venerdì 28 gennaio 2011

Bear Grylls: Documentario consigliato ai vegani

C'è un uomo che si fa catapultare nelle più remote e impervie zone selvaggie del pianeta per mostrare alla gente come si sopravvive in casi di emergenza.
Si chiama Bear Grylls, e conduce un documentario per Discovery channel veramente molto interessante.
Cosa c'entra con i vegani? Adesso ve lo spiego:
Il suo nome reale è Edward Michael Grylls, ed è irlandese.
Ha fatto parte delle S.A.S. (Special Air Service) che sono uno dei gruppi militari più elitari al mondo (in pratica hanno le palle quadre).
Ma veniamo al documentario:

Man Vs Wild è il suo programma, e come acennato prima mostra le tecniche di sopravvivenza necessarie a tirarsi fuori da situazioni tutt'altro che piacevoli.
Mostra come procurarsi un riparo per la notte, come evitare pericoli, come procurarsi acqua potabile, come sopravvivere al caldo o al freddo, ma sopratutto come procurarsi CIBO.

Per quello ne consiglio la visione ai vegan.
Quei vegan che sostengono che un uomo non ha i denti per cacciare o sbranare un animale, che non può mangiare carne cruda, ma che sopratutto nega la scienza e migliaia di anni di evoluzione dicendo che la carne gli fa male.
Bear se ne sbatte gli zebedei, e si mangia larve, insetti, animali morti da poco, pesci ancora vivi...
Azzanna, strappa, mastica un quantitativo di carne non solo cruda, ma ancora viva.

Quello che fa Bear è quello che facevano i nostri antenati, e quello che dovremmo fare noi se non avessimo il nostro cementino e la poltroncina da cui sparare cazzate antiscientifiche.

Un mito sfatato? Ma se esiste il sushi da centinaia di anni...
Capiranno mai? No
Come gli dico sempre: andrebbero buttati in qualche posto, come fa bear grylls, così che vedano con i loro luridi occhi come funziona la natura.
Uno di loro è venuto a raccontarmi che conosce la natura perchè vive in campagna!
Campagna...uguale alla savana eh, ti accorgi della differenza solo per il caldo, poi dipende pure quale campagna, vengono certe persone in sardegna che non sanno cosa siano le ortiche, e si stupiscono che pizzicano...

20 commenti:

  1. Bear è un grande... ha la troupe dietro, ma da contratto non intervengono se non in casi estremi.

    RispondiElimina
  2. PS: mancavi al mio blogroll, scusa.... :-(

    RispondiElimina
  3. eh si lo vidi ad uno dei canali cablati britannici e' un gran personaggio, mi ricordo quando credo in amazzonia si mangiava i vermi vivi da un albero. pesantissimo, ma quello sa sopravvivere. Approposito come disse Higgins nei tre giorni del corno, questi fanno salotto perche' possono mettere la benzina nella macchina, ma quando manca il cibo, la benzina e fuori si gela vedi come cambiano idea!

    RispondiElimina
  4. Sto cazzo di servizio di merda non ha pubblicato il mio commento...
    @Claudio: Non era obbligatorio inserire il link, grazie mille.

    @Talligalli: Devi vedere la puntata dove pesca un salmone e se lo mangia vivo tirandogli un morso bestiale...

    RispondiElimina
  5. a me sembra uno dei peggiori personaggi televisivi che si siano mai visti, che senso ha prendere a morsi un pesce vivo? tanto per fare share.
    a sto punto mi diventano simpatici i vegani...

    RispondiElimina
  6. Che senso ha?
    FAME, quando sei buttato in mezzo a qualche jungla o deserto e non mangi da giorni che fai?
    Muori perchè mangiarsi un pesce vivo urta la tua sensibilità oppure cerchi di sopravvivere?

    RispondiElimina
  7. 1972, volo 571 della Fuerza Aérea Uruguaya precipitato sulle Ande. I sopravvissuti HANNO MANGIATO i loro compagni di volo morti. E sono stati trovati e salvati.
    Questo ti porta a fare l'istinto di sopravvivenza. Non dico che sia stato facile, ma loro lo possono ancora raccontare (e quindi sono vivi).
    L'uomo e' nato carnivoro, e' diventato un po' piu' onnivoro, la verdura fa bene, ma la carne e' sacra.

    Bel post, PQ!

    RispondiElimina
  8. Verissimo.
    E fra l'altro lo ha raccontato anche Bear.
    Man mano che i loro compagni morivano loro se ne cibavano. Deve essere stato veramente un duro colpo per la loro psiche, ma stanto due mesi intrappolati li non potevano fare altro...

    RispondiElimina
  9. Se fossi in una giungla o qualsiasi altro posto cercherei di sopravvivere in ogni modo; ma quel programma è solo un reality di bassa lega, tipo grande fratello e niente più, cambia solo il modo stupido di suscitare interesse.

    RispondiElimina
  10. E se non sapessi COME sopravvivere?
    Lui te lo mostra.
    Non è un modo stupido di suscitare interesse, è un documentario vero e proprio, e dicono cose molto interessanti.

    A differenza del grande fratello dove un gruppo di nullafacenti passa il tempo insultandosi e bestemmiando

    RispondiElimina
  11. anche a me fa venire i brividi immaginarmi uno che si mangia un pesce vivo...però noi che siamo fortunati e possiamo permetterci almeno 2 pasti caldi garantiti al giorno + volendo pure gli extra, abbiamo il tempo di pensare anche alla nostra e altrui "sensibilità"
    Forse si ha troppa "sensibilità" verso i pesci vivi, ma si ha perso quella che permette di capire che quando è in discussione la propria vita qualsiasi uomo anche coi princìpi morali + sani, è disposto a fare qualsiasi cosa pur di salvarsi il culo.
    PS @pallequadre levando via quel captcha là, mi hai fidelizzato
    metti pure www.iadkiller.org nel blogroll se lo ritieni opportuno... io devo ancora farla la sezione link preferiti, perché ho talmente tanti siti che visito, che stento a ordinarli bene per categorie e non mi va di metter decine di links tutti insieme su un widget.
    se ti serve il link diretto al feed rss è http://www.iadkiller.org/feed

    RispondiElimina
  12. La visione è tutto un impatto, non nego che molte volte mi lascia a bocca aperta.
    Però penso pure che se fossimo in amazzonia, o che se per qualche guerra o terremoto (tipo l'acquila) finissimo di nuovo all'età della pietra, quella sarebbe l'unica alternativa.

    Un acquilano mi ha raccontato che subito dopo il terremoto hanno fatto tante di quelle grigliate e barbeque come non ne aveva mai viste. In caso di emergenza si sono attaccati al bestiame.
    Pensa un vegano li in mezzo, sarebbe morto di fame o avrebbe mangiato l'arrosto?

    RispondiElimina
  13. E' inutile parlare di cazzate da fine del mondo quando viviamo in un mondo dove la caccia e le pratiche primitive servono solamente a un sottosviluppato che finge di vivere ancora nel 10000 avanti cristo. Siamo in un mondo che ha piegato ogni angolo della natura alla sua volontà, i supermercati straripano di cibo in occidente e credo proprio che il diritto a giocare a fare gli animali selvaggi sia una cosa del passato. Ora bisogna essere responsabili e preoccuparsi di come sviluppare la nostra società. Se qualcuno dei presenti vuole discutere di nutrizione e di cultura della carne, basta che me lo dice, gli spiego tutto quello che c'è da sapere... purché abbia pazienza e voglia di ascoltare. Saluti

    RispondiElimina
  14. Ti informo che una qualsiasi catastrofe, vedi terremoto, uragano, maremoto, inondazioni, possono catapultare le persone all'età della pietra.
    Cosa faresti se un giorno il supermercato si svuotasse dopo una catastrofe?

    RispondiElimina
  15. wagliu aizzat a merd bear è 1 grande io ho seguito tutte le puntate di wild e le cose ke fa sono straordinarie. É vero a volte mi lascia a bocca aperta quando si mangia tutti quegli animali ma é l'istinto della sopravvivenza ke porta a farlo. Cmq é un grande e io lo seguiro` sempre

    RispondiElimina
  16. Non ho capito la prima parte...

    RispondiElimina
  17. bear è vegan http://www.thesun.co.uk/sol/homepage/showbiz/tv/article267169.ece

    RispondiElimina
  18. Un vegan che mangia carne?
    Vegan significa che non mangia carne...

    L'articolo comunque è la solita gonfiatura giornalistica: bear ha detto di voler mangiare frutta, verdura e cereali il più possibile, limitando formaggio, uova e carne.
    Questo non significa essere vegan, ma significa seguire una dieta equilibrata (tutti dovremmo mangiare più frutta e verdura)

    Da qua a farne un vegan ce ne passa veramente ma veramente tanto

    RispondiElimina
  19. sei un grande! VERO! si deve parlare sapendo, i vegani sono persone disturbate che parlano senza sapere e per ignoranza. il leone che uccide una gazzella o il gatto che mangia il topo è naturale. se un essere umano prende un arco o un armo potrà sperimentare che tutti i sensi si acutizzano, sopratutto l'udito, è innata, è nostra da sempre. guardali i vegani sono gialli con gli occhi morti. secondo me sono disturbati, e avrebbero bisogno di cure psicologiche.

    io posso parlare perche sinceramente non mangio carne, a volte l'assaggio ma non mi va tanto, ma se mi trovassi in quelle condizioni mangerei anche un vegano per sopravvivere, non mangio carne perchè adoro mangiare altre cose di più, mi sento più legegro, ma questo è un lusso.

    abbiamo i denti canini.

    un altra cosa la volpe ha bisogno di 100 merlotti per sfamare il/la cucciolo/a e pensate voi il primo nido il merlo lo fa a terra, il secondo sull'albero. perchè? è la natura, la sua NATURALEZZA, l'unità che comporta un unione, il merlo concede la vita...e il ciclo della vita persiste.
    noi siamo identici, non vuoi mangiare carne? non rompere i coglioni però se sei disturbato e hai problemi o ti manca benzina per il cervello. mangia quello che senti non quello che pensi!

    RispondiElimina
  20. grande articolo.

    i vegani sono persone malate disturbate e impaurite della vita, e creano scuse e modi di protezione esteriore per scappare da se stessi.

    io premetto che non mangio carne, a volte l'assaggio, ma è un lusso, mi piacciono altre cose, ma se sto senza mangiare fagioli o pesce la carne ritorna a rittirare. non sono un represso. è un lusso, perche se si fosse in altre condizioni come 60 anni fa che mio nonno era secco come un chiodo e c'era poca carne se non la mangiavano bastava un polmonite per freddarli! ora tra il ricaldamento, le medicine, le mura dei condomini, il mangiare facilmente reperibile....VEGANI NON PRENDIAMOCI PER IL CULO! ALTRO CHE CARNE...LO PSICHIATRA CI VUOLE.

    la volpe per svezzare i volpotti ha bisogno di 100 merli, il merlo il primo nido che fa lo fa a terrà e il secondo in alto. è la natura, la naturalezza della natura, un dono di vita...come l'energia non finisce ma si trasforma, tutto un unità e armonia, e l'essere umano per capirlo deve solo non aver paura, non scappare, perchè la paura è l'opposto dell'amore.

    provate a prendere un arma e andare nel bosco, scoprirete che tutti i sensi in particolare l'udito si accentuano...è nel nostro istinto, cervello più profondo. ma oggi la chiesa, la società, i genitori, la scuola,...hanno creato repressione e quindi ogni tipo di nevrosi!

    se mi ritrovassi nelle condizioni di bear mangerei anche un vegano

    ah un altra cosa gesù era carnivoro, e hitler vegetariano

    ciao ;)

    RispondiElimina