venerdì 10 giugno 2011

Vegan: le piante non soffrono. Io dico di si

IL MOTTO DEI VEGAN E' CHE LE PIANTE NON SOFFRONO

In realtà le piante, essendo esseri viventi, soffrono.
Non è quindi vero che i vegan vivono senza portare morte o sofferenza, perchè le piante vivono!
Vista la grande ipocrisia di queste persone, vediamo di sfatare le loro menzogne (ci vorrebbe una enciclopedia colossale a dire il vero), visto che sostengono che piante e insetti non soffrono...

Sembrerebbe assodato che alle piante faccia bene ascoltare la musica, ma nonostante questo i vegan insistono a dire che le piante non soffrono e sopratutto non reagiscono agli stimoli esterni.
Infatti le piante non sentono da dove arriva la luce e non cercano di arrivarci, cosa che si impara (non dico neanche studia) alle elementari. Si chiama fotoprotismo, come è spiegato in questa illustrazione.

Ovviamente bisogna reagire agli stimoli esterni per una cosa del genere...
Ma c'è una piante che smonta definitivamente questa assurda menzogna che le piante non siano esseri viventi: la mimosa pudica.
E' una pianta molto particolare, con delle foglie sottili, la sua pecularità è che appena la si sfiora si chiude, da qui il nome pudica.



Bisogna ammetterlo: le piante sono esseri viventi.

Altra grande ipocrisia è il fatto che difendano solo gli animali belli da vedere e/o con il pelo morbido.
Vorrebbero chiudere i centri di ricerca perchè studiano sui topi, ma ignorano che l'80% delle ricerche si effettuano sulla mosca del formaggio, anzi, se ne sbattono altamente le palle.
Infatti, per stare a posto con la loro coscienza ipocrita, si sono inventati che gli insetti non hanno sistema nervoso.

Qualsiasi cosa a loro non piaccia non soffre quando la eliminano, fra un pò un serissimo studio vegan farà venire fuori che consumare carne, latte, uova e derivati distrugge il sistema nervoso, quindi lo sterminio degli onnivori assassini sarà giustificato.

Le immagini sono prese in prestito dal gruppo facebook Le cazzate dei vegetariani.

Ho anche scoperto da poco che gli stessi vegan che stavano pensando a querele e cazzi vari nei miei confronti vorrebbero eliminare anche i vegetariani, perchè secondo loro sono assassini.

Sempre più fanatici e invasati...

10 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Che siano esseri viventi non c'è dubbio, anche se appartengono al regno vegetale. Significa che non hanno sistema nervoso e che quindi non "sentono" alcun dolore.

    Tant'è che se stacchi un frutto dall'albero non lo "uccidi" perchè lui continuerà a fare quello per cui è stato programmato cioè maturare. Stavolta non mi trovi d'accordo...
    :)

    RispondiElimina
  3. Un frutto non è la pianta, il frutto non vive.
    Il frutto è il modo di riprodursi della pianta, infatti contiene i semi da cui nascerà un'altra pianta.

    RispondiElimina
  4. No ma questi qui sono completamente fuori di testa.
    Ho chiesto a dei vegetariani/vegani perchè la carne no ma le verdure sì, essendo questi ultimi esseri viventi...ero seria.
    Non l'avessi mai fatto, apriti cielo, dialogo zero, nessuno mi ha risposto, e in piu' mi sono beccata una marea di insulti, il che denota la loro intelligenza, perchè da qualche parte ho letto che si definiscono (grazie alla loro superdietasanissima) molto piu' intelligenti.

    Oltre all'essere "lievemente" invasati e mentalmente bloccati, sono pure degli ignoranti atomici e sono convinti di salvare il mondo: continuavano a dirmi "vedi, è anche una questione ecologica" ma allora il fatto che siete intelligenti è tutta una stronzata? Io non vi ho chiesto di espormi la vostra filosofia, ma solo di spiegarmi perchè mangiate i vegetali quando è risaputo che sono organismi viventi. Mi fanno "beh per la produzione della carne nei pascoli c'è un enorme consumo di verdura e di acqua" ah ok, ora è tutto chiaro, se noi non mangiassimo carne gli animali non mangierebbero più l'erba, è OVVIO. Ma come ho fatto a non pensarci da sola?

    scusa il commento chilometrico
    Ale

    RispondiElimina
  5. Quella è una delle contraddizioni di chi riferisce la propaganda senza pensarci sopra.
    Una persona mi ha inviato alcune mail, sostenendo che gli animali in cattività inquinano tantissimo, e che il pascolo brado faceva danni enormi.
    Allora le ho chiesto cosa ne volesse fare di questi animali, visto che creavano danni ingenti qualsiasi cosa gli facessi fare, salvarli o sterminarli tutti?
    Non ha più risposto...

    Scrivi pure quanto vuoi, ho visto di peggio

    RispondiElimina
  6. A me fa più tristezza tagliare delle foglie di basilico che mangiare un animale. Gli animali in genere si cerca di farli soffrire il meno possibile quando li si uccide per la carne. Invece le piante non vengono 'stordite' e sono costrette a sentire tutto il dolore. Al massimo la frutta non dovrebbe soffrire. Quando è matura si stacca dai rami appena la tocchi. Poi, anche se la mangi, i semi possono esser conservati e possono dar frutti. In alcuni frutti maturi, ancora bellissimi, dolcissimi, sodi e senza muffe, puoi trovare semi che già stanno mettendo le radici.

    Purtroppo la potatura, seppur dolorosa, spesso fa bene alle piante.

    RispondiElimina
  7. Ciao a tutti, a me è capitata la stessa cosa pochi giorni fa, di scontrarmi con un vegano! Sono per la dieta salutista e per gusto personale non mangio molta carne ma non tollero questa ''gerarchia'' che creano loro tra animali e vegetali! Per me sono uguali come lo è l'essere umano che invece si sente sempre superiore. Ci ha provato per giorni a convincermi accusandomi anche di essere insensibile! In effetti, sono proprio fissati e quello che è peggio, è che non accettano le opinioni altrui... forse sbaglierò ma io come soluzione agli allevamenti di massa che purtroppo esistono, gli ho detto che sarebbe stato più utile abbattere gli sprechi che è alla base di ogni sfruttamento. Ma chiaramente è stato come parlare con un muro!!! Grazie e scusate per l'intrusione.

    RispondiElimina
  8. Aha, ecco perché non ho mai trovato commenti vegani sulle scimmie antropomorfe che mangiano insetti! Li considerano radici con le zampe, proprio come sospettavo!

    RispondiElimina
  9. è tutto vero! ecco perchè non mi piace quando mi associano ai vegani....io seguo un regime alimentare veganetic che si preoccupa di preservare anche la vita vegetativa e che non contempla l'uso di piante e vegetali radicolari per l'alimentazione e la produzione di prodotti quali le tinture vegetali, i prodotti di igiene e di bellezza e i medicinali.

    RispondiElimina
  10. Tutto assolutamento vero! Ecco perchè non mi piace essere indicato come una persona che ha fatto una scelta vegana. Io ho scelto una strada VEGANETIC (vegetale/animica/etica/integrale/cosciente) non utilizzando per nessuno scopo vegetali radicolari, sia per uso alimentare che per la produzione di tinture, prodotti per l'igiene o medicamenti.

    RispondiElimina