sabato 29 gennaio 2011

Pubblicità televisive ridicole

Ogni tanto mi capita di assistere esterrefatto ad alcune pubblicità che ti lasciano a bocca aperta per la loro immensa ignoranza.
Vogliamo vedere che cosa hanno sparato ultimamente i pubblicitari?

Iniziamo con Fiorello...
Entra in ascensore e inizia a parlare, la gente dentro non dice nulla. Lui finito di sproloquiare esce, e questi iniziano a parlare inglese...o almeno ci provano! Uno di loro dice "He's out of his head?" con sottotitolato "è fuori di testa?".
Che c'è di strano? Gli inglesi non usano l'italianismo (nel senso che è un modo di dire italiano) è fuori di testa...he's out of his head  è più traducibile come "è fuori dalla sua testa?". Certo che se stava fisicamente dentro la sua testa ci sarebbe stato da ridere...
Fosse stato inglese corretto avrebbe detto "He's out of his mind?" che sarebbe calzato meglio nel "è fuori di testa" italiano...

Passiamo ad altro.
C'è una pubblicità ridicola, dove una casalinga inizia a fare una corsa ad ostacoli in mezzo alla strada e al supermercato. Lasciando stare la già surreale cosa di fare una corsa il cui premio è il ricovero nel miglior centro di igiene mentale d'europa, ma come cazzo salta questa? Cioè tende la gambuccia in avanti e slancia il piede in alto tenendo l'articolazione tesa (quando la vedete fateci caso), ma che immensa stronzata!
Il salto degli ostacoli mica si fa così, saltando a quella maniera l'unica cosa che puoi ottenere è la frattura del ginocchio, che potrebbe piegarsi nella direzione opposta a quella normale...
Quanta ignoranza, linko un video del tubo (nel senso di youtube) molto vecchio ma dove si vede chiaramente che gli atleti tengono il ginocchio leggermente flesso, non teso al massimo col rischio di frattura, eccolo
Manco le olimpiadi hanno mai visto sti caproni.

Vogliamo parlare di Julia Roberts?
Le hanno dato 1.200.000 euro per star li a non capire un cazzo di quello che dicono Bonolis e gli altri (si capisce dallo sguardo, traspare chiaramente il "che cazzo sta dicendo?" che sta pensando) e a sorridere...
A parte che una persona che non dice una parola ma sorride e basta sembra ebete, probabilmente a lei non è fregato molto visto che aveva le tasche piene, ma a me una pubblicità del genere ha fatto ribrezzo...
Fra l'altro uno studio americano ha scoperto (ma va!?) che i vip nelle pubblicità non servono ad un cazzo, la gente vuole sapere quello che compra, non vedere un vip che magari si rende ridicolo. Sapete cosa pubblicizza totti? Un centesimo? O De Sica? Le offerte a volte neanche le dicono, convinti che basti il "VIP" (fra virgolette perchè di importante non è che abbiano tantissimo) a fare tutto...

Ma seriamente pubblicità del genere funzionano?

21 commenti:

  1. A parte il linguaggio piuttosto colorito, ma che rafforza il messaggio e condanna senza remissione certe fesserie televisive, concordo in pieno con quanto scrivi.

    Ovviamente non si può fare un elenco completo delle pubblicità cretine o totalmente fuori dalla realtà che ci vengono propinate, non in un post solo almeno. Sono sicuro che ne verrebbe fuori abbastanza materiale da fare un libro. Pensaci.

    Mi piace l'argomento, e mi è capitato di scrivere qualche riga circa le pubblicità idiote. Che ne dici di ampliare il tema?

    Buon fine settimana,
    HP

    RispondiElimina
  2. Grazie.
    Il linguaggio colorito è un mio piccolo difetto a dire il vero, ma lo uso quando ho a che fare con livelli troppo alti di stupidità o ignoranza (che quando troppo grave è una colpa).

    Riguardo le pubblicità ci sarebbe da scriverci un'enciclopedia, tanto non finiranno mai di stupirci, e appena noto altre castronerie ne parlo sicuramente

    RispondiElimina
  3. Margotti Street29/1/11 11:21

    C'è sempre modo di sabotare la cretineria dei pubblicitari e, secondo me, ancor più dei responsabili aziendali delle scelte ed è semplicemente NON guardare gli spot, NON acquistare quei prodotti, NON aderire alle offerte!
    Dopo un po', anche i cachet dei vip scenderebbero a rotta di collo e, per raggranellare, sarebbero costretti a partecipare all'Isola dei NON o NON PIU' famosi!
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. Se fosse per me quella gente già da anni farebbe il bidello o lo spazzino, altro che stare in televisione a dire cazzate per duemila euro al giorno

    RispondiElimina
  5. La mia abilità di comunicatore è proverbiale.
    Dando fondo a tutte le mie risorse, forse, riuscirei a veicolare perfino il classico messaggio "in fondo a destra". Quindi dico la mia impressione, senza alcuna cultura in materia.

    Di pubblicità cretine (perfino odiose) ne ho sentite parecchie, in tv o alla radio.
    Ma mi è sorto un dubbio...
    Non è che è questo che la pubblicità vuole?
    Dopotutto queste pubblicità le hai notate, ti hanno colpito e ne hai parlato.
    Significa che hanno raggiunto il loro scopo.
    Credo che l'obbiettivo principale degli spot non sia quello di farti comperare il prodotto, ma di farlo conoscere e ricordare (anche la pubblicità più accattivante non ti farà mai acquistare un prodotto di igiene intima femminile, specie a te, con quel nick).
    L'importante è che l'idea entri nel cervello, non importa come. E, se (notare il se) trova terreno fertile (cioè propensione all'acquisto) germoglia, e ti fa portare a casa quel progotto.
    Goal.

    RispondiElimina
  6. C'è un tizio su oknotizie che asserisce che l'obbiettivo della pubblicità non è ne vendere ne far conoscere il prodotto, ma semplicemente farsi notare.

    Qualunque sia il suo scopo con me ha fallito miseramente: non ho mai comprato niente che sia stato pubblicizzato.

    E vedere gente che si spezza le gambe, cosa molto dolorosa, non credo che invogli all'acquisto...

    Comunque sempre dallo studio che ho citato (quello dei "vip" nelle pubblicità) dice che funzionano di più le pubblicità che informano, piuttosto che le vaccate.

    Forse gli italiani sono rimasti all'età della pietra...

    RispondiElimina
  7. Ciao, ricordo la pubblicità delle calze dell'anno scorso...visto che è di attualità l'unità d'Italia, avevano storpiato l'inno di Mameli con "sorelle d'italia" e rallentandone il ritmo...venne fuori un gran casino mediatico e adesso da quel che mi risulta, quella ditta di calze ha cambiato spot. Ecco, mi veniva da nominarla... è questo l'effetto: tutti parlano di 'sta ditta, nel bene e nel male, e forse qualcuno si incuriosirà e gli interesserà delle loro calze

    Per via di pubblicità odiose ne avevo sentita una alla radio in cui l'attrice impersonava una sirena, non ricordo se era di macchine o di scarpe lo spot, penso di scarpe...La sirenetta per capirci quella di Andersen. Con la coda di pesce al posto delle gambe e diceva "non posso guidare io non ho le gambe ho la coda"...
    Sì certo...e tutti quelli in carrozzella o con protesi agli arti inferiori e che guidano con tutti i comandi al volante?

    RispondiElimina
  8. Altri tipi di pubblicità ODIOSISSIMA quando si è alla guida dell'auto sono quelle dove fanno sentire il fischietto del vigile oppure il suono del clacson o peggio quando stridono le gomme in frenata.
    Gli autori e i mandanti sono dei delinquenti al pari delle radio che le trasmettono!!!

    Ah occhio perché proprio sotto all'emblematico titolo del post ci sono gli annunci Google...

    RispondiElimina
  9. e quelle che fanno sentire un cellulare che suona? No?
    Oppure un allarme?
    Io non sopporto quando alzano il volume della pubblicità a dismisura e tu quando finisce lo devi abbassare di nuovo...io non guido per ovvi motivi ma a uno che guida penso che dia alquanto fastidio

    RispondiElimina
  10. Sono tutte cazzate fatte per entrarti nella testa.
    Purtroppo per google non ci posso fare nulla...solitamente mette cose che non c'entrano una sega...

    Credo che quando si faccia casino riguardo certe pubblicità non si fa altro che agevolarle.
    Spero che citare errori grossolani, probabilmente non voluti, non li aiuti troppo, altrimenti sarebbe un bel mondo di merda: si premia l'ignoranza e chi la denuncia fa il suo gioco

    RispondiElimina
  11. Paolo, ex anonimo firmato29/1/11 20:09

    Siccome a me piacciono i gatti, anche se non ne ho, aspetto di vedere le pubblicità "feline": spesso vedo che le costruiscono al computer, perchè far fare al gatto quello che vuole l'umano è un'impresa disperata. :D
    Ma ce n'era una "vera", quella in cui il padrone diceva della sua gatta dopo aver mangiato, fa il ruttino, che doveva recare scritto sotto: "Avviso: nel seguente spot l'essere intelligente è la gatta".

    RispondiElimina
  12. Gli irlandesi dicono: diffidate di chi non ama i gatti.

    Quel tipo doveva avere una grandissima personalità comunque...me lo ricordo.
    Mi piacciono i gatti ma non finirò mai al suo livello, forse con l'Alzheimer

    RispondiElimina
  13. Per chi parlava delle pubblicità di google:
    gli annunci google, credo che ci sia una possibilità di disattivarli da pannello di controllo opzioni adsense, non ricordo... anzi dovrebbe chiamarsi "guadagna"purtroppo non uso blogspot e non so aiutarti, ma immagino che tu usi i banner apposta per sponsorizzare il blog ed è giusto che tu lo faccia (a me non danno per niente fastidio, per la cronaca) li uso anch'io sul mio quindi...
    Al massimo per chi dovesse esserne infastidito esistono (per firefox) delle estensioni tipo adblocker o adblock non ricordo il nome le conosco ma non le uso
    PS sto in chat con una mia conoscente su facebook alla quale ho fatto leggere quest'articolo e mi ha detto scherzando "il cazzo non ha bisogno di pubblicità, guai se fosse"... :) :D

    RispondiElimina
  14. In effetti pubblicizzare il cazzo non dovrebbe essere normale, ma in alcune pubblicità l'ho visto fare (velatamente, ma lo hanno fatto)
    Credo si riferisse al tipo di pubblicità che venivano con adsense comunque.
    Sul blog c'è già da un pò e non si era mai lamentato

    RispondiElimina
  15. Ehm... per Google intendevo:
    Se apri questo articolo con il browser tramite il link diretto all'articolo, il primo impatto visivo comprende il titolo "Pubblicità del cazzo" seguito da un ads a caso di Google, es. ieri c'era una pubblicità con delle scie subliminali.
    Bene, la prima impressione è che l'immagine della pubblicità di Google faccia parte dell'articolo!
    Invece bisogna leggere il testo per comprendere che l'annuncio Google non c'entra niente perchè si tratta del gadget ads Google collocato sempre in quella posizione per qualsiasi articolo di questo blog.
    Non so... che sia un caso oppure ci sono di mezzo il Mossad, l'NWO, Haarp, Maccio Capatonda o gli sgommati?

    RispondiElimina
  16. Ho cambiato il titolo, non sia mai che venga bannato per denigrazione a google (il danno è poco, ma mi darebbe fastidio).

    Non dovrebbero essere stati loro perchè mi pagano ben 6000 euro al mese per insultare a nickbombe e ad altri invasati su youtube...

    RispondiElimina
  17. Uno di loro dice "He's out of his head?" con sottotitolato "è fuori di testa?".

    Non è che sia invece una fine citazione di una canzone degli EeLST?

    RispondiElimina
  18. Sono pubblicità, mamma mia! Come mille altre cose a chi piacciono e a chi no, belle e brutte, stupude o intelligenti e così via... Magari a te sembra ebete l'attrice di turno, a qualcuno può sembrare ebete uno che perde tempo a dire che ci sono pubblicità stupide. Tu sei colto sopra ogni limite? Conosci solo gente eccezionalmente colta? Che fa solo cose intelligenti? Vedi solo programmi di cultura? Si? Bene, allora hanno ragione quelli che credono agli extraterrestri.

    Non ti piacciono, le giudichi insulse? Gira con quel benedetto telecomando, come fai con un film o con un varietà o altro ancora!

    Totti è simpatico nelle pubblicità e io lo guardo volentieri anche se non sono e non sarò mai, probabilmente, cliente dello sponsor. E i miei figli piccoli ogni volta che lo vedono, soprattutto con l'apecar, si divertono un mondo, sono bambini e sono contento che si divertano gurdando quello invece di qualche imbecille che quando parla o scrive ci mette 10 parolacce o insulti in 20 parole.

    RispondiElimina
  19. Visto la grande lezione di vita gi "girare" il telecomando, perchè sei venuto a insultarmi se il post non ti è piaciuto?

    Fra l'altro non hai neanche capito cosa ho scritto, visto che la critica alla publicità con totti era che non si capisce il servizio.
    Ma l'importante è insultare e dare lezioni di vita agli altri giusto?

    RispondiElimina
  20. Il bue che dà del cornuto all'asino:

    "PalleQuadre ha detto...

    ...
    Ma l'importante è insultare e dare lezioni di vita agli altri giusto?"

    Bene bene. Allora:

    "pubblicità che ti lasciano a bocca aperta per la loro immensa ignoranza.

    Lasciando stare la già surreale cosa di fare una corsa il cui premio è il ricovero nel miglior centro di igiene mentale d'europa

    Manco le olimpiadi hanno mai visto sti caproni.

    A parte che una persona che non dice una parola ma sorride e basta sembra ebete"

    Ah certo, in quanto a insulti tu sei un signore, niente da dire. Ma caspita almeno leggi (e rileggi se non ce la fai a capire al primo colpo) quello che hai scritto, invece di rispondere alla c...o di cane ogni volta, ignorante!

    RispondiElimina
  21. Primo che ignorante non è un insulto, e poi dai dell'ignorante a me...
    E poi non sto neanche a spiegarti cosa c'è scritto, non sono il tuo insegnante di sostegno.

    Visto che hai dato la tua massima pensando di fare chissà quale figura seguila: "gira" il mouse e non leggere se non ti piace

    RispondiElimina