ignoranti che sanno poco gli effetti che avrebbe.
      E' una grandissima stronzata criticare delle idee guardando chi le dice (qualche volta ho anche difeso in parte berlusconi, figurati) magari appoggiandole dopo averle derise, è una vergogna.

      Spero che questo articolo non dia questa impressione (sto criticando l'idea di uscire dall'euro, per quello ho detto che grillo farnetica e berlusconi segue nel delirio) anche perchè non è affatto mia intenzione

      Elimina
  8. Palle Quadrate..forse hai anche il cervello quadrato. Prima di scrivere degli articoli in materia economica..dovresti informarti, altrimenti rischi di fare figure di merda. Grilla parla di uscire dall'euro..e tornare alla sovranità monetaria. Non è sua questa frase...già da tempo molti lo pensano e lo dicono, vedi Paolo Barnard, Vedi la MMT. Ora senza star qui a fare il figo e a mostrarti che io sono bravo e tu no...cerco di spiegartelo in modo semplice.

    L'euro è stata una truffa, non è una moneta nostra, non ci appartiena. L'ero viene emessa dalla BCE direttamente nei mercati dei capitali ( le grosse banche internazionali) e l'italia, ogni volta che ha bisogno di qualche spiccio per fare qualsiasi cosa, DEVE ANDARLA A CHIEDE IN PRESTITO.....proprio come te se devi comprarti una macchina. Ti prestano 10.000 euro..ma poi gliene devi tornare 16.000 ( interessi compresi). Ecco come funzione l'euro....Lo stato se ha bisogno di soldi deve andare a chiederli in prestito......da qui scaturisce il debito pubblico. Lo STATO A MONETA SOVRANA...PUò SEMPRE ONORARE QUALSIASI DEBITO ESSO A CONTRATTO.....semplicemente perchè può stampare soldi. La capisci questa macroscopica differenza?? Il tutto è frutto di un disegno criminale, teso a togliere pezzi di sovranità sempre maggiore agli stati europei. Guarda la grecia, la spagna, l'irlanda..siamo tutti nella stessa merda. Ci sarebbero tante altre cose da dire..e da spiegare, ma questa non è la sede piu opportuna. Prova a leggerti "il più grande crimine" di paolo barnard..sono solo 87 pag..leggilo con umiltà e prova a vedere se magari qualcosa che hai pensato fino ad ora è sbagliato. Ma non lo vedi che ci stiamo impoverendo tutti, stanno sempre più intaccando le nostre ricchezze, stanno creando sacche di povertà, masse di disoccupati pronti a lavorare un domani per miseri 400 euro al mese, stanno privatizzando tutto...stanno uccidendo la democrazia. Ma svegliat..ma dove cazzo vivi. Hai mai sentito parlare di come l'islanda è uscita dalla crisi...informati. La politica di oggi è solo una grande presa per il culo...i politici sono i camerieri del Vero Potere, ci hanno consegnato a loro.....Lo stato italia attualmente non conta piu nulla, non è Monti che prende le decisioni, Monti è in burattino che esegue i compiti che gli hanno imposto. Se tutti capissero queste cose...forse domani stesso ci sarebbe unarivoluzione generale. Invece di star qui a non fare un cazzo. Tu che scrivi Palle Quadrate..credi veramente che dopo tutti questi salassi, tasse, licenziamenti e disoccupati..l'italia possa riprendersi economicamente???. Uno stato a Moneta sovrana SPENDE A DEFICIT POSITIVO....SIGNIFICA CHE PUO PERMETTERSI DI TASSARTI 100..MA IMMETTERE NEL CIRCUITO ITALIA 200 ( PAGANDO AZIENDE, CREANDO MANODOPERA ECC)...QUESTO SIGNIFICA CHE AL NETTO...RIMARREBBERO 100 ( 200-100)...SIGNIFICA CHE TUTTI, AL NETTO, SAREMMO PIU RICCHI.significa che l'economia riprenderebbe a girare, ci sarebbe meno disoccupazione..e cosi via. STUDIA UN PO DI ECONOMIA....PERFAVORE, CERCA DI LEGGERE QUEL LIBRO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè mi dai dell'ignorante e mi tiri fuori questa stronzata colossale del signoraggio bancario?
      Ma vaffanculo! detto chiaro e tondo.
      Non ho neanche voglia di perdere tempo a provare a spiegarti qualcosa di economia, ho già scritto tutto sul blog.

      Legge barnard e va a dire "informati" a chi ha studiato a scuola, ma vaffanculo (e due)

      Elimina
  9. Ti linko un intervista di Grillo ad un giornale israeliano riportato sul sito della comunità ebraica di Roma, in questo articolo si vede quanto sia paranoico (schizofrenico?) Grillo.

    http://www.romaebraica.it/l%E2%80%99intervista-di-menachem-gantz-a-beppe-grillo/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agenti infiltrati in Siria...
      Boh, io mi chiedo come possano passare inosservati migliaia di soldati che ammazzano a destra e a sinistra

      Elimina
    2. Non sono ebreo ma leggo spesso gli articoli che pubblicano sul sito e sono molto interessanti spesso parlano dei complottisti.

      Elimina