mercoledì 11 maggio 2011

Testimonianza su prete pedofilo

Nel mio articolo sulle anticipazioni del libro "perchè i preti sono pedofili" un utente ha lasciato un commento veramente sconvolgente.
Apro quest'altro articolo per farlo leggere a più persone, perchè so bene che dei commenti perdono molta visibilità, e sinceramente non mi sembrava giusto non fare nulla.
Anche se sinceramente non sapevo che fare...
Quindi apro questo articolo, riportando tale testimonianza, altro non posso fare.
Il commento è anonimo, ma credo che sia ovvio.
Una persona che ha avuto tali esperienze deve avere ben poca voglia di rendere pubblico il suo nome.
Questo per mettere subito le mani avanti di fronte ai dubbi del "mente perchè anonimo".
Il commento sembra essere genuino, e io mi limito semplicemente a riportarlo su questo articolo:


Anonimo ha detto...
ecco la mia esperienza. ho avuto grossi problemi di tossicodipendenza da ragazzo e,come tanti nella mia situazione,sono finito per strada. dormivo ai giardini,mi lavavo alla fontanella ed andavo a rubare qualsiasi cosa mi potesse fruttare qualche lira per un buco.andavo a fare questua di chiesa in chiesa,quando ho trovato questa parrocchia nel centro storico della mia citta',genova,santa maria in passione,due passi sopra piazza degli embriaci(per chi conosce la citta' e' facile capire di quale stia parlando).comunque,entro in chiesa,malandato,puzzolente e mal preso fisicamente.chiesa vuota,11 del mattino,da in fondo alla canonica esce un ragazzino di colore e a pochi passi da lui un prete di mezza eta',devo dire anche un bell'uomo.gentile,ora dico lascivo,mi si avvicina e dopo alcuni convenevoli mi abbraccia,sento il suo pene duro,mi stringe,mi bacia,cerca la lingua.schiavo della mia dipendenza realizzai che potevo tirarci fuori soldi,lo lasciai fare,e anche di piu'.per tutta la settimana seguente andavo da lui,prma di me c'era sempre il ragazzino di prima e dopo di me a volte altri giovani.e i soldi venivano giu'..50mila,30mila.. nutriva la mia dipendenza,io la sua perversione. ecco la mia esperienza.
Io mi limito a riportare, come fanno i giornalisti (anche se sono solo un blogger qualsiasi) sperando che se il fatto sia vero, vengano fatte le dovute indagini. So che il reato in questione è già prescritto, ma potrebbero esserne stati perpretrati altri

3 commenti:

  1. Mi era molto difficile stare li a far nulla.
    Spero solo che il mio articolo non abbia offeso chi ha testimoniato, anche se commentando in un blog è sicuro che voleva far sapere la cosa

    RispondiElimina
  2. Piazza degli embriaci? Ci faccio un giretto con una fotocamera

    RispondiElimina